Lavoro 9 Aprile 2021 13:05

Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»

Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»

di Isabella Faggiano

«Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni. Priorità agli anziani». Lo ha detto il premier Draghi, lo stesso presidente del Consiglio che con il “suo” decreto, pochi giorni fa, ha obbligato tutti gli operatori sanitari a vaccinarsi contro il Covid-19, senza distinzione di età o di luogo di lavoro (all’articolo 4 del D.L. 1 aprile 2021, n. 44 ). E dal 2018, con l’approvazione della legge Lorenzin, anche gli psicologi rientrano tra questi professionisti sanitari.

È stato il Governo a sancire l’obbligo vaccinale per gli psicologi

Una contraddizione alla quale la categoria degli psicologi ha reagito con estremo stupore: «Siamo increduli – dice David Lazzari, presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi, in un’intervista a Sanità Informazione -. Il principio della vaccinazione a tutti i sanitari, e di conseguenza a tutti gli psicologi, è stato sancito dal Governo. In una prima fase della campagna vaccinale, con la disposizione di una priorità su base volontaria, circa la metà dei nostri iscritti si sono dichiarati disponibili alla vaccinazione. Una scelta dalla quale è emerso un grandissimo senso di responsabilità: ha rinunciato al vaccino, infatti – sottolinea Lazzari – chi ha onestamente ritenuto che le proprie condizioni di lavoro non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri utenti, perché impegnati in terapie a distanza o temporaneamente inoccupati. Con un successivo e recente decreto questa priorità vaccinale è stata resa obbligatoria per tutti gli operatori sanitari e, quindi, per tutti gli psicologi».

Nel Lazio la metà degli psicologi aveva rinunciato al vaccino

Anche i numeri regionali confermano la stessa tendenza descritta a livello nazionale: «Nel Lazio – dice Federico Conte, presidente dell’Ordine regionale degli Psicologi –  su 21 mila iscritti, circa 11 mila avevano aderito alla campagna vaccinale quando non vigeva ancora nessun obbligo per i professionisti sanitari. E, considerando che circa la metà dei nostri iscritti lavora in regime libero professionale, è probabile che siano stati proprio questi, per principio di responsabilità, a rinunciare al vaccino, non ritenendo ci fossero rischi né per i propri pazienti, né per se stessi».

Vaccinarsi significa proteggere i pazienti fragili

Il principio su cui si basa la vaccinazione di tutti gli operatori sanitari è proprio la protezione dell’utenza: «La maggior parte degli psicologi è a contatto con bambini, famiglie, malati, anziani. Opera in contesti differenti, dalle Rsa agli ospedali, fino alle scuole, e non solo all’interno degli studi professionali – sottolinea Lazzari -. Per questo avevamo accolto favorevolmente la decisione dell’attuale Governo di vaccinare gli operatori sanitari per garantire protezione ai soggetti più fragili».

Con l’emergenza Covid esplose le richieste di sostegno psicologico

E mai come in questo periodo gli psicologi sono a contatto con le persone più a rischio: la pandemia ha incrementato il lavoro di questa categoria professionale, rendendo sempre più urgente e necessario il loro intervento, anche in prima linea. Lo stesso Governo, già ad aprile del 2020, infatti, aveva istituito un numero verde che rispondesse alle crescenti richieste di sostegno psicologico, registrando immediatamente un boom di chiamate «Non c’è stato mai tanto bisogno del nostro aiuto come in questo periodo», afferma il presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. «Ma, oltre al sostegno psicologico – conclude Lazzari -, vogliamo poter garantire sicurezza ai nostri pazienti, rispettando ogni decisione del Governo, compresa quella di vaccinare l’intera categoria professionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici, psicologi e infermieri: arriva il primo documento per supportare il paziente che chiede di morire
Per la prima volta in Italia, un tavolo di lavoro composto da psicologi, medici, infermieri, assistenti spirituali, bioeticisti, giornalisti e familiari si è riunito con l’obiettivo di garantire una risposta condivisa e multidisciplinare alla domanda del paziente che chiede di revocare, rifiutare o accedere al suicidio volontario medicalmente assistito circostanziato. L’esito di questo lavoro è disponibile gratuitamente sul sito dell’Ordine degli Psicologi del Lazio
Giornata della Salute mentale, Lazzari (CNOP): «Pandemia ha messo a dura prova i giovani, bonus psicologo offre risposte»
«I giovani hanno rotto il tabù di rivolgersi allo psicologo: secondo una recente indagine 8 su 10 lo ritengono utile e 7 su 10 se potessero ci andrebbero. La scriminante è che non tutti se lo possono permettere»
Psicologi nelle carceri, nuovi stanziamenti per quasi quattro milioni di euro
Incontro al Ministero della Giustizia tra la Sottosegretaria di Stato Anna Macina e il Presidente del CNOP David Lazzari.
David Lazzari (CNOP) scrive al Dap: «Troppi suicidi, psicologi siano inseriti in modo stabile nelle carceri»
«Per provare a incidere sulle molteplici cause di fatti così gravi è necessario a nostro avviso saper leggere il contesto per agire anche con e sull'organizzazione» spiega il presidente dell'Ordine degli Psicologi David Lazzari
Psicologia, Lazzari (CNOP): «Bonus psicologo apprezzato perchè ha intercettato bisogni reali»
Il presidente del Consiglio Nazionale degli Ordini degli Psicologi spiega: «Il problema è che in Italia manca una rete pubblica per il disagio psicologico, il bonus è una prima risposta». Poi rilancia il tema dello psicologo scolastico: «C’è grande incertezza ma ho lavorato affinchè il protocollo con il MUR proseguisse. La misura andrebbe stabilizzata, politica deve assumersi responsabilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...