Salute 16 Aprile 2019

Oncologia, ai Merit Award eccelle l’università di Pisa. L’intervista al pluri-premiato Rossini: «Qui si punta sui giovani»

Si tratta del prestigioso premio del congresso mondiale dell’American Society of Clinical Oncology di Chicago. Sono 125 i giovani ricercatori premiati, 12 gli italiani

Immagine articolo

Sono 12 i giovani medici oncologi italiani vincitori del Merit Award 2019, il prestigioso premio del congresso mondiale dell’American Society of Clinical Oncology di Chicago, in programma per il prossimo 31 maggio. I giovani oncologi premiati sono in tutto 125 e sono stati selezionati per le loro ricerche d’eccellenza nell’ambito delle neoplasie.

Tra i nomi italiani spicca il risultato ottenuto dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana che può vantare tre ricercatori premiati: Daniele Rossini, Federica Marmorino e Gemma Zucchelli. «L’intelligenza della struttura è stata voler puntare sui giovani», commenta il dottor Daniele Rossini, 31 anni e vincitore di tre Merit Award, che abbiamo raggiunto telefonicamente. «Un bel riconoscimento per tutto il gruppo di lavoro. Sono stati premiati tre progetti differenti che nel complesso analizzano la fattibilità di alcuni trattamenti chemioterapici che vengono proposti ai pazienti, come vengono tollerati e un’analisi sulle differenze che ci sono, per esempio, tra maschio e femmina. La mia ricerca, in particolare, si concentra su come aiutare i pazienti a fare la terapia, quali farmaci possono aiutare a far sì che le persone riescano a sopportare bene il trattamento chemioterapico».

LEGGI: RETI ONCOLOGICHE, BERETTA (AIOM): «AL SUD MENO INCIDENZA MA SOPRAVVIVENZA PIÙ BASSA: COLPA DI DIFFICOLTÀ ORGANIZZATIVE IMPORTANTI»

Il gruppo di lavoro di cui fanno parte Rossini, Marmorino e Zucchelli è guidato dal professor Alfredo Falcone e la dottoressa Chiara Cremolini. «Io non sono toscano, – spiega il dottor Rossini – ma quello che mi ha spinto a studiare all’Università di Pisa era proprio il fatto che vedevo che qui venivano premiati i giovani. Qui mi hanno permesso di crescere e di portare avanti le ricerche, cosa che invece in altre realtà non succede. C’è molta cura verso i giovani e questo non sempre succede in Italia».

«In Italia c’è un ottimo sistema sanitario, – continua Rossini – però si riescono ad ottenere risultati soprattutto grazie alla buona volontà degli sperimentatori. È chiaro che i contributi che lo Stato dà alla ricerca sono abbastanza limitati, però si riesce ancora perché c’è tanta buona volontà di alcuni gruppi di lavoro di volerla fare». Riguardo l’oncologia italiana «è un fiore all’occhiello, attualmente a livello europeo è una delle migliori, il sistema sanitario ancora non pone forti indicazioni come succede in altri Stati e quindi i pazienti che vengono trattati in Italia ricevono trattamenti all’avanguardia».

Dove guarderà la ricerca del gruppo pisano nel prossimo futuro? «Abbiamo attivi diversi studi – conclude Rossini -. Il prossimo anno speriamo di portare analisi sul ruolo dell’immunoterapia nel tumore del colon-retto che attualmente ancora ne è orfana. Speriamo di portare questo ma anche altri risultati».

Articoli correlati
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Regina Elena: cure personalizzate per adenocarcinoma polmonare
Oggi la medicina di precisione è in grado di individuare “il corredo” molecolare del singolo tumore, valuta l’efficacia di un trattamento e sceglie in tempo reale la strategia terapeutica. In alcuni tumori del polmone, ad esempio, la chemioterapia di prima linea non ha gli effetti attesi, anzi risulta pressoché inefficace, ma grazie alle caratterizzazioni molecolari […]
Concerti in reparto per dare serenità ai malati oncologici. Compiono dieci anni i “Donatori di Musica”
L’associazione è nata nel 2009, da un’intuizione del compositore e producer discografico Gian Andrea Lodovici e dell’oncologo Maurizio Cantore. L’iniziativa in dieci anni di attività ha coinvolto più di 20mila pazienti per oltre 800 concerti principalmente in Italia, ma anche in Austria e negli Stati Uniti
di Federica Bosco
Trento, la bellezza entra nei reparti di Oncologia grazie al progetto “Donatori di Musica”
Trasformare le stanze di un reparto oncologico in sale concerto: una pausa di bellezza e convivialità durante un percorso terapeutico difficile e pieno di incertezze. Grazie a Donatori di Musica, quella che può sembrare un’utopia è da dieci anni una sorprendente realtà. Sin dal 2009, infatti, grazie ad un’intuizione del compositore e producer discografico Gian […]
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone