Salute 26 Gennaio 2017

Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione

In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…

Una legge che renda obbligatori i vaccini, da approvare in tempi rapidi per garantire l’accesso a nidi e alle scuole materne. Questa la sintesi degli accordi raggiunti durante l’incontro nei giorni scorsi tra il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e gli assessori delle Regioni e delle Province autonome, per l’avvio del Piano nazionale vaccini 2017-19.

Ma è lo stesso Ministro che al termine dell’incontro, chiarisce che ancora non c’è alcuna intesa definitiva con i governatori ma garantisce che la proposta verrà portata all’attenzione del Ministro dell’Istruzione e del Governo.

Più consapevolezza e meno pregiudizi sulle vaccinazioni. Questo uno dei fondamenti del nuovo Piano che segue l’indirizzo delle Linee guida contenute nel Piano d’azione Europeo 2015-2020.

Sono undici gli obiettivi che il nuovo programma si prefigge, tra queste, mantenere lo stato polio-free e raggiungere lo stato morbillo-free e rosolia-free. Intanto Le Regioni chiedono con insistenza una norma nazionale per l’obbligo ma l’ultima parola spetta al Parlamento che dovrà dare il via libera ad una legge.

Intanto le divergenze di opinione tra le Regioni si rinfocolano e riparte il dibattito che in questi mesi non si è mai placato.

Prima fra tutti a schierarsi pro obbligatorietà è stata l’Emilia Romagna che già da prima di Natale, ha approvato le Linee guida per rendere operativa la norma, approvata già a novembre. L’obbligo si rivolge ai piccoli che, a partire dall’anno 2017-2018, frequenteranno gli asili nido e i servizi integrativi come lo spazio bambini, i servizi domiciliari, i centri per famiglie e servizi ricreativi.

Spicca inoltre la volontà della Toscana che, piegata da una meningite particolarmente aggressiva, ha approvato la proposta di Legge che prevede come requisito per l’accesso ad asili nidi e materne, l’aver effettuato non solo le vaccinazioni obbligatorie, ma anche quelle raccomandate dal Piano Nazionale prevenzione vaccinale. Approvata dalla Giunta, ora la proposta di Legge seguirà l’iter per l’approvazione in consiglio regionale. La Legge sarà senz’altro in vigore per l’inizio del prossimo anno scolastico.

Per quanto riguarda il Lazio, la Regione segue le orme dell’Emilia Romagna e della Toscana, anche in questo caso infatti la Giunta Regionale intende rendere i vaccini obbligatori come requisito di accesso agli asili nido pubblici e privati. Il testo all’esame prende in considerazione i quattro vaccini attualmente obbligatori per tutti i nuovi nati: antidifteritica, antitetanica, antipoliomielitica e contro l’epatite B.

In Puglia «Faremo un calendario – annuncia Michele Emiliano, Presidente della Regione – nel quale man mano tutti potrete fare il vaccino. La Regione Puglia è stata la prima in Italia a consentire la vaccinazione gratuita. Ovvio che l’inserimento tra i Lea della vaccinazione, non significa che adesso facciamo una vaccinazione di massa». La Puglia, già a novembre aveva dichiarato di voler seguire, nel campo vaccinazioni, una linea d’azione più severa rispetto alle altre Regioni, rendendo l’obbligo tassativo fino ai 17 anni di età.

Al nord la Lombardia si oppone alla scelta di rendere obbligatori i vaccini e per bocca dell’Assessore al Welfare, Giulio Gallera spiega le ragioni: «La Regione non è assolutamente d’accordo, ,riteniamo che gli obblighi non producono l’effetto di radicare nei cittadini la consapevolezza dell’utilità dei vaccini».

Inoltre da pochi giorni, durante la seduta della Conferenza dei Presidenti delle Regioni è stata varata la programmazione condivisa e il calendario con le tappe (riportate nel dettaglio dal Sole 24 ore) per l’attuazione del Piano di prevenzione vaccinale 2017-19.

Articoli correlati
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini
Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d'attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»
Covid-19, caos tamponi. Dai 12 della Campania ai 130 della Valle d’Aosta, ogni Regione fa da sé. Il Report Gimbe
Gimbe: «Estendere il numero dei tamponi e fissare una soglia minima giornaliera di 250 test per 100.000 abitanti per evitare comportamenti opportunistici delle Regioni»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Coronavirus: situazione stabile in Italia. Sestili: «Pensare ad aperture differenziate da regione a regione»
L’Italia si sta preparando alla Fase 2. La situazione dei numeri dell’emergenza coronavirus rimane pressoché stabile: circa duemila nuovi contagi e più di 300 decessi. Una situazione diversificata da regione a regione, in base ai nuovi contagi, che pone questo interrogativo:«Perché il Governo non ha previsto un graduale ritorno alla normalità differenziato da regione a […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...