Salute 25 Marzo 2019 11:41

Milano-Sanremo, alla classica del ciclismo italiano protagonisti gli atleti della Novo Nordisk: «Anche con il diabete si può raggiungere ogni traguardo»

Alla corsa vinta dal transalpino Julian Alaphilippe tutti i ciclisti affetti da diabete tipo 1 della squadra danese. Il medico Mario Pasquali: «Anche chi non è un professionista e fa esercizio fisico per diletto e per passione non deve aver paura di cimentarsi nelle varie discipline come il ciclismo»

di Federica Bosco
Milano-Sanremo, alla classica del ciclismo italiano protagonisti gli atleti della Novo Nordisk: «Anche con il diabete si può raggiungere ogni traguardo»

Correre per cambiare il diabete. È quanto hanno fatto gli atleti del Team Novo Nordisk, alla Milano-Sanremo, vinta poi dal francese Julian Alaphilippe. La squadra danese, composta esclusivamente da corridori affetti da diabete di tipo uno, ha voluto sensibilizzare il grande pubblico nei confronti di una malattia che al mondo colpisce 425 milioni di persone di cui 3 milioni solo in Italia. Un messaggio di speranza per educare ed incoraggiare tutti coloro che convivono con il diabete. «Una volta stabilizzata la condizione clinica del paziente e ottimizzate le terapie con il diabetologo di riferimento, i ragazzi vengono trattati sia dai preparatori atletici che dai medici di squadra in maniera normale, come gli atleti degli altri team professionistici, – spiega Mario Pasquali, medico del Team Novo Nordisk – anche chi non è un professionista e fa esercizio fisico per diletto e per passione non deve aver paura di cimentarsi nelle varie discipline come il ciclismo».

Dottore, a livello medico come vengono trattati questi atleti?

«A base di insulina perché sono tutti atleti affetti da diabete di tipo 1, quindi insulina dipendente. Una volta seguite queste terapie dal diabetologo, nei loro paesi di origine, non devono fare altro che monitorare la glicemia ed ottimizzare le loro fisiologiche curve glicemiche durante l’arco della giornata».

Lo sforzo fisico ha relazione con il diabete?

«Non ha grosse influenze, anzi c’è un’ottimizzazione del consumo di glucosio a livello muscolare e questo porta ad un miglioramento delle condizioni cliniche dei soggetti affetti da diabete di tipo 1, ricordiamo che questi ragazzi hanno una esenzione ad uso terapeutico per quanto riguarda il diabete di tipo 1, per loro l’insulina non è un vantaggio, ma una necessità per sopravvivere perché il loro pancreas non la produce, e questa è l’unica condizione extra rispetto ad un atleta non affetto da diabete di tipo 1».

Tra i protagonisti della Milano Sanremo 2019 anche due italiani del Team Novo Nordisk: Andrea Peron ed Umberto Poli, bravi e coraggiosi nel mettersi in mostra entrando nella fuga a dieci di giornata. Un successo che ha un significato agonistico, ma anche sociale.

Andrea Peron classe 1988 è uno degli sprinter della Novo Nordisk che ha scoperto di essere affetto da diabete all’età di sedici anni.

«Io praticavo già ciclismo prima della diagnosi – racconta – e quando mi è stato diagnosticato il diabete ho continuato a praticare il ciclismo nelle categorie giovanili e poi nel 2013 ho avuto l’opportunità di diventare professionista con questo Team».

Il fatto di avere il diabete cosa comporta per un atleta professionista?

«Devi essere molto cosciente dei segnali che dà il fisico, non bisogna commettere errori e cercare di avere il miglior controllo possibile».

Quali sono stati i sintomi che ti hanno spinto a fare delle indagini e scoprire di avere il diabete a sedici anni?

«Da un mese non stavo bene, non ero al cento per cento, non ero il solito, avevo spesso mal di testa e la vista iniziava a calare, classici sintomi da diabete».

Umberto Poli, veronese classe 1996 è stato uno dei protagonisti della fuga a dieci con Andrea Peron e altri due compagni di squadra, Joonas Henttala, Charles Planet, ma ha anche portato a termine la gara di 291 km, un risultato che ha un significato importante.

«Il mio successo dimostra che con il diabete si può fare ciò che si vuole – dice con orgoglio Umberto – siamo qui a lottare per dire a tutti che anche con il diabete si può arrivare al traguardo».

Quale è la sfida che hai vinto che ti ha reso più orgoglioso?

«Appena scoperto il diabete tutti i medici mi dissero che avrei potuto fare sport, ma non a livello agonistico. Invece io essendo una testa dura, ho continuato e alla fine sono riuscito ad essere qui oggi e questo credo sia uno dei più grandi successi».

 

 

Articoli correlati
«Vaccini buoni e vaccini non buoni, “il dilemma dei diabetici” e non solo»
di Eugenio Maria De Feo, diabetologo ed ex direttore del centro diabetologico dell'ospedale Cardarelli di Napoli
Diabete e Covid, ecco perché si tratta di uno dei binomi più pericolosi
Disoteo (AME): «Mantenere una corretta aderenza terapeutica è fondamentale per limitare i rischi»
Cento anni di insulina, così ha cambiato per sempre la storia delle persone con diabete
Ma ora la diabetologia guarda al futuro. Di Bartolo (AMD): «Ora la priorità è superare l’inerzia terapeutica assicurando alle persone con diabete la specialistica più competente e le tecnologie più avanzate»
Pandemia: rischio per la presa in carico dei pazienti diabetici con neoplasia
In Italia quasi 2 malati oncologici su 5 soffrono di diabete. Franco Grimaldi, Presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): «Questi pazienti richiedono assistenza e cure multidisciplinari e in tempi stabiliti»
Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»
La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...