Salute 5 giugno 2018

Nuovo governo, Parente (Cattolica-Sigm): «Le sfide più importanti? Lotta alle diseguaglianze e copertura universale garantita per tutti»

«Nessun cittadino deve restare risposte alla necessità di assistenza, in questo pubblico e privato devono stringere alleanza» così Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma

La sanità del futuro dovrà partire da una solida base, la priorità in questo scenario è un’alleanza forte tra i due protagonisti del sistema: pubblico e privato. Il nuovo Governo? Che pensi a combattere le diseguaglianze assistenziali. Sintetizza così, Paolo Parente, medico di Sanità pubblica dell’Università Cattolica di Roma e consulente per l’OMS, la sua visione di prospettiva assistenziale a lungo termine. Sanità Informazione l’ha intervistato.

Pubblico e privato che ruoli giocheranno nella sanità del futuro italiana?

«Si tratta di due player fondamentali che mettono a disposizione i loro mezzi per offrire ai cittadini la risposta ai bisogni di salute. Si tratta di interlocutori assolutamente naturali che giocano un ruolo vitale all’interno del sistema e il loro ruolo dovrà essere rafforzato laddove tutti coloro che fanno parte del settore sapranno capire, analizzare e prendere in considerazione le sfide che la sanità stessa presenterà e riusciranno a dare risposte adeguate alla complessità di queste».

In questo senso il nuovo Governo – soprattutto il Ministero della Salute – che sfide dovrà affrontare?

«Le sfide sono tante, sicuramente c’è la sfida della riduzione della diseguaglianza, sia tra le Regioni che nella popolazione, quindi fare in modo che tutti abbiano risposte ad un bisogno di salute (nord, centro e sud), tutti devono ricevere delle cure secondo i principi fondamentali del nostro Servizio Sanitario Nazionale. Fondamentale che i cittadini ricevano cure che siano eque, che siano giuste in tutte le Regioni con lo stesso livello di qualità e soprattutto che possano dare gli stessi esiti e risultati di salute».

LEGGI ANCHE: AIOP LAZIO, FARONI CONFERMATA ALLA PRESIDENZA FINO AL 2021: «SANITÀ PRIVATA SIA INTERLOCUTORE IMPORTANTE DELLO STATO»

L’Organizzazione Mondiale della Sanità gioca un ruolo preponderante in ottica futura, principalmente quali saranno gli impegni prioritari che l’Organizzazione dovrà affrontare?

«L’OMS come agenzia delle Nazioni Unite che si occupa pienamente di salute ha dal 1948 un mandato chiaro: proteggere la salute di tutte le popolazioni del mondo. Le sfide sono molteplici, vanno dal fronteggiare malattie comunicabili, infettive che sono di nuovo – soprattutto in alcuni Paesi – uno degli aspetti più critici da affrontare fino a quelle che sono invece patologie epidemiche che riguardano i Paesi con uno sviluppo socio-economico maggiore. Inoltre uno degli obiettivi principali dell’OMS e di tutti noi che lavoriamo nell’ambito della salute, è garantire una universal coverage per tutti, dunque fare in modo che nessuna persona resti al di fuori della possibilità di ottenere risposte al proprio bisogno di salute. Perseguendo questo obiettivo si possono affrontare, con una visione più chiara e con una fiducia maggiore nei propri mezzi, tutte le sfide che questo momento storico ci presenta».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tribunale della Salute, Barbara Cittadini (Aiop): «Innescare meccanismi conflittuali tra medici e pazienti non giova a nessuno»
Quasi 20mila firme per istituire una sorta di camera di compensazione nelle diatribe tra medici e pazienti. «L’obiettivo è collaborare e non combattere» così Barbara Cittadini, Presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
Trivelle, ecco tutti i rischi. Vinci (FNOMCeO) «Non solo danni ambientali, ma anche minacce per la salute: patologie neonatali, cardiocircolatorie e neurodegenerative»
«Carbone, petrolio e gas provocano milioni di morti ogni anno e hanno effetti devastanti su clima e atmosfera». L’intervista a tutto tondo al coordinatore FNOMCeO "Professione, Salute, Ambiente e Sviluppo Economico”: «In base agli impegni assunti alla Conferenza di Parigi del 2015, ogni Paese deve impegnarsi alla riduzione dell'uso dei combustibili fossili»
Legge di Bilancio, Cittadini (Aiop): «Dai tetti di spesa delle Regioni alle iscrizioni agli albi delle professioni sanitarie, molte nostre ragioni accolte»
La presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Non è certamente la finanziaria che avremmo desiderato, ma ci sono diversi aspetti che testimoniano che l’impegno associativo non è stato vano». Sull’Ires al terzo settore: «Il Presidente Conte si è impegnato a cambiare questa norma»
Manovra, Simmas (massofisioterapisti): «Non è sanatoria, ma permette a professionisti di continuare a lavorare»
Il provvedimento del Governo inserito in legge di Bilancio ha stabilito una deroga per l’iscrizione al maxi Ordine delle professioni sanitarie anche per i professionisti senza titoli che abbiano lavorato almeno per 36 mesi nell’arco di 10 anni. Questa decisione ha suscitato critiche e polemiche da più parti; il SIMMAS (Sindacato italiano massofisioterapisti e massaggiatori sportivi) approva l’emendamento, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano