Salute 26 Gennaio 2017

Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione

In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…

Una legge che renda obbligatori i vaccini, da approvare in tempi rapidi per garantire l’accesso a nidi e alle scuole materne. Questa la sintesi degli accordi raggiunti durante l’incontro nei giorni scorsi tra il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e gli assessori delle Regioni e delle Province autonome, per l’avvio del Piano nazionale vaccini 2017-19.

Ma è lo stesso Ministro che al termine dell’incontro, chiarisce che ancora non c’è alcuna intesa definitiva con i governatori ma garantisce che la proposta verrà portata all’attenzione del Ministro dell’Istruzione e del Governo.

Più consapevolezza e meno pregiudizi sulle vaccinazioni. Questo uno dei fondamenti del nuovo Piano che segue l’indirizzo delle Linee guida contenute nel Piano d’azione Europeo 2015-2020.

Sono undici gli obiettivi che il nuovo programma si prefigge, tra queste, mantenere lo stato polio-free e raggiungere lo stato morbillo-free e rosolia-free. Intanto Le Regioni chiedono con insistenza una norma nazionale per l’obbligo ma l’ultima parola spetta al Parlamento che dovrà dare il via libera ad una legge.

Intanto le divergenze di opinione tra le Regioni si rinfocolano e riparte il dibattito che in questi mesi non si è mai placato.

Prima fra tutti a schierarsi pro obbligatorietà è stata l’Emilia Romagna che già da prima di Natale, ha approvato le Linee guida per rendere operativa la norma, approvata già a novembre. L’obbligo si rivolge ai piccoli che, a partire dall’anno 2017-2018, frequenteranno gli asili nido e i servizi integrativi come lo spazio bambini, i servizi domiciliari, i centri per famiglie e servizi ricreativi.

Spicca inoltre la volontà della Toscana che, piegata da una meningite particolarmente aggressiva, ha approvato la proposta di Legge che prevede come requisito per l’accesso ad asili nidi e materne, l’aver effettuato non solo le vaccinazioni obbligatorie, ma anche quelle raccomandate dal Piano Nazionale prevenzione vaccinale. Approvata dalla Giunta, ora la proposta di Legge seguirà l’iter per l’approvazione in consiglio regionale. La Legge sarà senz’altro in vigore per l’inizio del prossimo anno scolastico.

Per quanto riguarda il Lazio, la Regione segue le orme dell’Emilia Romagna e della Toscana, anche in questo caso infatti la Giunta Regionale intende rendere i vaccini obbligatori come requisito di accesso agli asili nido pubblici e privati. Il testo all’esame prende in considerazione i quattro vaccini attualmente obbligatori per tutti i nuovi nati: antidifteritica, antitetanica, antipoliomielitica e contro l’epatite B.

In Puglia «Faremo un calendario – annuncia Michele Emiliano, Presidente della Regione – nel quale man mano tutti potrete fare il vaccino. La Regione Puglia è stata la prima in Italia a consentire la vaccinazione gratuita. Ovvio che l’inserimento tra i Lea della vaccinazione, non significa che adesso facciamo una vaccinazione di massa». La Puglia, già a novembre aveva dichiarato di voler seguire, nel campo vaccinazioni, una linea d’azione più severa rispetto alle altre Regioni, rendendo l’obbligo tassativo fino ai 17 anni di età.

Al nord la Lombardia si oppone alla scelta di rendere obbligatori i vaccini e per bocca dell’Assessore al Welfare, Giulio Gallera spiega le ragioni: «La Regione non è assolutamente d’accordo, ,riteniamo che gli obblighi non producono l’effetto di radicare nei cittadini la consapevolezza dell’utilità dei vaccini».

Inoltre da pochi giorni, durante la seduta della Conferenza dei Presidenti delle Regioni è stata varata la programmazione condivisa e il calendario con le tappe (riportate nel dettaglio dal Sole 24 ore) per l’attuazione del Piano di prevenzione vaccinale 2017-19.

Articoli correlati
Obbligo vaccinale, gli studenti non in regola potrebbero dover cambiare scuola
Un nuovo emendamento al Ddl vaccini, presentato da Maria Domenica Castellone (M5S), prevede l’inserimento dei bambini non vaccinabili in classi di soli immunizzati. Qualora non fosse possibile la formazione di classi che rispettino questo criterio, i soggetti non vaccinati o non immunizzati saranno trasferiti nella scuola più vicina
Sanità, un anno di Commissione. Sileri: «Risultati importanti. Ora focus su aggiornamento ECM e contenziosi»
Il chirurgo ed esponente M5S traccia il quadro di un anno di lavori nella Commissione da lui presieduta: «Recuperare rapporto medico-paziente, camici bianchi in regola con ECM vanno premiati»
«Passaporto? All’estero chiederanno il tesserino vaccinale», la preoccupazione di Scotti (FIMMG) sulle coperture
Il segretario nazionale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, Silvestro Scotti ha commentato i dati diffusi dal Ministero della Salute riguardo le coperture a 24 mesi dei vaccini contro la polio e il morbillo
Vaccini, aumentano coperture. Allarme su morbillo: «Non si raggiunge il 95%». Ecco tutti i dati 2018
«Migliorano nel 2018 le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia. Continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo del 95% per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia in tutte le fasce d’età considerate». È quanto riportato dal Ministero della Salute
Calendario per la Vita 2019, le Società Scientifiche del Board continuano la loro opera di aggiornamento “scientifico” sulle vaccinazioni
SIP, FIMMG, SITI e FIMP continuano la loro opera di informazione verso i cittadini sull'importanza della protezione vaccinale. «Sosteniamo gli sforzi per colmare le sacche di suscettibilità per morbillo e rosolia, chiediamo particolare attenzione ad elevare le coperture per varicella nelle Regioni che hanno introdotto la vaccinazione di recente per evitare spostamenti della malattia verso l’età adulta», sottolinea Paolo Bonanni, Coordinatore Scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti