Salute 5 Giugno 2020 05:27

Oltre 200 parti all’ospedale di Lodi nell’era Covid. Con “pronto mamma” e “Home visiting” percorso nascite in sicurezza

Giacchero (responsabile dipartimento materno infantile): «Pronto soccorso in ostetricia con tampone naso faringeo per le mamme, allattamento ed esami di screening a domicilio dopo il parto. Modello per la sanità del futuro»

di Federica Bosco

La vita oltre la pandemia. Sono duecento le nascite registrate dall’inizio dell’epidemia all’ospedale di Lodi, un primato nella zona rossa che porta la firma della dottoressa Roberta Giacchero, responsabile del dipartimento materno infantile che ha saputo, con la sua squadra, organizzare, dirigere e rassicurare le future mamme.

«Abbiamo avviato una serie di azioni volte a favorire le puerpere e i neonati – spiega la dottoressa -. Siamo partiti con la creazione di un pronto soccorso in ostetricia che prevede un iter preciso: alle donne viene fatto un tampone naso faringeo e, a seconda del risultato, vengono avviati percorsi separati. Abbiamo cercato di creare una certa normalità mantenendo i corsi di preparazione al parto, ma al fine di limitare l’accesso delle donne al reparto, abbiamo creato una modalità organizzativa a distanza che vede la partecipazione di tutti i professionisti coinvolti nel percorso nascita. Questa modalità di erogazione – prosegue la dottoressa – permette un elevato valore di interattività con le donne gravide in un regime di protezione. Abbiamo poi creato il telefono cosiddetto “pronto mamma” per garantire un supporto nelle fasi successive alla dimissione, per evitare inutili accessi alla struttura ospedaliera. A disposizione delle mamme, è un numero telefonico a cui possono rivolgersi per problemi legati al post-parto e all’allattamento. C’è un’ostetrica che, a seconda delle necessità riscontrate, attiverà le altre figure di riferimento».

LEGGI ANCHE: ABORTO E COVID-19, L’APPELLO DI ASSOCIAZIONE COSCIONI E AMICA PER UNA CORRETTA APPLICAZIONE DELLA 194: «LEGGE DA DIFENDERE, OGGI PIÙ CHE MAI» 

L’ospedale ha attivato anche un servizio di assistenza per il periodo successivo al parto: «Per il post-partum – sottolinea la dottoressa Giacchero – abbiamo creato il cosiddetto “home visiting” per tutti i neonati che risiedono nell’area ASST di Lodi. Si tratta di una equipe formata da un’ostetrica, un’infermiera pediatrica e una puericultrice; insieme, programmano con la famiglia la visita domiciliare che viene svolta partendo da un’attività di triage per verificare una possibile infezione da Covid. La visita domiciliare ha poi il compito di valutare il corretto adattamento alla vita del neonato, l’allattamento al seno e l’eventuale presenza di ittero neonatale. Là dove previsto dalle normative – evidenzia – viene effettuato poi anche il secondo screening neonatale, tutto questo per evitare che il neonato e la mamma debbano tornare in ospedale. È un percorso che abbiamo intenzione di portare avanti anche in futuro indipendentemente dall’epidemia, perché ha riscosso molto successo tra le mamme».

Un ospedale che ha saputo dunque trasformare una gestione emergenziale in un’organizzazione ottimale e che sarà un modello per i futuri reparti di neonatologia. «Le mamme si sentono protette – conclude la Giacchero -. Questo obiettivo è stato raggiunto e contiamo di proseguire su questa strada anche per il futuro. Un angolo separato dal resto dell’ospedale con un percorso nascite definito e con la possibilità di fare tutti gli esami di screening necessari nei primi mesi di vita del bambino in sicurezza».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vaccino Covid-19, Chimici e Fisici a Speranza: «Ci inserisca tra le categorie prioritarie da vaccinare»
«Nessun professionista sanitario deve essere escluso dalla lista delle categorie prioritarie da vaccinare» sottolinea la Presidente della FNCF, Nausicaa Orlandi
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...