Voci della Sanità 14 Ottobre 2021 16:17

Giornata Mondiale della Vista, Piovella (SOI): «Persone cieche raddoppieranno entro il 2030, importante prima visita oculistica alla nascita»

Secondo i dati dell’Oms 2,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di patologie oculari. In Italia si stima che le malattie a rischio perdita della vista coinvolgano oltre 6 milioni di pazienti. I difetti della vista che necessitano la correzione con occhiali colpiscono 40 milioni di italiani. A fare il punto è il Presidente della […]

Secondo i dati dell’Oms 2,2 miliardi di persone nel mondo soffrono di patologie oculari. In Italia si stima che le malattie a rischio perdita della vista coinvolgano oltre 6 milioni di pazienti. I difetti della vista che necessitano la correzione con occhiali colpiscono 40 milioni di italiani. A fare il punto è il Presidente della Società Oftalmologica Italiana, Matteo Piovella, in occasione della Giornata Mondiale della Vista che si celebra il 14 ottobre.

«La Giornata mondiale della vista – spiega Piovella – è un’opportunità indispensabile per l’oculistica per accendere la luce sulla qualità e l’adeguatezza delle cure erogate al servizio dei pazienti: 7mila medici oculisti visitano ogni anno 20 milioni di persone e salvano la vista a un milione e trecentomila persone. Cose bellissime, ma detto questo siamo responsabili di una valutazione obiettiva per indicare e informare su quelle che sono le criticità del sistema salva vista e possediamo la necessaria esperienza per indicare le soluzioni. Oltre 500mila persone sono affette da maculopatia, una malattia della retina che porta, se non curata, a non vedere più. Purtroppo queste persone hanno difficoltà di accesso alle cure per motivi organizzativi ed economici».

«L’altra situazione su cui porre l’attenzione – continua il presidente SOI – è la limitata possibilità di accesso alla chirurgia della cataratta causa la crescita dei tempi di attesa conseguenti la pandemia. Nel 2019, in Italia sono stati effettuati 650.000 interventi ma nel 2020 mancano all’appello ben 300mila operazioni. E in alcune strutture SSN siamo arrivati al record storico di 3 anni di lista d’attesa. Per finire negli anni 2000 l’introduzione delle nuove tecnologie, che ci hanno aiutato e ci aiutano ad ottenere interventi più sicuri e efficaci non sono state adottate in modo adeguato».

«Nel Sistema Sanitario Nazionale in oculistica sono presenti in modo insufficiente: meno dell’1%. E’ una criticità che ci impegna da molti anni- continua Matteo Piovella -. Sappiamo che i problemi sono enormi ma noi dobbiamo impegnarci per impedire che la chirurgia oculistica continui ad essere etichettata come elettiva quindi non prioritaria e indispensabile. Questo ci impedisce anche di avere accesso ai soldi del Pnrr. Chiediamo alla politica l’aiuto per assistere questi pazienti, che sono milioni. Entro il 2030 è previsto il raddoppio delle persone cieche. È bello ricordarci che la vista è il bene più prezioso e che ne riconosciamo il vero valore solo quando l’abbiamo persa».

«La prima visita oculistica va fatta alla nascita, poi ai tre anni di età, a otto anni, dai 40 ai 60 anni ogni due anni e dopo i 60 anni una volta l’anno. Questo calendario è la migliore assicurazione per ottenere una vista sempre perfetta per tutta la vita», conclude Matteo Piovella.

Articoli correlati
Premio Società oftalmologica italiana a Isabella Faggiano di Sanità Informazione
E' prevista per domani la consegna del premio Soi (Società oftalmologica italiana) ad Isabella Faggiano, giornalista medico-scientifica di Sanità Informazione. Si tratta di un prestigioso riconoscimento, rivolto ai professionisti della comunicazione che si sono distinti per il loro lavoro di divulgazione sul tema dell'oftalmologia
di Redazione
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti», l’appello della SOI a cittadini e politica
«Risorse mai aggiornate e carenza di medici oculisti: solo 1500 dei 7mila oftalmologi italiani fanno parte del SSN. Necessario dare una svolta». Questo l’appello che la Società Oftalmologica Italiana, che da 153 anni rappresenta e sostiene i medici oculisti italiani per tutelare le necessità dei pazienti, rivolge a tutti i cittadini
Minuscoli cristalli artificiali possono restituire la vista, ma il SSN non ne copre le spese
A scoprire le carte sull’inadeguatezza delle cure oculistiche offerte dalla Sanità pubblica è Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana, in occasione del 19° congresso Internazionale SOI. «L’intervento rifrattivo del cristallino sta sostituendo la chirurgia della cataratta, ma il SSN non è in grado di sostenerne i costi e, quindi, chi vuole farlo deve pagarlo di tasca propria»
Oculisti dimenticati dai fondi del PNRR, Piovella (SOI): «A rischio la vista di milioni di italiani»
Appello del Presidente della Società Oftalmologica Italiana: «Il Covid ha cancellato la prevenzione e generato ritardi nelle liste d’attesa»
Interventi oculistici solo negli ospedali: la SOI chiama in causa Regione Lombardia che respinge le accuse
Dallo scorso mese di giugno gli interventi oculistici ambulatoriali sono stati sospesi a favore dell’ospedale dove però, a detta di Matteo Piovella, Presidente SOI, non ci sarebbero i requisiti minimi di sicurezza. Immediata la replica della Regione con Emanuele Monti, Presidente della Commissione Sanità parla di nuove strutture territoriali
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...