Salute 30 Maggio 2019 12:55

I Millennials di Instagram non credono alle fake news sui vaccini. Rispetto agli utenti di Facebook, sono più simili ai pesci rossi

Simone Bressan (Zipster): «I medici sono bravissimi a comunicare alla testa dei pazienti, ma ogni tanto dovrebbero prestare maggiore attenzione anche alla loro emozionalità, come fa Bebe Vio»

I pesci rossi credono molto meno degli umani alle fake news. Battute a parte, una ricerca Microsoft ha veramente studiato la loro soglia dell’attenzione stabilendo – non è dato ben sapere come – che riescono a stare attenti per 9 secondi consecutivamente. Una persona, mediamente, resiste solo 8 secondi. Ma cosa c’entra questa strabiliante scoperta con le fake news? C’entra, ed è Simone Bressan, fondatore della start-up Zipster che aggrega notizie con un filtro anti-bufale, a spiegarci perché.

LEGGI L’E-BOOK DEL PRESIDENTE SIMPE GIUSEPPE MELE “GIOVANI E VACCINATI – IL CORRETTO APPROCCIO ALLE VACCINAZIONI E AI RICHIAMI”

«Se sappiamo che abbiamo solo 8 secondi per fare arrivare al destinatario l’informazione che vogliamo dare, dobbiamo cercare di colpirlo con qualcosa di eclatante. Questo ha fatto sì – continua Bressan – che molto spesso un sistema piuttosto furbo e intelligente, anche se con fini non proprio dei migliori, sia riuscito a scardinare l’algoritmo della nostra attenzione e a far diventare virali fake news che non sarebbero dovute circolare».

È molto più semplice cogliere l’attenzione di chi legge dicendo che un vaccino può causare una malattia, piuttosto che spiegare il concetto di immunità di gregge, allora. Le nuove generazioni, però, abituate a navigare in un mare di informazioni più delle vecchie, somigliano più ai pesci rossi. O meglio, hanno sviluppato la capacità di «capire con più facilità quali sono le fonti buone e quali sono quelle che devono essere scartate», spiega Bressan.

LEGGI ANCHE: UNIVAX DAY, I PIU’ GIOVANI NON CASCANO NELLE FAKE NEWS SUI VACCINI. DUSE (SIICA): «MESSAGGI DI SPERANZA PER IL FUTURO»

E questa differenza generazionale si riscontra sui social network, dove l’atteggiamento degli utenti rispetto ad argomenti spinosi, come quello dei vaccini, cambia proprio a causa del fattore demografico: «Instagram è popolata da utenti molto più giovani rispetto ai social network più datati come Facebook o Twitter – spiega Simone Bressan – e le ricerche che abbiamo fatto dimostrano che l’atteggiamento dell’utente medio di Instagram sull’argomento vaccini sia decisamente più positivo rispetto a quello dell’utente medio di Facebook o di Twitter».

Oltre a riporre tutte le nostre speranze nei Millennials, è però necessario capire in che modo è possibile colpire l’attenzione di chi ci legge o di chi ci guarda e rendere quindi la comunicazione, ad esempio proprio sui vaccini, veramente efficace. La soluzione proposta da Bressan è colpire la parte emozionale: «Non sempre dire la verità o avere i dati migliori aiuta ad essere efficaci in termini comunicativi, e questo vale anche per la comunicazione scientifica. Parlando sempre dell’obbligatorietà dei vaccini, credo che ad esempio la testimonianza di Bebe Vio sia straordinaria, anche se non è propriamente un tecnico della materia».

E i medici? Cosa possono fare per comunicare al meglio con i propri pazienti? «Cercare di parlare al cuore delle persone – risponde Bressan -. I medici sono certamente le persone più adatte a parlare alla testa dei loro pazienti, e riescono a farlo benissimo. Ma ogni tanto dovrebbero tenere in maggiore considerazione anche la loro emozionalità, soprattutto in una fase così complessa come quella che la nostra società sta attraversando, dovuta anche all’immersione in tante nuove piattaforme che ci permettono di comunicare e di ricercare informazioni che prima non riuscivamo a reperire. Abbiamo quindi bisogno – conclude Bressan – di essere rassicurati e di vivere in maniera empatica anche il rapporto con elementi che, per loro natura, sono razionali e freddi come la medicina».

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.