Salute 15 Aprile 2021 16:23

Nao, il robot umanoide che ravviva la memoria dei malati di demenza

Fumagalli (educatore): «È un emotional toy, un oggetto che funge da mediatore emozionale per il trattamento delle persone con demenza. È stato programmato per svolgere sei attività di edutainment, gioco e supporto cognitivo, adatte ai malati di Alzheimer»

di Isabella Faggiano

«Ciao, io sono Nao, il robot umanoide. Oggi vi farò compagnia, ci divertiremo tutti insieme». È così che il piccolo Nao, un robot alto circa 50 cm, risponde, sollevando il braccio destro in segno di saluto, a chiunque gli chieda di presentarsi.

Nao è il migliore amico di molti degli anziani ospiti del Paese Ritrovato, un villaggio che accoglie persone con Alzheimer: «Questo robot umanoide fa parte della categoria degli emotional toy, oggetti che, fungendo da mediatori emozionali, sono utilizzati per il trattamento delle persone con demenza», spiega Marco Fumagalli, educatore socio-pedagogico, formatore e responsabile della comunicazione de “la Meridiana”, la cooperativa che gestisce questo progetto, sostenuto da Banca d’Italia, e realizzato in collaborazione con la Scuola di Robotica.

Cosa sono i mediatori di emozioni

Tra gli emotional toy rientrano anche cuccioli di foca, cani e gatti robotici, bambole terapeutiche, animali di peluche, utilizzati sia nelle residenze, che direttamente a casa.  «La novità di Nao, rispetto agli emotional toy impiegati di consueto – aggiunge Fumagalli – risiede nel suo aspetto umano. Proprio per la sua esteriorità, alcuni anziani lo hanno paragonato ad un giovane che, di tanto in tanto, arriva nelle loro case per fargli visita e trascorrere un po’ di tempo in allegria». Da vari anni i robot umanoidi sono utilizzati per assistenza, per divertimento e per sostenere alcune attività di apprendimento e rafforzamento della memoria. Il robot Nao, infatti, è impiegato dagli operatori del Paese Ritrovato in sedute di edutainment (intrattenimento educativo), di gioco e di supporto cognitivo.

Che cosa fa Nao

Gli operatori del Paese Ritrovato – educatori, psicologi e geriatri – hanno ideato, insieme alla Scuola di Robotica di Genova, una programmazione ad hoc per i propri ospiti. «Abbiamo strutturato un copione che permette a Nao di cimentarsi in sei diverse attività – racconta Fumagalli – . C’è un programma dedicato alla conoscenza, in cui Nao si presenta  e risponde ad alcune domande chiave. Un’attività sui proverbi: il robot ne racconta una prima parte e poi chiede ai presenti di completarlo. Ancora, riconoscimento dei versi di animali, movimenti da rispecchiare, musica da ascoltare e ballare, ricette da apprendere e proporre».

Il ruolo dell’operatore

Si tratta di un training a tutti gli effetti della durata di circa 20 minuti. Può essere attivato sia attraverso un comando vocale, che con i tasti posti sulla testa dell’umanoide. «La doppia opzione è stata ideata per permettere agli operatori di intervenire manualmente laddove l’anziano dovesse avere difficoltà nell’attivazione vocale, poiché – commenta Fumangalli – non di rado, le persone con demenza non riescono a pronunciare delle parole in modo esatto. Altri tasti, cosiddetti di rinforzo motivazionale, possono essere azionati sempre dall’operatore per far pronunciare a Nao alcuni complimenti, come “siete stati bravi, sono molto contento di stare qui con voi”».

Così Nao rinforza la memoria

Perché programmare un robot per compiere attività che gli operatori potrebbero tranquillamente svolgere in prima persona? «La nostra esperienza diretta ha dimostrato come il tempo trascorso con il robot mantenga una traccia più duratura tra i ricordi degli anziani con demenza. Persone che non ricordano cosa hanno mangiato a pranzo a distanza di due ore dal pasto – spiega l’esperto – conservano il ricordo delle attività fatte in compagnia di Nao anche a distanza di 7-10 giorni».

Per il futuro incontri vis à vis

Tutti i risultati raggiunti finora sono uno stimolo affinché il training possa essere ulteriormente migliorato. «Abbiamo intenzione di potenziare questa app e di ideare un programma che consenta a Nao di svolgere attività individuali, supportando i soggetti più fragili, come coloro che soffrono di apatia o di depressione. In futuro, vorremmo coniugare l’utilizzo del robot umanoide come altri emotional toy, come ad esempio la bambola empatica, così – conclude l’educatore – da ottenere un’efficacia a più ampio raggio e raggiungere al meglio il nostro principale obiettivo: migliore la qualità della vita dei nostri anziani»

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Anziani, l’indagine di Italia Longeva: «Covid ha congelato vaccinazioni contro le altre malattie infettive»
Il Presidente Bernabei: «Abbattere le barriere culturali, organizzative e professionali per rilanciare le vaccinazioni ordinarie degli adulti anziani. Puntare su infrastrutture adeguate, campagne di comunicazione e anagrafe vaccinale»
Fibrillazione Atriale: dati real – world riaffermano benefici di edoxaban
I benefici di edoxaban in tutti i gruppi di età, compresi i pazienti anziani, sono confermati dai risultati real -world a due anni di follow up del programma ETNA-AF (Europe e Global), ad oggi è il più ampio studio prospettico non interventistico che studia un singolo anticoagulante orale non antagonista della vitamina K (NOAC) in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV)
Longevità, nasce intergruppo. Taverna (M5S): «Tutela degli anziani nella Carta»
Al Senato la presentazione di due Ddl: il primo punta a modificare l’articolo 31 della Costituzione introducendo la parola ‘anziani’, il secondo prevede una Delega al Governo in materia di tutela e valorizzazione della terza età. Centri diurni, servizi di prossimità e assistenza domiciliare integrata continuativa nel piano di Monsignor Paglia, Presidente della Commissione per la riforma dell'assistenza agli anziani
Covid, nelle RSA primi effetti del vaccino: in calo incidenza e decessi
Lo dimostra la seconda edizione del report di sorveglianza sulle strutture realizzato dall’Iss in collaborazione con il Ministero della Salute, il Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale e l’ARS Toscana
Covid, Senior Italia FederAnziani: «Da inizio anno quasi 20mila morti»
Il Presidente Messina: «Chiediamo cambio di passo su campagna vaccinale per arrivare a immunità di gregge e salvare migliaia di vite dei nostri anziani»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...