Salute 27 Novembre 2019

Oltre l’80% degli italiani cerca informazioni sulla propria salute. Due su tre si rivolgono alla Rete

Dottor Google è la principale porta di ingresso, ma il medico resta il vero punto di riferimento. I risultati dell’analisi condotta da IQVIA Italia

Cresce sempre di più la consapevolezza degli italiani nella gestione della propria salute. Il cittadino oggi è più autonomo nella ricerca attiva di informazioni legate al benessere e per farlo usa tutti i canali a disposizione: internet, il medico di medicina generale, il farmacista, il medico specialista e le riviste di settore. A rivelarlo è la recente indagine condotta da IQVIA Italia, leader globale nel campo dell’analisi dei dati in ambito medico, che ha intervistato 1000 adulti con questionari a risposta multipla. Il 31% degli intervistati ha dichiarato di cercare spesso informazioni sulla propria salute e il 52% ogni tanto. Soltanto il 3% ha dichiarato di non cercare mai informazioni sulla propria salute e il 14% raramente.

«Secondo i risultati dell’indagine – si legge in una nota -, la fascia media d’età (45-55 anni) è quella più attiva nella ricerca di informazioni sulla salute (87%), seguita dagli over 55 (85%), sempre più impegnati nella prevenzione e nel mantenimento del benessere. Gli ultimi sono gli under 34 che si “fermano” al 77%. Percentuali che si ribaltano quando si passa alle app per il benessere: in questo caso gli under 34 sono i maggiori utilizzatori (44%) seguiti dalla fascia dei 35-44 anni che si attesta al 32%. Andando avanti con l’età, diminuisce il numero di chi usa queste applicazioni: tra i 45 e i 55 anni le utilizzano solo nel 29% dei casi, percentuale che si abbassa al 22% per gli over 55. Cresce l’utilizzo delle app per controllare l’attività fisica (62%), l’alimentazione (33%), per monitorare parametri vitali, come la pressione del sangue (25%), e per ricordare i farmaci da assumere (19%)».

Ma che cosa cercano gli italiani sul web in tema di salute? «Su Internet sintomi e patologie sono i temi più ricercati (64% dei casi), seguiti dagli stili di vita, per esempio dieta e alimentazione (55%). Ma si ricorre alla tastiera anche per capire meglio la posologia di un farmaco e le eventuali controindicazioni (43%), mentre scendono agli ultimi posti le ricerche sugli integratori (29%) e sui centri medici specialistici a cui rivolgersi (28%). A livello di genere, in tema di salute, le donne consultano il web molto più spesso (41%) rispetto agli uomini (21%)».

LEGGI ANCHE: TUTTI PAZZI PER IL DOTTOR GOOGLE. COME ARGINARE QUESTA CONCORRENZA (SLEALE)? LA RISPOSTA È NELLA FORMAZIONE 

«Internet – prosegue la nota – continua quindi a ricoprire un ruolo chiave e trasversale all’età: il 67% degli italiani si rivolge alla Rete per cercare informazioni sulla salute. Sul web trovano immediato accesso a una miniera infinita di dati. Tuttavia, le notizie online non sono sempre chiare e coerenti, per questo motivo nasce l’esigenza di condividere con il proprio medico di base le informazioni trovate online e contestualizzarle rispetto alla propria condizione. Secondo l’indagine IQVIA, infatti, il 60% degli italiani si rivolge poi al medico di base per avere maggiori informazioni sui sintomi e la cura di una malattia, sulle strategie di prevenzione e sui farmaci e la terapia. Mentre al medico specialista e al farmacista i cittadini si rivolgono nel 27% dei casi».

«Il cittadino utilizza tutti i canali di informazione indistintamente: si informa sul web per capire meglio una diagnosi o una prescrizione, chiede poi spiegazioni e approfondimenti al medico o al farmacista – spiega Isabella Cecchini, Principal del Dipartimento Ricerche di Mercato di IQVIA Italia -. Dobbiamo pertanto abituarci a un sistema fluido e articolato, dove il medico rappresenta sempre il fulcro della gestione del proprio benessere, ma il cittadino-paziente sente sempre più l’esigenza di approfondire in autonomia i temi legati alla salute e di confrontarsi con chi ha avuto la sua stessa esperienza di malattia e di cura».

Come cercano i cittadini le informazione in Rete quando si tratta di salute? Dottor Google vince sempre: il 64% delle ricerche è realizzato digitando una o più parole chiave sul più famoso motore di ricerca del mondo, mentre i siti specializzati su determinate patologie sono scelti nel 55% dei casi. I siti generali di informazione sulla salute sono apprezzati dal 43% degli intervistati mentre i portali di ospedali o centri di cura sono consultati nel 29% dei casi.  Il 28% degli intervistati ha affermato di cercare informazioni sulla salute anche attraverso blog e forum.

«Il tema chiave che emerge da questa ricerca – chiarisce Isabella Cecchini –  è la necessità di ridefinire il rapporto medico-paziente: il paziente vuole essere protagonista nelle scelte, ma al tempo stesso chiede al medico di essere guida e supporto nella comprensione della diagnosi e nella gestione attiva e consapevole della cura».

Articoli correlati
Coronavirus, cosa succederà nei prossimi 150 giorni? Le proiezioni di IQVIA
Secondo la società leader nel campo dell’analisi dei dati in ambito medico, in Italia nei prossimi cinque mesi ci saranno tra i 184mila ed i 246mila casi di Covid-19
La comunicazione ai tempi del Coronavirus: dalle incoerenze dei politici alle discussioni tra esperti (non proprio rassicuranti)
L'intervista a Luigi di Gregorio, politologo all’università della Tuscia: «I media vivono di dinamiche ipercompetitive che amplificano i fenomeni di massa, ma i medici devono imparare a comunicare in un tempo senza certezze»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e bambini, lo psicoterapeuta: «Hanno paura se vedono adulti spaventati senza conoscerne il motivo. Diciamo loro la verità»
Alberto Pellai fornisce consigli su come gestire angoscia e preoccupazione: «Partire da fatti e dati oggettivi. La probabilità reale che ognuno di noi ha di morire a causa del coronavirus è forse l’equivalente di morire in un incidente stradale. Eppure continuiamo a prendere la macchina»
Coronavirus, in farmacia crescita a tre cifre per la vendita di mascherine e igienizzanti per mani
Le vendite di mascherine hanno iniziato a crescere nella settimana del 20 gennaio, più che quadruplicando rispetto alla settimana precedente, passando da un fatturato di 42mila euro a 180mila euro
Farmaceutica, come l’innovazione può cambiarne il passo. Liberatore (IQVIA): «Processo da velocizzare»
«In Italia l'accesso all'innovazione non è rapidissimo. Il Sistema Paese deve aiutare le aziende a renderla disponibile ai pazienti nel più breve tempo possibile e ai costi più ragionevoli». Così il general manager di IQVIA
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...