Salute 30 Dicembre 2020 16:30

Operatori sanitari no-vax, Guido Rasi: «Atteggiamento incomprensibile. Favorevole ad obbligo e a provvedimenti»

L’ex Direttore Esecutivo dell’Agenzia Europea del Farmaco ai microfoni di Sanità Informazione sul piano vaccinale italiano: «La distribuzione a livello locale in alcune aree potrebbe creare dei problemi»

Il fatto che esistano alcuni operatori sanitari che non intendono vaccinarsi «sorprende e intristisce» Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) che si dice favorevole, in caso di necessità, non solo all’obbligo vaccinale (che però rappresenta comunque una «sconfitta della ragione») ma anche a provvedimenti verso chi non mette in sicurezza sé stesso e i suoi pazienti. Ma ai microfoni di Sanità Informazione il professor Rasi parla anche del piano vaccinale italiano, definito «logico e ben articolato», e dei vaccini AstraZeneca e Moderna, ancora non approvati dall’Agenzia dell’Unione europea.

Professor Rasi, l’EMA si è presa un po’ di tempo per approvare il vaccino AstraZeneca. Come mai?

«Più che l’EMA, direi che il tempo se l’è preso AstraZeneca. Mi risulta che non abbia ancora fatto domanda ufficiale di approvazione e che non abbia ancora presentato il set di dati finale, necessario per l’autorizzazione. Direi quindi che è una scelta dell’azienda di sottoporre i dati ad un regolatore piuttosto che ad un altro».

Li ha sottoposti al Regno Unito…

«Sembrerebbe di sì, perché il Regno Unito è andato avanti con un’autorizzazione di emergenza. Immagino che questa autorizzazione possa essere configurata anche come una prosecuzione di studio, con delle limitazioni a sottogruppi di pazienti dai quali è già stata individuata una sicura risposta positiva. Non abbiamo però ancora la dichiarazione ufficiale del regolatore inglese in cui vengono indicate le circostanze in cui autorizzeranno l’uso. Detto questo, si tratta comunque di un vaccino molto importante».

Quali sono gli aspetti che potrebbero approfondire?

«Dipende da quali studi si vogliano completare. Loro, ad esempio, hanno avuto questi risultati un po’ a sorpresa per quanto riguarda il dosaggio e sulle fasce d’età della popolazione. Potrebbe essere un’estensione di questi aspetti, un’estensione di studio volto a consolidare i risultati che hanno avuto con un determinato dosaggio. Molto dipende dalla strategia che hanno deciso di attuare e da quali evidenze complementari hanno chiesto i regolatori».

E invece qual è la situazione per quanto riguarda il vaccino di Moderna?

«Mi sembra che l’EMA si esprimerà il 6 gennaio prossimo. Gli Stati Uniti si sono già espressi favorevolmente, sempre con un’autorizzazione di emergenza. Il tipo di autorizzazione europea è un po’ più “robusta”, è un’autorizzazione completa. Non mi aspetto grosse sorprese il 6 gennaio ma staremo a vedere».

Cosa pensa del piano vaccinale del Governo italiano?

«Sulla carta mi sembra un piano logico e ben articolato, per quel che è dato a vedere al cittadino. Io però sono molto curioso di capire come si svolgerà a livello locale, che è un aspetto fondamentale. Immagino che ci saranno posti in cui tutto andrà liscio mentre altri potrebbero avere problemi. Purtroppo la classe manageriale italiana è molto eterogenea, con grandi picchi e qualche debolezza».

E per quanto riguarda la polemica relativa agli operatori sanitari che non intendono vaccinarsi?

«Come medico, mi sorprende e mi intristisce. Davvero non riesco a capire come un collega non voglia correre per andare a vaccinarsi…».

Se necessario, bisognerebbe rendere il vaccino obbligatorio?

«Ricorrere all’obbligo è sempre un po’ una sconfitta della ragione, però sì, mi sembra evidente. Come al solito, o si salva l’albero o si salva il bosco. Per cui non ho dubbi, se dovesse risultare necessario, sono favorevole. Non solo, penserei anche a provvedimenti per chi non si volesse vaccinare perché è una cosa incomprensibile».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»