Salute 12 Aprile 2022 16:31

Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas

Con il nuovo Supplemento alla rivista Monitor, l’Agenzia intende effettuare un’analisi comparativa dei modelli organizzativi dell’assistenza primaria in sei Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia

Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas

Letteratura e le evidenze scientifiche dimostrano che, a livello internazionale, Sistemi caratterizzati da un’assistenza sanitaria di base (primary care) forte e ben strutturata presentano migliori risultati in termini di salute della popolazione assistita, grazie a un aumento dell’efficienza in termini di qualità dell’assistenza, abbinata a una crescita della soddisfazione dei pazienti per le prestazioni ricevute.

Obiettivo finale del presente lavoro è quello di supportare, attraverso le evidenze, la definizione di un nuovo modello organizzativo per l’assistenza primaria in Italia che tenga conto delle migliori esperienze nel campo internazionale, mediante l’individuazione dei principali elementi relativi alla governance, all’organizzazione, alle funzioni dei servizi, nonché al rapporto di lavoro e formazione degli operatori coinvolti. Dallo studio proposto emergono, infatti, alcuni aspetti significativi da valutare sia in prospettiva futura per indirizzare le policy e le normative di settore in Europa, sia per delle valutazioni di indirizzo in Italia.

Dal punto di vista metodologico, la ricerca ha previsto: analisi della letteratura scientifica e grigia, analisi della normativa e interviste ad esperti di ciascun Paese.

I Paesi oggetto di studio sono stati confrontati su diversi aspetti quali: figure professionali coinvolte nella primary care, funzioni delle cure primarie, rapporto di lavoro tra professionisti e sistema, servizi erogati nell’ambito della primary care, copertura finanziaria, presenza di standard organizzativi, modalità di integrazione ospedale-territorio, percorso formativo dei professionisti coinvolti, presenza di un sistema informativo omogeneo, informazioni sulla governance del sistema e modalità di implementazione dei sistemi di Information Technology e Intelligenza Artificiale.

«In Italia, un’opportunità fondamentale è oggi rappresentata dal PNRR. – dichiara il Direttore Generale, Domenico Mantoan – Gli interventi previsti nella Missione 6 Componente 1, ‘Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale’, sono infatti destinati a rafforzare i servizi sanitari territoriali, attraverso un approccio multidisciplinare e su più livelli, dalla creazione di strutture e presidi destinati alla definizione della rete territoriale, al rafforzamento dell’assistenza domiciliare, puntando anche su una più efficace integrazione tra servizi sanitari e sociosanitari. Coerentemente con i principi del PNRR, inoltre, trasversalmente nelle due componenti della Missione 6, si punta alla digitalizzazione del servizio sanitario nazionale, potenziando il concetto di sanità digitale, con particolare attenzione alla telemedicina. Si tratta dunque di un’occasione unica per dar vita ad un sistema sanitario nazionale più equo e sostenibile, che sia realmente organizzato intorno ai bisogni di salute della popolazione, al fine di assicurare elevati standard di qualità ed efficienza anche grazie allo sviluppo tecnologico e scientifico».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia
Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19
PNRR, Mantoan (Agenas): «Mmg e infermieri di comunità saranno cardine del nuovo modello organizzativo»
Il direttore generale dell’Agenas: «Il Dm 71 è l’anima del PNRR. La definizione degli standard organizzati è la vera innovazione del documento: è stato fissato il numero minimo di professionisti sanitari necessari a garantire l’attuazione dei modelli della sanità del futuro»
Piano Nazionale Esiti 2021: 1,7 milioni di ricoveri in meno rispetto al 2019. Le cause e i miglioramenti da fare
Nel Programma Nazionale Esiti 2021 Agenas presenta i nuovi indicatori e mostra le aree in cui i ricoveri sono scesi maggiormente, alcuni in conseguenza del lockdown, altri per scelta dei pazienti. Nel territorio ridotte le ospedalizzazioni evitabili
La F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) diffida AGENAS
«Illegittimo escludere i massofisioterapisti dall'obbligo alla formazione continua ECM»
di Giacomo Russo, presidente Federazione F.I.MFT
Massofisioterapisti, Cavalluzzo (FNCM): «Gli iscritti negli elenchi speciali sono professionisti sanitari»
di Cavalluzzo Donato, Presidente FNCM
di Cavalluzzo Donato, Presidente FNCM
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...