Salute 6 Dicembre 2021 10:10

Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»

Appello del Presidente della Società Oftalmologica Italiana: «Il Covid ha cancellato la prevenzione e generato ritardi nelle liste d’attesa»

Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»

Sono due milioni gli italiani che oggi soffrono di disabilità visive, due italiani su tre hanno difetti della vista, mentre le statistiche dicono che entro il 2030 il numero di ciechi e ipovedenti è destinato a raddoppiare. Eppure nel PNRR non sono previsti fondi per l’oculistica. A lanciare il grido di allarme è Matteo Piovella, presidente della società Oftalmologica italiana.

«In un momento in cui ci sono liste di attesa lunghe e in alcuni ospedali le agende sono addirittura chiuse perché non c’è la possibilità di fare fronte a nuovi appuntamenti, rientrare con effetto paritario nella distribuzione delle risorse permetterebbe di ridurre il gap. I dati delle liste d’attesa sono allarmanti: oltre 140 mila prestazioni ambulatoriali non eseguite a causa della pandemia e 750 mila ricoveri programmati respinti come non urgenti. Nel 2020 sono stati eseguiti infatti 250 mila interventi contro i 650 mila del 2019».

Ritardi nonostante la tecnologia

Dal 2000 ad oggi la tecnologia ha permesso di migliorare la vista di tantissime persone, eppure i tagli alla Sanità prima e il Covid poi hanno generato un ritardo nelle cure che nei prossimi anni avrà ripercussioni gravi sulla popolazione.

«Gli effetti della pandemia sono devastanti – prosegue –. Il Covid ha azzerato la possibilità della prevenzione e, per la prima volta ha creato una difficoltà di accesso alle cure.  Il 70 percento delle persone affette da maculopatia oggi non riesce ad avere una terapia adeguata, malattie come il glaucoma o la stessa terapia della cataratta vengono gestite in ritardo, con la conseguenza di generare dal 3 al 25-30% di complicazioni intraoperatorie perché gli interventi anche se apparentemente di routine risultano più complessi. Ecco perché, come società oftalmologica italiana, dobbiamo dare queste informazioni perché il paziente deve sapere che le criticità generate dalla pandemia, non imputabili ad alcuno e non facilmente risolvibili, hanno generato una situazione che richiede ancora di più un rispetto dei controlli. La vista è un bene prezioso, occorre tutelarla con le migliori cure possibili che devono essere a disposizione di tutti e non solo ad un ristretto numero di persone».

Appello al Ministro Speranza e a Regione Lombardia

Affinché i 7000 medici italiani che ogni anno salvano la vista a un milione e 400 mila persone possano fare di più, il presidente di SOI rivolge un appello al Ministro Speranza e a Regione Lombardia.

«Sono solidale con il ministro della salute a cui chiedo un diritto di cittadinanza per l’oculistica, affinché questa specialità sia considerata fondamentale al pari delle altre. Per quanto riguarda Regione Lombardia, oggi, vorrebbe che la chirurgia della cataratta venisse fatta solo in ospedale, quando questo è contrario a quanto accade oggi in tutto il mondo. È qualcosa di disarmonico che deve essere corretto. Conosco Letizia Moratti, di cui ho grande rispetto, e ritengo debba prendere in mano la situazione per rimettere le cose al posto giusto».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
Al via a Palazzo Pirelli la campagna “Testa la vista”
“Testa la Vista” punta alla prevenzione della maculopatia, che colpisce circa 300 mila persone in Lombardia (2 milioni in Italia), e a quella delle patologie correlate come il diabete.
Miopia: arrivano le lenti-intraoculari. Buratto (CAMO): «Soluzione competitiva rispetto al laser»
In Italia 15 milioni di persone soffrono di miopia. Arriva dalla ricerca U.S.A. l’impianto di lenti ICL intra-oculari, tecnologia innovativa per correggere tutti i gradi di miopia
Tiflologo: ecco chi è e che cosa fa
Il tiflologo lavora in stretta connessione con l’ambiente in cui vivono i soggetti con disabilità visiva e con le persone che frequenta. Tranfa (tiflologa): «A tutte le figure coinvolte nel percorso di crescita e formazione dell’individuo ipovedente o non vedente offriamo la possibilità di apprendere metodologie specifiche e strategie che possano facilitare e favorire il percorso educativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi