Salute 9 Agosto 2022 11:19

Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi

La montagna si conferma tra le mete estive privilegiate ma i medici avvertono: «Attenzione ai disturbi quando si sale di quota»

Montagna che passione, ma più attenzione in alta quota. In arrivo nuovo corso Consulcesi

Anche per questa estate la montagna rimane tra le mete privilegiate dagli italiani, confermando un trend in ascesa, è proprio il caso di dirlo, iniziato negli ultimi anni e che ha visto una brusca accelerazione a seguito della pandemia da Covid-19.

Tentando di sfuggire al caldo rovente e desiderosi di natura, aria aperta ed esperienze mozzafiato sempre più persone infatti scelgono di salire in alta montagna ma spesso, mancanti di un’adeguata preparazione pratica e teorica che impedisce di vivere in sicurezza l’ambiente montano e prevenire malesseri tipiche dell’alta quota.

“Ascoltare il proprio corpo e sapere quali farmaci eventualmente assumere per contrastare le comuni ma non trascurabili patologie legate all’altitudine”, raccomanda Daniele Manno, Capitano del corpo militare della Croce Rossa italiana, che lasciando il nuovo corso ECM aperto a tutti i camici bianchi e realizzato con Consulcesi Club “Montagna: patologie e condizione tipiche in alta quota” si unisce al coro di soccorritori e guide alpine che, nella stagione estiva come in quella invernale, raccomandano più prudenza e formazione in montagna.

L’obiettivo del nuovo corso affidato al paramedico nonché istruttore di remote e military life support è quello di aggiornare e formare i professionisti della salute per prevenire gli innumerevoli e comuni malesseri legati all’altitudine e promuovere una maggiore consapevolezza attorno a quello che succede al nostro organismo quando esposto a condizioni più o meno avverse ed estreme come possono essere quelle dell’ambiente montano.

Un tema centrale, quello della montagna e dell’esperienza outdoor, in questo 2022 che promette di essere l’anno della rivincita per il turismo nel Belpaese con le previsioni dell’istituto Demoskopika che parlano di un +43% di presenze italiane e di un +35% di quelle straniere sul 2021.

Tra le mete preferite, l’indagine conferma il successo della montagna che solo in Piemonte attira il 40% dei turisti mentre in Abruzzo file da vie dello shopping affollano da inizio estate la vetta più alta degli Appennini.

In questo scenario, Manno allora mette in guardia sui rischi legati ad un’ascesa senza un’adeguata preparazione: «L’altitudine può portare ad una serie di malesseri dall’intensità variabile a seconda anche della predisposizione del singolo, che possono andare dal noto mal di montagna all’iperventilazione, alla dispnea, fino alla apnee notturne, al respiro periodico e all’alterazione del sonno», spiega Manno che nel corso multimediale affronta anche comportamenti volti a prevenire la comparsa del malessere e l’utilizzo di farmaci per contrastare i sintomi.

Nel corso Manno tocca inoltre argomenti e concetti che tra il pubblico generalista sono ancora avvolti da disinformazione e confusione e sui quali quindi i professionisti della salute possono e devono fare la differenza con un’informazione corretta e aggiornata: dall’importanza dell’acclimatazione al ruolo della disidratazione fino al sistema endocrino e all’adattamento ormonale.

«La risposta fisiologica varia a seconda di diversi fattori. Per esempio, se generalmente si iniziano ad accusare i sintomi del cosiddetto mal di montagna a partire dai 2000 metri, è possibile che i soggetti cardiopatici ne soffrano già dai 1000 metri, con nausea e altri disturbi gastrointestinali», spiega Manno.

«È fondamentale allora mettere più persone possibili nella condizione di riconoscere il disturbo e agire per una rapida e sicura ripresa».

Il corso di formazione a distanza si inserisce nell’ampio catalogo del provider leader nella formazione ECM tra cui i professionisti della salute possono scegliere per conseguire i crediti formativi obbligatori entro la fine di dicembre 2022.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Alzheimer, Gori (Consulcesi): «Aggiornamento è chiave per diagnosi precoce»
In occasione della Giornata Mondiale, Consulcesi lancia un nuovo corso ECM per sensibilizzare e aggiornare i camici bianchi sulle ultime novità
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Test Medicina: da Consulcesi “manuale di sopravvivenza” per gestire studio e stress
Boom di candidature per il Test di Medicina. Anche quest'anno previsto esercito di esclusi. La guida pratica per gli studenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi