Salute 23 Febbraio 2017 12:20

Medicine alternative, costo o risparmio per il Servizio Sanitario Nazionale?

Walter Ricciardi (Istituto Superiore di Sanità): «No ai fondi per medicine alternative». Maurizio Romani (Idv): «No è aggravio, ma un risparmio». Intanto un italiano su 5 fa uso di medicinali alternativa e l’omeopatia è la cura più diffusa

Ambulatorio di omeopatia oncologica” poche parole sufficienti a scatenare una polemica. Questo il testo di un cartello, affisso davanti a un ambulatorio dell’Asl di Lucca, casus belli della diatriba omeopatia sì, omeopatia no, tornata così a scalpitare.

«I principali sistemi sanitari del mondo ritengono questi trattamenti non efficaci» chiosa Walter Ricciardi a capo dell’Istituto Superiore di Sanità contrariato dalla cartellonistica affissa al terzo piano dell’edificio B del Campo di Marte. Infatti la dicitura ‘omeopatia oncologica’ potrebbe dar luogo ad un messaggio fuorviante e cioè che la medicina alternativa avanzi la pretesa di curare i tumori.

In realtà la struttura pubblica nell’occhio del ciclone si chiama “Ambulatorio di medicine complementari e alimentazione in oncologia”, e la sua principale funzione è quella di alleviare gli effetti collaterali delle terapie antitumorali con omeopatia, fitoterapia e agopuntura per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Eppure la poca chiarezza del cartellone, messo online su twitter, inasprisce Ricciardi che drizza le antenne e ribadisce che «il Servizio sanitario pubblico ha l’obbligo morale, scientifico e finanziario di erogare solo prestazioni che siano contemporaneamente sicure ed efficaci e per questo valutate alla luce delle più rigorose e consolidate metodologie scientifiche. Sorprende che in un’epoca di scarse risorse per il Servizio Sanitario Nazionale parte di quelle pubbliche vadano ad attività di nessuna evidenza scientifica» prosegue il Presidente, attirandosi il malcontento di molti fautori dell’omeopatia e delle medicina non convenzionali.

Ad assumersi l’onore di rispondere al Presidente Ricciardi è il Senatore Idv Maurizio Romani, Vicepresidente della Commissione Sanità che inserendosi nella polemica ci tiene a sottolineare: «Riguardo ai costi dei servizi di omeopatia, agopuntura, fitoterapia inseriti nel Servizio sanitario regionale toscano: il Ticket minimo che paga l’utente è di 24 Euro e sale a seconda dell’ ISEE di ciascun utente. Il costo dei ticket in linea di massima copre quasi interamente il costo dei servizi, visto che non vengono forniti i medicinali – spiega Romani -. In ogni caso è bene ricordare che una quota importante degli utenti non usa la medicina convenzionale se non in casi particolari e quindi di fatto non usufruisce abitualmente del Servizio sanitario regionale, se non in minima parte, pur pagando regolarmente le tasse. Inoltre diversi studi “costi-benefici” sostengono che l’uso del trattamento omeopatico riduce i costi sanitari. Per cui, in linea di massima, nessun aggravio di spesa, anzi un risparmio».

La Toscana è stata la prima Regione italiana a inserire le medicine complementari tra le prestazioni offerte dal Servizio sanitario aprendo ambulatori pubblici omeopatici. Questa novità, ha permesso l’inserimento di agopuntura, fitoterapia, omeopatia e medicina manuale, nei Livelli Essenziali di Assistenza regionali e l’istituzione della Rete Toscana Medicina Integrata, struttura di governo clinico presso l’Assessorato alla salute regionale.

Con una visuale più ampia sul territorio, senza soffermarsi esclusivamente sulla Toscana, il Rapporto Eurispes 2017 sull’omeopatia, scatta una fotografia nitida dell’atteggiamento degli italiani nei confronti delle medicina non convenzionale.  Dal rapporto emerge che oltre un italiano su 5 (il 21,2% della popolazione) fa uso di medicinali alternativa (con un +6,7% rispetto al 2012) e l’omeopatia risulta essere la cura alternativa più diffusa. Quando si decide infatti di non affidarsi alla medicina tradizionale, ci si orienta prima di tutto all’omeopatia (76,1%), seguita dalla fitoterapia (con il 58,7%), l’osteopatia (44,8%), l’agopuntura (29,6%) e, infine, la chiropratica (20,4%). In sostanza, la popolazione che utilizza le medicine complementari è in aumento rispetto alla rilevazione passate.

Articoli correlati
LEA 2010-2018, Gimbe: «Il 25% delle spese per la sanità non ha prodotto servizi per i cittadini»
L’analisi Gimbe documenta una percentuale cumulativa degli adempimenti delle regioni ai LEA del 75% con una forbice molto ampia: in testa alla classifica 11 regioni tutte del centro-nord, ad eccezione della Basilicata
Fnopi: «Nuovi Lea, che fine ha fatto il “decreto Tariffe”?»
Aceti, presidente Fnopi, contro i tre anni di ritardo sul decreto tariffe: «Non fa che accrescere le disuguaglianza tra regioni»
Telemedicina, passo avanti della Conferenza delle Regioni. Bologna (Misto): «Inserirla nei LEA e predisporre formazione ad hoc per i medici»
«Sono sicura che con la collaborazione tra istituzioni e professionisti nei Tavoli di Lavoro si possa trovare una strada comune a vantaggio dei pazienti e nel rispetto del Codice Deontologico» sottolinea il medico e parlamentare del Gruppo Misto
Campania, Graziano (Comm. Sanità): «Ecco come siamo usciti dal commissariamento. Aggressioni, lavorare su videosorveglianza»
Intervista al presidente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale, Stefano Graziano: «Da oggi più assistenza ai nostri cittadini. Avanti anche con la lotta alle aggressioni negli ospedali e ad una riprogrammazione degli accessi alle facoltà di Medicina»
Sanità del Lazio, Zingaretti annuncia l’uscita dal commissariamento: «A breve decreto del Cdm»
L'annuncio al termine del tavolo tecnico al ministero dell'Economia. Zingaretti: «Confermato un utile per il 2018 dei conti della sanità di oltre 6 milioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...