Salute 17 Dicembre 2019 11:45

Mortalità neonatale, 40% più alta nel Sud. A rischio anche minori figli di stranieri

«Ecco una violazione dell’articolo 32 della Costituzione» ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza in occasione della presentazione del Libro Bianco, il documento sull’assistenza dell’Area pediatrica realizzato dalla Fiarped

Mortalità neonatale, 40% più alta nel Sud. A rischio anche minori figli di stranieri

«L’area pediatrica è un settore chiave». Parte da qui Roberto Speranza, ministro della Salute, in occasione della presentazione del documento sull’assistenza dell’Area pediatrica realizzato dalla Fiarped, (Federazione italiana delle associazioni e società scientifiche in pediatria). «Lavoriamo sulle diseguaglianze per rafforzare lo Stato nella tutela del diritto alla salute nei primi anni di vita dell’individuo. Lo dimostrano – prosegue il ministro – i dati drammatici emersi nel Libro Bianco della Fiarped, intolleranti se guardiamo al mondo: una differenza dei tassi di mortalità neonatale del 40% tra il Sud e il Nord segnala come sia proprio dentro gli anni della fragilità che esplodono le diseguaglianze, che poi nel tempo diventano irrecuperabili. Il dato sale al 70% con i minori figli di stranieri, ecco una violazione dell’articolo 32 della Costituzione».

«Salta agli occhi la criticità delle disuguaglianze territoriali che riguarda tutti, non soltanto i più piccoli tra gli italiani, cioè le bambine, i bambini e gli adolescenti. Per questi ultimi tuttavia è molto più ingiusta oltreché pericolosa, in quanto l’investimento sulla salute dei minori è un investimento sul futuro del Paese». Così Sandra Zampa, sottosegretario al ministero della Salute, commenta all’agenzia di stampa Dire la criticità più “eclatante” emersa dal Libro Bianco della Fiarped presentato questa mattina.

Cambia il tipo di malattie con cui i pediatri si trovano a far fronte e aumentano quelle croniche che necessitano di cure particolari. Sovrappeso, asma, obesità, diabete e bullismo sono tra le patologie che affliggono maggiormente i più piccoli. Sono infatti un milione, nel nostro Paese, i bambini con bisogni assistenziali speciali, di cui circa 10mila definiti “medicalmente complessi”, ovvero che necessitano di una tecnologia per vivere, come un respiratore o la nutrizione artificiale.

«Avere una disturbo che non viene sufficientemente compreso o trattato significa il trascinarsi di patologie o problemi una volta diventati adulti. Occorre capire che questa è davvero la priorità su cui investire – sottolinea Zampa a cui il ministro Speranza ha affidato la delega sui minori – prima di tutto nella ricerca. Più che mettere in campo strumenti un po’ a casaccio bisogna rendersi conto di quali siano gli strumenti più efficaci».

LEGGI: NATALE, I CONSIGLI DELLA SIPPS: «MENO STRESS E PIÙ TEMPO CON I PROPRI BAMBINI»

Un segnale di attenzione e sensibilità al tema delle disuguaglianze è «arrivato anche nella Finanziaria – rassicura Zampa – dove con un emendamento si prevede, e sarà legge una volta che avrà concluso l’iter alla Camera, l’abolizione del ticket per tutte le persone di minore età che non hanno riferimenti familiari o sono fuori famiglia. Trattando il tema dei minori deve valere per tutti, senza distinzioni di censo, di colore o di appartenenza religiosa. La bandiera che deve sempre accompagnare i provvedimenti per le persone di minore età è quella della non discriminazione – ribadisce – e teoricamente avrebbe già dovuto essere così dato che la legge 47 prevede l’accesso alle cure sanitarie. Adesso lo abbiamo ribadito – conclude – dal momento che da più parti c’è stato fatto presente che c’erano criticità nell’accesso».

 

Articoli correlati
La FNO TSRM PSTRP presenta la Costituzione Etica. Speranza: «Contributo alla creazione di un orizzonte comune»
I 48 articoli del testo creano una base valoriale comune per le 19 professioni sanitarie afferenti alla FNO TSRM PSTRP. Il Ministro della Salute annuncia: «La Consulta delle professioni sanitarie avrà un ruolo nella definizione della sanità del futuro». Da Persona a Privacy, ecco il decalogo
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
2° Congresso Simedet, il messaggio di Speranza: «Occasione preziosa per condividere buone pratiche»
Il Presidente Nazionale della Simedet, Fernando Capuano, nel suo intervento ha ricordato che occorre pianificare sin d'ora la risposta ai bisogni di salute e alle future pandemie o maxiemergenze sanitarie,
Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere
Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 200.242.092 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.257.056 i decessi. Ad oggi, oltre 4.27 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva