Salute 13 Marzo 2018

Obbligo vaccini: sì o no. Il dibattito prosegue anche dopo la campagna elettorale e investe il mondo scientifico 

Giulio Tarro, ex professore di virologia oncologica dell’Università di Napoli: «La necessità dell’obbligo deriva dall’ignoranza scientifica degli italiani, per i quali la persuasione non funziona». Livio Giuliani, ex Dirigente di ricerca SSN: «Il principio di precauzione va tutelato. Il 95% è la soglia di copertura per garantire l’immunità di gregge per il morbillo, per gli altri va calcolato in base all’infettività»

A più di otto mesi dalla approvazione della legge che introduce l’obbligo delle vaccinazioni per bambini e ragazzi al di sotto dei 16 anni, continuano ad essere diverse le opinioni sulla misura adottata. Tra chi la ritiene necessaria a fronte del calo della copertura di gregge e dell’aumento del numero di morti dovuti alla mancata vaccinazione e chi ritiene discutibili le sanzioni previste per chi non rispetta l’obbligo, quello dei vaccini è stato anche uno dei temi portanti della campagna elettorale che si è appena conclusa.

Una contrapposizione che è emersa anche al convegno organizzato per il cinquantenario dell’Ordine Nazionale dei Biologi, dove sono intervenuti, tra gli altri, Livio Giuliani e Giulio Tarro. Il primo è stato dirigente di ricerca del Servizio Sanitario Nazionale ed è un fisico di fama internazionale, soprattutto per i suoi contributi sull’elettromagnetismo; Giulio Tarro è stato invece professore di Virologia oncologica all’Università di Napoli, è primario emerito dell’Ospedale “D. Cotugno”, Presidente a vita della Fondazione de Beaumont Bonelli per le ricerche sul cancro e della Commissione sulle Biotecnologie della Virosfera dell’UNESCO.

«La possibilità di utilizzare i vaccini – sostiene il Professor Tarro – dovrebbe essere suggerita con la persuasione; tuttavia la persuasione dipende dalla conoscenza e dalla cultura, e quindi può essere efficace negli Stati Uniti, nei Paesi scandinavi o nei Paesi Anglosassoni. In Italia, purtroppo, c’è una notevole ignoranza scientifica e abbiamo quindi bisogno che queste misure ci vengano imposte, vengano rese obbligatorie. Anche se poi abbiamo visto che la Francia, ad esempio, ha optato per l’obbligatorietà di 11 vaccini».

«Per quanto riguarda l’efficacia della misura – prosegue Tarro -, abbiamo purtroppo l’esempio del morbillo: io non posso che ricordare l’ultima lezione fatta nel 1991 da Albert Bruce Sabin, il medico e virologo famoso per aver sviluppato il più diffuso vaccino contro la poliomielite, in cui accusò l’allora Ministro della salute, l’Assessore della sanità della Regione Campania e il Sindaco di Napoli di non aver utilizzato l’obbligatorietà del vaccino per il morbillo mentre avevano di recente adottato quella per l’epatite B. A distanza di anni, siamo tornati allo stesso punto: quando vado negli Stati Uniti mi chiedono se in Italia c’è un’epidemia di morbillo. Se sappiamo che c’è un caso su 20 di polmonite, un caso su 2mila di encefalite e un caso su 3mila di mortalità per il morbillo allo stato brado, è ovvio che il vaccino sia fondamentale», conclude.

Diversa la posizione espressa da Livio Giuliani: «Sul tema dei vaccini esiste un problema di precauzione perché, come tutti i farmaci, sono idonei e ottimi per il 99,9% della popolazione ma c’è sempre qualche caso per cui non sono idonei. Questi sono naturalmente ben conosciuti – prosegue – tant’è che non vengono vaccinati e proprio per questo è importante l’immunità di gregge; ma qualche caso potrebbe sfuggire e potrebbe non essere incluso nella categoria dei non vaccinati. Il principio di precauzione va riconosciuto a coloro che ritengono di non vaccinarsi. Ecco perché, secondo me, l’introduzione dell’obbligo vaccinale è discutibile: introdurre delle sanzioni per chi non lo rispetta inverte, tra l’altro, la tendenza della dottrina e della giurisprudenza che dai primi anni ’90 aveva di fatto reso non più sanzionabile il mancato rispetto dell’obbligo vaccinale, obbligo che è poi stato abbandonato. Io capisco che la reintroduzione di questa misura è legata al calo dell’immunità di gregge che è certamente importante; ma l’immunità di gregge – conclude – andrebbe calcolata in base all’infettività e alle formule per ogni malattia. Quella del 95% è la soglia per il morbillo, ma non può essere assunto come obbligatorio per tutti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola
Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina
Sanità, un anno di Commissione. Sileri: «Risultati importanti. Ora focus su aggiornamento ECM e contenziosi»
Il chirurgo ed esponente M5S traccia il quadro di un anno di lavori nella Commissione da lui presieduta: «Recuperare rapporto medico-paziente, camici bianchi in regola con ECM vanno premiati»
«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture
Il segretario nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, Silvestro Scotti ha commentato i dati diffusi dal Ministero della Salute riguardo le coperture a 24 mesi dei vaccini contro la polio e il morbillo
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone