Salute 8 Gennaio 2019 19:28

Neonati morti, Ospedale Brescia esclude focolaio infettivo. Al via i lavori della commissione d’inchiesta regionale: indagherà su cartelle cliniche

Entro 30 giorni arriveranno le conclusioni dell’indagine regionale. Sulla vicenda sono in corso altre verifiche: quella della Procura, i Nas e gli ispettori ministeriali. Entro 30 giorni le conclusioni. Il Dg Trivelli: «Non c’è collegamento con focolaio batterico del 2018»

di Federica Bosco

Una triste fatalità. O qualcosa di diverso. Saranno le inchieste in corso a stabilire la verità sul caso dei neonati spirati in pochi giorni presso la Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale dei Bambini dell’ASST Spedali Civili di Brescia.  Sulla vicenda sono in corso diverse verifiche: oltre alle indagini scattate da parte della Procura, è stata avviata dalla Regione Lombardia una commissione d’inchiesta; sono scesi in campo anche i Nas inviati dal ministero della Salute e sono in arrivo nei prossimi giorni gli ispettori ministeriali.

LEGGI ANCHE: BRESCIA, TRE NEONATI MORTI IN SETTE GIORNI AGLI SPEDALI CIVILI: ARRIVANO ISPETTORI E NAS. GRILLO: «CAPIRE SE C’È CORRELAZIONE TRA I CASI»

Secondo l’ospedale non si tratterebbe di un focolaio epidemico come era stato invece ipotizzato in un primo momento. In tutti i casi l’Agenzia di Tutela della Salute (ATS) di Brescia, ha avviato ieri, su mandato della Direzione generale Welfare della Regione Lombardia, una commissione d’inchiesta che avrà il compito di accertare cause ed eventuali responsabilità dei fatti occorsi. A renderlo noto lo stesso assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, dopo la visita all’ospedale dei bambini dell’ASSt Spedali Civili di Brescia.  La Commissione, composta dalla dott.ssa Annamaria Indelicato, direttore sociosanitario ATS di Brescia; dalla dott.ssa Giovanna Mangili, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Patologia Neonatale dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo; dal dott. Claudio Francesco Farina, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Microbiologia e Virologia dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo; dal dott. Domenico Castaldo, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Medicina Legale dell’ASST Ovest Milanese; dal dott. Paolo Viganò, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Malattie Infettive dell’ASST Ovest Milanese; e dal dott. Pietro Barbieri, Risk Manager dell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano ha il compito di analizzare le cartelle cliniche messe a disposizione dall’ospedale. Al termine dei 30 giorni verranno fatte le dovute valutazioni. Dopo una prima riunione con il nuovo direttore generale di ATS Brescia, Claudio Sileo, oggi sono stati avviati i lavori della Commissione di cui fa parte anche un patologo neonatale.

PARLA IL DIRETTORE GENERELE DELL’OSPEDALE

«È giusto che ci sia una commissione d’inchiesta regionale in campo, è giusto che la Procura indaghi, è giusto muoversi di fronte alla morte di 4 neonati». Dopo i casi registrati nel giro di una settimana nel reparto di Terapia intensiva neonatale degli Spedali Civili di Brescia, a parlare è il direttore generale dell’Asst, Marco Trivelli. «Vediamo cosa diranno gli esiti delle verifiche in corso. C’è anche l’indagine regionale, che credo confermerà la nostra visione». L’ospedale, dalla ricostruzione e dall’analisi delle informazioni raccolte sui casi, non ritiene vi sia un legame tra i decessi registrati tra il 30 dicembre scorso e il 5 gennaio «Sono nuovo in questa Asst, ma di una cosa sono certo – dichiara il Dg – questa è una struttura reattiva e capace. E lo dico perché ho visto il lavoro che è stato svolto in relazione al caso affrontato questa estate», cioè dei bimbi risultati positivi al batterio ‘serratia marcescens’, vicenda emersa con la morte di un neonato il 6 agosto 2018. Il manager conferma che dall’analisi non emergono collegamenti tra i casi dei piccoli deceduti in questi giorni. «C’era una vicinanza fisica tra i neonati, ma è naturale perché in Terapia intensiva ci sono due locali. Quanto alla mortalità per i piccoli sotto i 1.500 grammi ricoverati in Tin, il dato 2017 del reparto di Brescia (12%) è in linea con l’ultimo dato consolidato nazionale disponibile, che è del 12,10%, e migliore di quello internazionale (14,30%). Il 2018 non si discosta da queste performance malgrado la vicenda della serratia. Non ci sono state deflessioni nella qualità».

Articoli correlati
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Lombardia, la difesa di Gallera: «Come ho vissuto la tempesta perfetta»
L'ex assessore al Welfare: «Io capro espiatorio, tutte le strategie adottate sono state sempre condivise con la giunta e concordate con gli scienziati, i consulenti, il CTS e i gruppi di lavoro che contenevano i migliori uomini di sanità e scienza d’Italia»
di Federica Bosco
Medicina specialistica, deliberato nuovo accordo integrativo in Lombardia
Cisl medici Lombardia: «Punto di partenza per la specialistica territoriale anche in virtù della su importanza nella pandemia»
Ticket sanitario, Lombardia approva esenzione per forze armate, dell’ordine, polizia locale e protezione civile
Moratti: «Segnale importante verso operatori impegnati ogni giorno sul territorio per garantire ordine e sicurezza»
Lombardia, Guido Bertolaso promette: «Tutti vaccinati entro giugno»
All’ex capo della protezione civile il compito di coordinare la campagna vaccinale con Letizia Moratti. Tra le novità prime dosi agli over 80 dal 24 febbraio, AstraZeneca anche agli over 55, accordo con i medici di base e impiego degli specializzandi del primo e secondo anno per somministrare le dosi
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 aprile, sono 138.278.420 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.973.058 i decessi. Ad oggi, oltre 825,09 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...