Lavoro 9 Aprile 2021 13:05

Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»

Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»

di Isabella Faggiano

«Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni. Priorità agli anziani». Lo ha detto il premier Draghi, lo stesso presidente del Consiglio che con il “suo” decreto, pochi giorni fa, ha obbligato tutti gli operatori sanitari a vaccinarsi contro il Covid-19, senza distinzione di età o di luogo di lavoro (all’articolo 4 del D.L. 1 aprile 2021, n. 44 ). E dal 2018, con l’approvazione della legge Lorenzin, anche gli psicologi rientrano tra questi professionisti sanitari.

È stato il Governo a sancire l’obbligo vaccinale per gli psicologi

Una contraddizione alla quale la categoria degli psicologi ha reagito con estremo stupore: «Siamo increduli – dice David Lazzari, presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi, in un’intervista a Sanità Informazione -. Il principio della vaccinazione a tutti i sanitari, e di conseguenza a tutti gli psicologi, è stato sancito dal Governo. In una prima fase della campagna vaccinale, con la disposizione di una priorità su base volontaria, circa la metà dei nostri iscritti si sono dichiarati disponibili alla vaccinazione. Una scelta dalla quale è emerso un grandissimo senso di responsabilità: ha rinunciato al vaccino, infatti – sottolinea Lazzari – chi ha onestamente ritenuto che le proprie condizioni di lavoro non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri utenti, perché impegnati in terapie a distanza o temporaneamente inoccupati. Con un successivo e recente decreto questa priorità vaccinale è stata resa obbligatoria per tutti gli operatori sanitari e, quindi, per tutti gli psicologi».

Nel Lazio la metà degli psicologi aveva rinunciato al vaccino

Anche i numeri regionali confermano la stessa tendenza descritta a livello nazionale: «Nel Lazio – dice Federico Conte, presidente dell’Ordine regionale degli Psicologi –  su 21 mila iscritti, circa 11 mila avevano aderito alla campagna vaccinale quando non vigeva ancora nessun obbligo per i professionisti sanitari. E, considerando che circa la metà dei nostri iscritti lavora in regime libero professionale, è probabile che siano stati proprio questi, per principio di responsabilità, a rinunciare al vaccino, non ritenendo ci fossero rischi né per i propri pazienti, né per se stessi».

Vaccinarsi significa proteggere i pazienti fragili

Il principio su cui si basa la vaccinazione di tutti gli operatori sanitari è proprio la protezione dell’utenza: «La maggior parte degli psicologi è a contatto con bambini, famiglie, malati, anziani. Opera in contesti differenti, dalle Rsa agli ospedali, fino alle scuole, e non solo all’interno degli studi professionali – sottolinea Lazzari -. Per questo avevamo accolto favorevolmente la decisione dell’attuale Governo di vaccinare gli operatori sanitari per garantire protezione ai soggetti più fragili».

Con l’emergenza Covid esplose le richieste di sostegno psicologico

E mai come in questo periodo gli psicologi sono a contatto con le persone più a rischio: la pandemia ha incrementato il lavoro di questa categoria professionale, rendendo sempre più urgente e necessario il loro intervento, anche in prima linea. Lo stesso Governo, già ad aprile del 2020, infatti, aveva istituito un numero verde che rispondesse alle crescenti richieste di sostegno psicologico, registrando immediatamente un boom di chiamate «Non c’è stato mai tanto bisogno del nostro aiuto come in questo periodo», afferma il presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio. «Ma, oltre al sostegno psicologico – conclude Lazzari -, vogliamo poter garantire sicurezza ai nostri pazienti, rispettando ogni decisione del Governo, compresa quella di vaccinare l’intera categoria professionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Covid-19, gli effetti sulla salute mentale (uno studio italiano)
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco