Salute 9 Aprile 2021 17:39

Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»

Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»

Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»

Scende l’incidenza, per la terza settimana consecutiva, anche se con molta lentezza. Da 232,74 contagiati per 100mila abitanti si arriva a 210,8, anche se ancora molto lontani dai 50 casi necessari per ripristinare il corretto contact tracing. Lo evidenzia il report ISS-Ministero della Salute con il monitoraggio settimanale.

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, firmerà nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 12 Aprile. Passano in arancione le Regioni Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Toscana. Passa in zona rossa la Regione Sardegna.

Quattro le Regioni che restano con un livello di rischio alto: Liguria, Puglia, Toscana e Valle d’Aosta. Otto tra Regioni e province autonome hanno un Rt maggiore di uno: Basilicata, Campania, Liguria, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Valle d’Aosta. Tra queste, due Regioni (Sardegna e Valle d’Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3.

«Il Veneto e la provincia autonoma di Bolzano hanno una classificazione di rischio basso». Rimane alto il numero di Regioni e province autonome che hanno un tasso di occupazione in terapia intensiva e in aree mediche sopra la soglia critica, 15 Regioni contro le 14 della settimana precedente.

Brusaferro: «Rt in decrescita ma tasso di occupazione terapie intensive e aree mediche ancora sopra soglia critica»

«Alcuni Paesi dell’Unione europea cominciano ad avere aree con rosso più scuro. Ciò vuol dire che in quelle zone l’incidenza sta crescendo. L’Italia, al contrario, rispetto alle scorse settimane si sta lentamente schiarendo». Così il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa settimanale di presentazione dei dati della Cabina di Regia. «La curva italiana ha raggiunto un plateau mentre in altri Paesi europei si può vedere una tendenza alla ricrescita».

I dati confermano una «lenta decrescita dell’incidenza nella maggioranza delle Regioni. In alcune, però, il dato sale». L’età mediata dei contagiati è «di poco sotto i 50 anni» e la «decrescita sta coinvolgendo tutte le fasce d’età». L’occupazione delle terapie intensive è ancora «sopra il 41%» e quella delle aree mediche è superiore al 44%». In entrambi i casi viene superata la soglia critica.

Per quanto riguarda invece l’impatto delle vaccinazioni, Brusaferro spiega che «i casi di contagio tra gli operatori sanitari sono molto pochi rispetto al resto della popolazione», ma comincia ad intravedersi anche «una decrescita dei casi nella popolazione». Si può inoltre vedere un «lieve decremento dell’età mediana dei decessi. Indicatore, anche se da confermare, dell’impatto delle vaccinazioni già effettuate agli ultraottantenni».

Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»

«I dati di oggi testimoniano una fase di maturazione di questa ondata epidemica. Sapevamo sarebbe stata dura a causa delle varianti. Ma quella inglese non la chiamerei più variante perché è diventata il nuovo ceppo». Così il Direttore generale Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, nel corso della conferenza stampa della Cabina di Regia.

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, Rezza ricorda che «i Paesi che hanno abbattuto sia l’incidenza di nuovi positivi che la mortalità sono tutti extra-Ue, ovvero Israele, Regno Unito e Stati Uniti. Ciò significa che se si vaccina tanto e in fretta, avendo tante dosi di vaccino a disposizione, si riesce a contrastare l’epidemia. L’Italia si trova invece nelle stesse condizioni degli altri Paesi dell’Unione europea».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
La Simedet lancia la “Guida pratica al Covid 19 delle professioni sanitarie”. Prefazione del Ministro Speranza
«Un lavoro enorme che ha coinvolto decine di professionisti di ogni parte d'Italia e che ci permette di avere una risposta basata sulle attuali conoscenze ma pratica e utile per tutti gli operatori» spiega una nota della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...