Salute 7 Luglio 2017

ESCLUSIVA ǀ Caso Charlie Gard, ecco la terapia. Ospedale: «Giusto tentare cura»

Si riaccende la speranza per il piccolo Charlie dopo il protocollo del Bambino Gesù. L’ospedale Great Ormond Street, dove è ricoverato il piccolo, afferma che «è giusto tentare la cura, ne siamo convinti insieme ai genitori».

Immagine articolo

Si riaccende la speranza per il piccolo Charlie dopo il protocollo del Bambino Gesù. Giovedì 13 luglio è fissata la prossima udienza in cui si discuterà l’eventuale cura sperimentale da sottoporre al piccolo. L’ospedale Great Ormond Street, dove è ricoverato il piccolo, afferma che «è giusto tentare la cura, ne siamo convinti insieme ai genitori». «I due ospedali internazionali e i loro ricercatori – ha spiegato la struttura che poco prima si era rivolta all’Alta Corte per una nuova udienza sul caso – ci hanno comunicato nelle ultime 24 ore di avere nuovi dati a proposito del trattamento sperimentale da essi proposto».

In mattinata era stata inviata al Great Ormond Street Hospital di Londra, dove i medici si apprestavano a interrompere i sostegni vitali del bambino, un protocollo di cura per la sindrome da deplezione del Dna mitocondriale (per l’appunto, la patologia di Charlie), redatto da una équipe internazionale di scienziati. La mamma di Charlie, Connie Yates, come riporta l’AdnKronos, aveva dichiarato in tv durante la trasmissione ‘Good Morning Britain’ che il protocollo terapeutico ha visto la collaborazione di cinque medici «tutti specializzati in questa particolare malattia. Tra questi ci sono un neurologo pediatrico e un altro neurologo».

Sanità Informazione ha intervistato in esclusiva Paola Desideri, Vicepresidente di Mitocon Onlus, l’associazione delle famiglie e dei pazienti mitocondriali italiana che in questi giorni è stata in contatto continuo con la famiglia del piccolo Charlie.

Importanti novità per Charlie Gard: proprio nella notte un team di scienziati e ricercatori ha preparato un protocollo rispetto alle possibilità terapeutiche percorribili per il piccolo. Può spiegarci ragioni e sviluppi?

«In tarda notte, un team di ricercatori e scienziati specializzati in patologie mitocondriali ha scritto una lettera firmata da tutti e con l’autorizzazione dei relativi ospedali, dove si annuncia un ulteriore step di avanzamento su quella che era la possibile terapia per Charlie. Parliamo di una terapia nucleosidica che ha funzionato già per altre due mutazioni, una in particolare la tk2, che portano lo stesso tipo di danno che ha Charlie. Questa lettera è stata consegnata alle 8 di questa mattina all’ospedale e alla famiglia. Quello che auspichiamo è che l’ospedale possa prendere in seria considerazione la possibilità di dare la possibilità a Charlie di accedere a una cura compassionevole. Speriamo che questo possa rappresentare un grosso passo in avanti in questa vicenda che sta toccando il cuore di tutti».

Su questo ed eventualmente sugli sviluppi di assistenza per Charlie, voi siete in contatto e state lavorando fianco a fianco con il Bambino Gesù?

«Stiamo lavorando a contatto con il Bambino Gesù che si è reso disponibile, anche su invito di Papa Francesco, che ha deciso di scendere in campo per il piccolo Charlie. L’ospedale Bambino Gesù ha dato la sua disponibilità ad ospitare il piccolo all’interno della propria struttura e di somministrare questa terapia sperimentale. Adesso la decisione spetterà ai genitori perché la stessa disponibilità è stata garantita anche dal medico americano della Columbus University che ha deciso di accogliere, stimolato dal Presidente Trump, a portare Charlie negli Stati Uniti. Adesso valuteranno le condizioni fisiche che poi porteranno come conseguenza il trasferimento del bambino da una parte all’altra sempre, che l’Ormond dia la sua disponibilità».

*Foto di copertina tratta da Google maps

Articoli correlati
Malattie Mitocondriali, sabato 14 settembre parte la settimana di sensibilizzazione
Le malattie mitocondriali sono le patologie genetiche rare più diffuse al mondo. Si stima che in Europa colpiscano 1 persona su 5000, con importanti ripercussioni, data la gravità e complessità di queste patologie, su tutto il nucleo familiare. Le malattie mitocondriali sono un insieme di malattie ereditarie molto eterogenee tra di loro per le quali […]
Malati rari: «Più complicità e collaborazione tra specialisti». L’intervista ad Andrea Bartuli (Bambino Gesù)
«La rete assistenziale per le malattie rare esiste ma va potenziata, da abolire la regionalizzazione che genera dispersione di risorse» lo dichiara i nostri microfoni Andrea Bartuli, Responsabile Malattie Rare del Bambino Gesù
Malattie mitocondriali, a Milano il Convegno nazionale. Medici, pazienti e famiglie a confronto
A chiusura della Settimana Mondiale di Sensibilizzazione sulle Malattie Mitocondriali, il convegno organizzato da Mitocon Onlus per discutere degli ultimi progressi scientifici, mettere a confronto le esperienze e le proposte dei pazienti e delle loro famiglie e non dimenticare il piccolo Charlie Gard
Malattie mitocondriali: in verde i monumenti di tutto il mondo per #lightupformito
Dopo la vicenda di Charlie Gard, il bambino britannico scomparso a causa di una malattia mitocondriale, il mondo si mobilita per sensibilizzare l'opinione pubblica su queste malattie. In Italia l'iniziativa è stata promossa da Mitocon che ha acceso il Colosseo nella Capitale e tanti altri monumenti nelle città coinvolte
Malattie mitocondriali, l’impegno di Mitocon Onlus: «Fondamentale assistenza a famiglie»
«Supporto, condivisione e informazione: le parole chiave per sostenere chi intraprende un percorso così difficile» lo spiega Paola Desideri, Vicepresidente dell’Associazione punto di riferimento in Italia per i malati mitocondriali. Al via la campagna social #ioxmitocon
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...