Salute 2 Febbraio 2022 11:41

Morti improvvise tra i giovanissimi: perché accadono? Parola all’esperto

Luigi Mauri, direttore della Cardiologia pediatrica dell’Ospedale Niguarda di Milano «Sono morti elettriche, causate da aritmie maligne o miocarditi, ma nessuna correlazione con i vaccini»

Morti improvvise tra i giovanissimi: perché accadono? Parola all’esperto

Giovani, senza patologie pregresse e colpiti da malori improvvisi che non lasciano scampo. Le pagine di cronaca italiana sono state segnate nei giorni scorsi dalla sorte di due ragazzini di 12 anni, Carlo Alberto a Padova e Bianca a Catania. Due giovani vite stroncate da arresti cardiaci improvvisi, Carlo Alberto durante una corsa campestre, Bianca a scuola. Niente poteva lasciare presagire tragedie del genere, eppure sono accadute ed oggi sono in molti a domandarsi se si potessero evitare. Lo abbiamo chiesto a Luigi Mauri direttore della cardiologia pediatrica dell’ospedale Niguarda di Milano.

Professore in pochi giorni abbiamo assistito alla morte improvvisa di due ragazzini di 12 anni, come è possibile?

«In entrambi i casi si tratta di morte elettrica ovvero il cuore che ha una tachiaritmia che può sfociare in una fibrillazione ventricolare, il bambino perde conoscenza perché il sangue non arriva al cervello e non arrivando alle arterie coronariche, il cuore si ferma. La patologia sottostante, in questa fascia di età, raramente è l’infarto miocardico, anzi quasi mai».

Quindi quando si verificano delle morti improvvise si usa impropriamente il termine “infarto”?

«L’infarto miocardico nel bambino accade quando c’è una origine anomala delle arterie coronarie che anziché nascere dall’aorta, partono dall’arteria polmonare; e la diagnosi viene fatta di solito nei primi mesi di vita, perché i bambini sono sintomatici, in particolare se si tratta dell’arteria coronarica di sinistra. Un’altra patologia che può dare un infarto miocardico nel bambino è la malattia di Kawasaki che si presume avere un’origine virale. In quel caso ci sono sintomi precisi: febbre, esantema e la formazione di aneurismi sulle arterie coronarie. I casi più gravi di solito si riscontrano nei bambini piccoli, anche di pochi mesi».

La morte improvvisa nei bambini se non è causata da infarto, a cosa può essere dovuta?

«Molte volte è causata da malattie genetiche come la sindrome del QT lungo o la sindrome di Brugada. Un’altra causa di morte improvvisa può essere la sindrome di Wolff-Parkinson-White, ovvero una patologia congenita con una conduzione cardiaca anomala che può determinare episodi di tachiaritmia ventricolare. Poi ci sono altre malattie che possono determinare la fibrillazione ventricolare o tachiaritmia ventricolare maligna come la displasia aritmogena del ventricolo di destra; anche in questo caso è dimostrato esserci una mutazione genetica con una familiarità».

Mi sta dicendo quindi che con una buona anamnesi queste malattie possono essere diagnosticate?

«Per rilevarle occorre eseguire un esame elettrocardiografico, che non sempre è diagnostico. La sindrome del QT lungo può essere vista con un elettrocardiogramma eseguito a pochi mesi di vita come anche la sindrome di Brugada, fondamentale resta un’attenta anamnesi indagando se esistono nella famiglia morti improvvise».

Se si individuano soggetti a rischio cosa bisogna fare?

«Occorre estendere gli accertamenti che, oltre all’elettrocardiogramma, la prova da sforzo e l’holter, riguardano risonanza magnetica nucleare con e senza contrasto e test genetici. Le terapie sono: farmacologica con l’utilizzo dei betabloccanti, l’ablazione con radiofrequenza e il defibrillatore impiantabile».

Possiamo dire che nella casistica delle morti improvvise in bambini e ragazzi le malattie genetiche rappresentano una alta percentuale, ma non l’unica. Dove occorre ricercare le cause allora?

«Le cause vanno ricercate nelle malattie virali come le miocarditi che possono essere subdole e paucisintomatiche. Quindi un ragazzino può ammalarsi tempo prima e poi trovarsi con un ventricolo dilatato e ipocinetico con una severa riduzione della funzione di pompa che può sviluppare aritmie maligne. Altre malattie che possono determinare la morte improvvisa e l’aritmia maligna sono: la cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva che può essere rilevata con un elettrocardiogramma ed ecocardiogramma, e le cardiomiopatie dilatative su base idiopatica o dovute a miocarditi passate inosservate, inoltre ci sono le valvulopatie come la stenosi valvolare aortica che, in questi casi, all’esame obiettivo rileva un soffio cardiaco che è riscontrabile da un qualunque medico che visiti il paziente».

I numeri di questi giorni sono anomali rispetto allo standard?

«Se devo essere sincero nel nostro centro di cardiologia pediatrica e di trapianti nel 2021 abbiamo visto meno miocarditi tra i bambini rispetto all’anno 2019, questo perché essendo una malattia virale con mascherine ed isolamento si è diffusa di meno, anche se è annoverata tra gli effetti del Covid. Per quanto riguarda il vaccino non abbiamo visto casi maligni di complicazioni sul cuore».

Esclusa dunque una correlazione tra morti improvvise e vaccino, cosa bisogna fare per prevenire queste disgrazie?

«È fondamentale una anamnesi approfondita cercando di capire se in famiglia ci sono malattie cardiache o ci sono state morti improvvise. Dopodiché occorre fare un elettrocardiogramma a dodici derivazioni e infine una visita al cui esito il medico deciderà se fare un ecocardiogramma che permette di vedere eventuali malattie strutturali presenti ed ulteriori accertamenti. È possibile però che anche con questi presidi non si arrivi a formulare una diagnosi soprattutto quando si tratta di malattie elettriche su possibile base genetica ed allora è fondamentale la tempistica di intervento quando si verificano e l’utilizzo del defibrillatore».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La fuga dai social della gen Z
Pagliariccio (psicologo): «Tra le nuove generazioni c’è chi ritiene che l’utilizzo dei social sia faticoso, che generi un sovraccarico cognitivo, che non risponda ai propri bisogni personali. I giovani d’oggi abbandonano senza remore ciò che non li rende felici»
Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25
L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»
Per 3 adolescenti su 4 la fertilità è una grande sconosciuta, via a Progetto Scuola della SIRU
In occasione del quinto congresso nazionale della Società Italiana della Riproduzione Umana (SIRU), che si apre oggi a Rimini fino al 28 maggio, gli studenti delle scuole sono stati invitati a prendere parte all'evento per imparare e sciogliere ogni dubbio sulla fertilità
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...