Salute 2 Marzo 2021 15:38

Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»

La proposta della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale: «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico con due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il pediatra»

di Federica Bosco
Nuove fragilità, Venturelli (SIPPS): «Serve un infermiere di comunità dedicato ai bambini»

Due infermieri di comunità ogni centomila abitanti che si prendano cura dei bambini e riescano ad intercettare i bisogni all’interno del nucleo famigliare, lavorando in stretta sinergia con il medico. È questo, in sintesi, il progetto studiato da Leo Venturelli, pediatra, responsabile SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale) per l’Educazione alla Salute e per la Comunicazione e garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del comune di Bergamo.

Contrasto alle nuove povertà

Una proposta che pone all’attenzione del governo una situazione di fragilità che si innesca su una denatalità importante già prima della pandemia, ma che ora rischia di peggiorare a causa della crisi economica e sociale. «La situazione attuale impone una riflessione – evidenzia Venturelli –. Alla povertà sistemica si è aggiunta quella dei cosiddetti nuovi poveri, ovvero famiglie che prima del Covid avevano un reddito sufficiente ma che con la crisi economica generata dalla pandemia hanno perso il lavoro, hanno subito una contrazione del reddito o sono in cassa integrazione. In questo contesto la gestione dei figli diventa problematica da un punto di vista non solo economico, ma anche sociale e psicologico, ed emergono segnali di trascuratezza con una genitorialità meno efficace».

Problemi che possono essere percepiti da una figura vicina alla famiglia in grado di vedere i disagi e le difficoltà quotidiane. «Sarebbe opportuno offrire un servizio universalistico a tutti i nuovi nati che si focalizzi sulla diade madre e figlio nei fatidici primi mille giorni del bambino, perché in quella fase è più facile intervenire sullo sviluppo delle potenzialità neuroevolutive del nascituro in quanto il cervello è ancora plasmabile».

Il modello inglese dell’home visiting

La figura ipotizzata nella proposta di SIPPS si potrebbe inserire nel piano sanitario dell’infermiere di comunità, destinando una parte delle risorse (due su centomila abitanti, appunto) ai bambini. «Una sorta di case manager con competenze sanitarie e sociali – puntualizza Venturelli –. Il modello potrebbe essere quello inglese dell’home visiting con capacità di ascolto, percezione, problem solving e con un dialogo diretto e costante con il pediatra di famiglia al quale riferire attraverso il canale telematico la situazione del bambino».

«Le condizioni per avviare una sperimentazione in questo momento ci sono tutte  – conclude -. Potrebbe essere gestita dal Ministero della Salute o dalle regioni. Di sicuro è fondamentale formare le figure e testare il piano oggi per avere un modello da seguire dopo la pandemia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
Screening neonatale, non passa il rifinanziamento nella legge di Bilancio. Ciancaleoni Bartoli (OMaR): «Scippo ai danni dei malati rari, non ci arrendiamo»
Il Professor Scarpa, coordinatore della Rete Europea: «Italia leader in Europa con 40 esami. Per il futuro della ricerca sulle malattie rare metaboliche occorre formare una nuova classe di medici»
di Federica Bosco
Al 3° Congresso Simpe Campania il punto sulle priorità della pediatria post Covid
L’importanza di un’attenta programmazione per il raggiungimento degli obiettivi vaccinali, la necessità di implementare la formazione sulla chirurgia pediatrica a livello ambulatoriale, l’esigenza di perfezionare la presa in carico delle patologie metaboliche e neuromuscolari attraverso campagne di screening mirate. Questi (e molti altri) i temi emersi e discussi durante l’ultimo Congresso Simpe Campania, tenutosi su […]
«Perché non ci sono professionisti pediatrici nel gruppo che ha redatto le regole per i tamponi ai bambini?»
di Filippo Festini, Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Università di Firenze
Come comportarsi con i bambini ai tempi del Covid-19? La pediatra scioglie alcuni dubbi
Sono numerose le domande che in questi giorni assillano i genitori di bambini: dal come comportarsi in caso di Covid-19 in classe al vaccino antinfluenzale. Cerchiamo allora di fugare qualche dubbio parlando con la dottoressa Silvia Bartolozzi, dirigente medico pediatra presso l’Ospedale San Giovanni Addolorata di Roma e segretario aziendale Cisl Medici Lazio. Vaccino antinfluenzale: […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...