Salute 15 Aprile 2021 16:23

Nao, il robot umanoide che ravviva la memoria dei malati di demenza

Fumagalli (educatore): «È un emotional toy, un oggetto che funge da mediatore emozionale per il trattamento delle persone con demenza. È stato programmato per svolgere sei attività di edutainment, gioco e supporto cognitivo, adatte ai malati di Alzheimer»

di Isabella Faggiano

«Ciao, io sono Nao, il robot umanoide. Oggi vi farò compagnia, ci divertiremo tutti insieme». È così che il piccolo Nao, un robot alto circa 50 cm, risponde, sollevando il braccio destro in segno di saluto, a chiunque gli chieda di presentarsi.

Nao è il migliore amico di molti degli anziani ospiti del Paese Ritrovato, un villaggio che accoglie persone con Alzheimer: «Questo robot umanoide fa parte della categoria degli emotional toy, oggetti che, fungendo da mediatori emozionali, sono utilizzati per il trattamento delle persone con demenza», spiega Marco Fumagalli, educatore socio-pedagogico, formatore e responsabile della comunicazione de “la Meridiana”, la cooperativa che gestisce questo progetto, sostenuto da Banca d’Italia, e realizzato in collaborazione con la Scuola di Robotica.

Cosa sono i mediatori di emozioni

Tra gli emotional toy rientrano anche cuccioli di foca, cani e gatti robotici, bambole terapeutiche, animali di peluche, utilizzati sia nelle residenze, che direttamente a casa.  «La novità di Nao, rispetto agli emotional toy impiegati di consueto – aggiunge Fumagalli – risiede nel suo aspetto umano. Proprio per la sua esteriorità, alcuni anziani lo hanno paragonato ad un giovane che, di tanto in tanto, arriva nelle loro case per fargli visita e trascorrere un po’ di tempo in allegria». Da vari anni i robot umanoidi sono utilizzati per assistenza, per divertimento e per sostenere alcune attività di apprendimento e rafforzamento della memoria. Il robot Nao, infatti, è impiegato dagli operatori del Paese Ritrovato in sedute di edutainment (intrattenimento educativo), di gioco e di supporto cognitivo.

Che cosa fa Nao

Gli operatori del Paese Ritrovato – educatori, psicologi e geriatri – hanno ideato, insieme alla Scuola di Robotica di Genova, una programmazione ad hoc per i propri ospiti. «Abbiamo strutturato un copione che permette a Nao di cimentarsi in sei diverse attività – racconta Fumagalli – . C’è un programma dedicato alla conoscenza, in cui Nao si presenta  e risponde ad alcune domande chiave. Un’attività sui proverbi: il robot ne racconta una prima parte e poi chiede ai presenti di completarlo. Ancora, riconoscimento dei versi di animali, movimenti da rispecchiare, musica da ascoltare e ballare, ricette da apprendere e proporre».

Il ruolo dell’operatore

Si tratta di un training a tutti gli effetti della durata di circa 20 minuti. Può essere attivato sia attraverso un comando vocale, che con i tasti posti sulla testa dell’umanoide. «La doppia opzione è stata ideata per permettere agli operatori di intervenire manualmente laddove l’anziano dovesse avere difficoltà nell’attivazione vocale, poiché – commenta Fumangalli – non di rado, le persone con demenza non riescono a pronunciare delle parole in modo esatto. Altri tasti, cosiddetti di rinforzo motivazionale, possono essere azionati sempre dall’operatore per far pronunciare a Nao alcuni complimenti, come “siete stati bravi, sono molto contento di stare qui con voi”».

Così Nao rinforza la memoria

Perché programmare un robot per compiere attività che gli operatori potrebbero tranquillamente svolgere in prima persona? «La nostra esperienza diretta ha dimostrato come il tempo trascorso con il robot mantenga una traccia più duratura tra i ricordi degli anziani con demenza. Persone che non ricordano cosa hanno mangiato a pranzo a distanza di due ore dal pasto – spiega l’esperto – conservano il ricordo delle attività fatte in compagnia di Nao anche a distanza di 7-10 giorni».

Per il futuro incontri vis à vis

Tutti i risultati raggiunti finora sono uno stimolo affinché il training possa essere ulteriormente migliorato. «Abbiamo intenzione di potenziare questa app e di ideare un programma che consenta a Nao di svolgere attività individuali, supportando i soggetti più fragili, come coloro che soffrono di apatia o di depressione. In futuro, vorremmo coniugare l’utilizzo del robot umanoide come altri emotional toy, come ad esempio la bambola empatica, così – conclude l’educatore – da ottenere un’efficacia a più ampio raggio e raggiungere al meglio il nostro principale obiettivo: migliore la qualità della vita dei nostri anziani»

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il 10 ottobre scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA ma manca il decreto per stabilire chi controlla
Degani (Uneba Lombardia) «L’obbligo vaccinale scatta il 10 ottobre e l’accertamento del rispetto dell’obbligo viene affidato ai responsabili delle strutture e ai datori di lavoro. Il testo però rimanda per le modalità di verifica dell’adempimento ad un successivo decreto di cui non c’è notizia»
di Federica Bosco
Salvare i nonni colpiti dall’Ictus si può con Fast Heroes
Al via nelle scuole primarie milanesi, in collaborazione con l’’associazione A.L.I.Ce, il progetto che insegna ai bambini delle scuole primarie a riconoscere i sintomi e ad attivare il numero di emergenza
di Federica Bosco
HappyAgeing, come gestire l’immunizzazione negli anziani in vista dell’inverno
In occasione della II Assise Nazionale HappyAgeing sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano, un dialogo tra il presidente del CTS Conversano e tanti professionisti sui risultati da raggiungere per la stagione fredda e sul nuovo approccio per avvicinare la popolazione a vaccini come influenza, pneumococco e Herpes Zoster
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
Salute anziani, consegnato a Roma il Premio De Sanctis per la Salute Sociale
A Croce Rossa Italiana, Comunità Sant’Egidio, Regione Emilia Romagna, Roberto Bernabei e Alessandro Boccanelli la prima edizione del Premio De Sanctis per la Salute Sociale. Consegnato oggi a Roma da un parterre d’eccezione il riconoscimento a coloro che si sono distinti nella tutela della salute degli anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?