Salute 15 Aprile 2021 16:23

Nao, il robot umanoide che ravviva la memoria dei malati di demenza

Fumagalli (educatore): «È un emotional toy, un oggetto che funge da mediatore emozionale per il trattamento delle persone con demenza. È stato programmato per svolgere sei attività di edutainment, gioco e supporto cognitivo, adatte ai malati di Alzheimer»

di Isabella Faggiano

«Ciao, io sono Nao, il robot umanoide. Oggi vi farò compagnia, ci divertiremo tutti insieme». È così che il piccolo Nao, un robot alto circa 50 cm, risponde, sollevando il braccio destro in segno di saluto, a chiunque gli chieda di presentarsi.

Nao è il migliore amico di molti degli anziani ospiti del Paese Ritrovato, un villaggio che accoglie persone con Alzheimer: «Questo robot umanoide fa parte della categoria degli emotional toy, oggetti che, fungendo da mediatori emozionali, sono utilizzati per il trattamento delle persone con demenza», spiega Marco Fumagalli, educatore socio-pedagogico, formatore e responsabile della comunicazione de “la Meridiana”, la cooperativa che gestisce questo progetto, sostenuto da Banca d’Italia, e realizzato in collaborazione con la Scuola di Robotica.

Cosa sono i mediatori di emozioni

Tra gli emotional toy rientrano anche cuccioli di foca, cani e gatti robotici, bambole terapeutiche, animali di peluche, utilizzati sia nelle residenze, che direttamente a casa.  «La novità di Nao, rispetto agli emotional toy impiegati di consueto – aggiunge Fumagalli – risiede nel suo aspetto umano. Proprio per la sua esteriorità, alcuni anziani lo hanno paragonato ad un giovane che, di tanto in tanto, arriva nelle loro case per fargli visita e trascorrere un po’ di tempo in allegria». Da vari anni i robot umanoidi sono utilizzati per assistenza, per divertimento e per sostenere alcune attività di apprendimento e rafforzamento della memoria. Il robot Nao, infatti, è impiegato dagli operatori del Paese Ritrovato in sedute di edutainment (intrattenimento educativo), di gioco e di supporto cognitivo.

Che cosa fa Nao

Gli operatori del Paese Ritrovato – educatori, psicologi e geriatri – hanno ideato, insieme alla Scuola di Robotica di Genova, una programmazione ad hoc per i propri ospiti. «Abbiamo strutturato un copione che permette a Nao di cimentarsi in sei diverse attività – racconta Fumagalli – . C’è un programma dedicato alla conoscenza, in cui Nao si presenta  e risponde ad alcune domande chiave. Un’attività sui proverbi: il robot ne racconta una prima parte e poi chiede ai presenti di completarlo. Ancora, riconoscimento dei versi di animali, movimenti da rispecchiare, musica da ascoltare e ballare, ricette da apprendere e proporre».

Il ruolo dell’operatore

Si tratta di un training a tutti gli effetti della durata di circa 20 minuti. Può essere attivato sia attraverso un comando vocale, che con i tasti posti sulla testa dell’umanoide. «La doppia opzione è stata ideata per permettere agli operatori di intervenire manualmente laddove l’anziano dovesse avere difficoltà nell’attivazione vocale, poiché – commenta Fumangalli – non di rado, le persone con demenza non riescono a pronunciare delle parole in modo esatto. Altri tasti, cosiddetti di rinforzo motivazionale, possono essere azionati sempre dall’operatore per far pronunciare a Nao alcuni complimenti, come “siete stati bravi, sono molto contento di stare qui con voi”».

Così Nao rinforza la memoria

Perché programmare un robot per compiere attività che gli operatori potrebbero tranquillamente svolgere in prima persona? «La nostra esperienza diretta ha dimostrato come il tempo trascorso con il robot mantenga una traccia più duratura tra i ricordi degli anziani con demenza. Persone che non ricordano cosa hanno mangiato a pranzo a distanza di due ore dal pasto – spiega l’esperto – conservano il ricordo delle attività fatte in compagnia di Nao anche a distanza di 7-10 giorni».

Per il futuro incontri vis à vis

Tutti i risultati raggiunti finora sono uno stimolo affinché il training possa essere ulteriormente migliorato. «Abbiamo intenzione di potenziare questa app e di ideare un programma che consenta a Nao di svolgere attività individuali, supportando i soggetti più fragili, come coloro che soffrono di apatia o di depressione. In futuro, vorremmo coniugare l’utilizzo del robot umanoide come altri emotional toy, come ad esempio la bambola empatica, così – conclude l’educatore – da ottenere un’efficacia a più ampio raggio e raggiungere al meglio il nostro principale obiettivo: migliore la qualità della vita dei nostri anziani»

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Anziani più a rischio cadute per la maggior lentezza di movimento delle braccia
Gli anziani hanno un rischio maggiore di cadere e farsi male perché le loro braccia sono più lente a rispondere quando scivolano. I movimenti delle braccia infatti sono fondamentali per ritrovare l'equilibrio ed evitare le cadute. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori dell'Università dell'Arizona in uno studio pubblicato sul server di pre-stampa bioRxiv
Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo
Uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Stare troppo tempo seduti è il «nuovo fumo». Più di 10 ore al dì sul divano aumentano il rischio di demenza
Sia che si guardi la tv sul divano o che si guidi l'automobile, magari per lavoro, stare più di 10 ore al giorno seduti aumenta il rischio di sviluppare la demenza. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista JAMA
Infarto: per gli anziani è efficace lo stesso trattamento dei giovani
In caso di attacco cardiaco gli anziani dovrebbero ricevere lo stesso trattamento dei giovani. Lo dimostra uno studio coordinato da scienziati italiani e pubblicato sul The New England Journal of Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...