Salute 6 Dicembre 2021 10:10

Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»

Appello del Presidente della Società Oftalmologica Italiana: «Il Covid ha cancellato la prevenzione e generato ritardi nelle liste d’attesa»

Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»

Sono due milioni gli italiani che oggi soffrono di disabilità visive, due italiani su tre hanno difetti della vista, mentre le statistiche dicono che entro il 2030 il numero di ciechi e ipovedenti è destinato a raddoppiare. Eppure nel PNRR non sono previsti fondi per l’oculistica. A lanciare il grido di allarme è Matteo Piovella, presidente della società Oftalmologica italiana.

«In un momento in cui ci sono liste di attesa lunghe e in alcuni ospedali le agende sono addirittura chiuse perché non c’è la possibilità di fare fronte a nuovi appuntamenti, rientrare con effetto paritario nella distribuzione delle risorse permetterebbe di ridurre il gap. I dati delle liste d’attesa sono allarmanti: oltre 140 mila prestazioni ambulatoriali non eseguite a causa della pandemia e 750 mila ricoveri programmati respinti come non urgenti. Nel 2020 sono stati eseguiti infatti 250 mila interventi contro i 650 mila del 2019».

Ritardi nonostante la tecnologia

Dal 2000 ad oggi la tecnologia ha permesso di migliorare la vista di tantissime persone, eppure i tagli alla Sanità prima e il Covid poi hanno generato un ritardo nelle cure che nei prossimi anni avrà ripercussioni gravi sulla popolazione.

«Gli effetti della pandemia sono devastanti – prosegue –. Il Covid ha azzerato la possibilità della prevenzione e, per la prima volta ha creato una difficoltà di accesso alle cure.  Il 70 percento delle persone affette da maculopatia oggi non riesce ad avere una terapia adeguata, malattie come il glaucoma o la stessa terapia della cataratta vengono gestite in ritardo, con la conseguenza di generare dal 3 al 25-30% di complicazioni intraoperatorie perché gli interventi anche se apparentemente di routine risultano più complessi. Ecco perché, come società oftalmologica italiana, dobbiamo dare queste informazioni perché il paziente deve sapere che le criticità generate dalla pandemia, non imputabili ad alcuno e non facilmente risolvibili, hanno generato una situazione che richiede ancora di più un rispetto dei controlli. La vista è un bene prezioso, occorre tutelarla con le migliori cure possibili che devono essere a disposizione di tutti e non solo ad un ristretto numero di persone».

Appello al Ministro Speranza e a Regione Lombardia

Affinché i 7000 medici italiani che ogni anno salvano la vista a un milione e 400 mila persone possano fare di più, il presidente di SOI rivolge un appello al Ministro Speranza e a Regione Lombardia.

«Sono solidale con il ministro della salute a cui chiedo un diritto di cittadinanza per l’oculistica, affinché questa specialità sia considerata fondamentale al pari delle altre. Per quanto riguarda Regione Lombardia, oggi, vorrebbe che la chirurgia della cataratta venisse fatta solo in ospedale, quando questo è contrario a quanto accade oggi in tutto il mondo. È qualcosa di disarmonico che deve essere corretto. Conosco Letizia Moratti, di cui ho grande rispetto, e ritengo debba prendere in mano la situazione per rimettere le cose al posto giusto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terapia genica oculare, recuperano la vista dieci bambini ipovedenti
Trattati con successo al Policlinico Vanvitelli di Napoli. Ecco i risultati ottenuti grazie alla prima terapia genica per distrofie retiniche ereditarie
Giornata Mondiale della Vista, Piovella (SOI): «Persone cieche raddoppieranno entro il 2030, importante prima visita oculistica alla nascita»
Secondo i dati dell’Oms 2,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di patologie oculari. In Italia si stima che le malattie a rischio perdita della vista coinvolgano oltre 6 milioni di pazienti. I difetti della vista che necessitano la correzione con occhiali colpiscono 40 milioni di italiani. A fare il punto è il Presidente della […]
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse
Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali
di Federica Bosco
Allarme della Società Oftalmologica: «L’oculistica è fuori dal Pnrr»
L'allarme lanciato dal Presidente SOI Matteo Piovella durante il 18esimo Congresso internazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre