Salute 2 Marzo 2021 15:38

Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»

La proposta della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale: «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico con due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il pediatra»

di Federica Bosco
Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»

Due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il medico. È questo, in sintesi, il progetto studiato da Leo Venturelli, pediatra, responsabile SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) per l’Educazione alla Salute e per la Comunicazione e garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del comune di Bergamo.

Contrasto alle nuove povertà

Una proposta che pone all’attenzione del governo una situazione di fragilità che si innesca su una denatalità importante già prima della pandemia, ma che ora rischia di peggiorare a causa della crisi economica e sociale. «La situazione attuale impone una riflessione – evidenzia Venturelli –. Alla povertà sistemica si è aggiunta quella dei cosiddetti nuovi poveri, ovvero famiglie che prima del Covid avevano un reddito sufficiente ma che con la crisi economica generata dalla pandemia hanno perso il lavoro, hanno subito una contrazione del reddito o sono in cassa integrazione. In questo contesto la gestione dei figli diventa problematica da un punto di vista non solo economico, ma anche sociale e psicologico, ed emergono segnali di trascuratezza con una genitorialità meno efficace».

Problemi che possono essere percepiti da una figura vicina alla famiglia in grado di vedere i disagi e le difficoltà quotidiane. «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico a tutti i nuovi nati che si focalizzi sulla diade madre e figlio nei fatidici primi mille giorni del bambino, perché in quella fase è più facile intervenire sullo sviluppo delle potenzialità neuroevolutive del nascituro in quanto il cervello è ancora plasmabile».

Il modello inglese dell’home visiting

La figura ipotizzata nella proposta di SIPPS si potrebbe inserire nel piano sanitario dell’infermiere di comunità, destinando una parte delle risorse (due su centomila abitanti, appunto) ai bambini. «Una sorta di case manager con competenze sanitarie e sociali – puntualizza Venturelli –. Il modello potrebbe essere quello inglese dell’home visiting con capacità di ascolto, percezione, problem solving e con un dialogo diretto e costante con il pediatra di famiglia al quale riferire attraverso il canale telematico la situazione del bambino».

«Le condizioni per avviare una sperimentazione in questo momento ci sono tutte  – conclude -. Potrebbe essere gestita dal Ministero della Salute o dalle regioni. Di sicuro è fondamentale formare le figure e testare il piano oggi per avere un modello da seguire dopo la pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
Una TAC “in fondo al mare” per rasserenare i piccoli pazienti del Policlinico di Milano
Dono della Fondazione De Marchi, l’apparecchio di ultima generazione permette di eseguire esami di routine e biopsie guidate in un ambiente che riproduce i fondali marini con musiche rilassanti e l’ausilio di visori 3D
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...