Salute 5 Giugno 2018 13:05

Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»

«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma

La sanità del futuro dovrà partire da una solida base, la priorità in questo scenario è un’alleanza forte tra i due protagonisti del sistema: pubblico e privato. Il nuovo Governo? Che pensi a combattere le diseguaglianze assistenziali. Sintetizza così, Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma e consulente per l’OMS, la sua visione di prospettiva assistenziale a lungo termine. Sanità Informazione l’ha intervistato.

Pubblico e privato che ruoli giocheranno nella sanità del futuro italiana?

«Si tratta di due player fondamentali che mettono a disposizione i loro mezzi per offrire ai cittadini la risposta ai bisogni di salute. Si tratta di interlocutori assolutamente naturali che giocano un ruolo vitale all’interno del sistema e il loro ruolo dovrà essere rafforzato laddove tutti coloro che fanno parte del settore sapranno capire, analizzare e prendere in considerazione le sfide che la sanità stessa presenterà e riusciranno a dare risposte adeguate alla complessità di queste».

In questo senso il nuovo Governo – soprattutto il Ministero della Salute – che sfide dovrà affrontare?

«Le sfide sono tante, sicuramente c’è la sfida della riduzione della diseguaglianza, sia tra le Regioni che nella popolazione, quindi fare in modo che tutti abbiano risposte ad un bisogno di salute (nord, centro e sud), tutti devono ricevere delle cure secondo i principi fondamentali del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Fondamentale che i cittadini ricevano cure che siano eque, che siano giuste in tutte le Regioni con lo stesso livello di qualità e soprattutto che possano dare gli stessi esiti e risultati di salute».

LEGGI ANCHE: AIOP LAZIO, FARONI CONFERMATA ALLA PRESIDENZA FINO AL 2021: «SANITÀ PRIVATA SIA INTERLOCUTORE IMPORTANTE DELLO STATO»

L’Organizzazione Mondiale della Sanità gioca un ruolo preponderante in ottica futura, principalmente quali saranno gli impegni prioritari che l’Organizzazione dovrà affrontare?

«L’OMS come agenzia delle Nazioni Unite che si occupa pienamente di salute ha dal 1948 un mandato chiaro: proteggere la salute di tutte le popolazioni del mondo. Le sfide sono molteplici, vanno dal fronteggiare malattie comunicabili, infettive che sono di nuovo – soprattutto in alcuni Paesi – uno degli aspetti più critici da affrontare fino a quelle che sono invece patologie epidemiche che riguardano i Paesi con uno sviluppo socio-economico maggiore. Inoltre uno degli obiettivi principali dell’OMS e di tutti noi che lavoriamo nell’ambito della salute, è garantire una universal coverage per tutti, dunque fare in modo che nessuna persona resti al di fuori della possibilità di ottenere risposte al proprio bisogno di salute. Perseguendo questo obiettivo si possono affrontare, con una visione più chiara e con una fiducia maggiore nei propri mezzi, tutte le sfide che questo momento storico ci presenta».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Cosa si può fare in Italia a partire dal 26 aprile? Le FAQ del Governo
In seguito al Decreto Riaperture molte cose sono cambiate nelle Regioni rispetto alle scorse settimane. Cosa si può fare e cosa ancora no
Presentato il 2° Bilancio Sociale Aggregato delle strutture ospedaliere associate Aiop
Le 571 strutture dispongono di circa 62mila posti letto, di cui 56mila accreditati. Con una forza lavoro di oltre 72mila unità erogano prestazioni a più di 900mila degenti, per oltre 8 milioni di giornate di degenza e 31,8 milioni di prestazioni ambulatoriali. Il valore della produzione di tutte le strutture associate Aiop supera gli 8,8 miliardi di euro
Covid-19, Cittadini (Aiop): «Obbligo vaccinazione personale sanitario scelta giusta per uscire da emergenza»
«Il Governo si appresta ad adottare provvedimenti giusti per affrontare, in maniera risolutiva, la crisi pandemica. Con la previsione, contenuta nel decreto legge che entrerà in vigore dopo Pasqua, dell’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario, altrimenti sanzionabile e di uno scudo penale per coloro che somministreranno il vaccino, si adottano due importanti norme […]
Ospedalità privata accanto allo Stato per le vaccinazioni, Faroni (Aiop Lazio): «Strutture pronte»
Jessica Faroni, presidente di Aiop Lazio, rimarca ai nostri microfoni: «L'Ospedalità privata è accanto al Ssn di cui fa parte, le strutture sono pronte a vaccinare». Come già succede in qualche città
GIMBE, nel 25imo dalla fondazione il punto su passato, presente e futuro del nostro Ssn
Il presidente Cartabellotta: «I fondi del Recovery non vengano usati per costosi lifting del sistema ma per riforme coraggiose che promuovano l’uguaglianza nell’assistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...