Salute 25 Marzo 2020 07:49

Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa

Zuccotti (direttore Medicina UniMi): «Cinque specializzandi e tre tutor controllano i dimessi dal Sacco e dal Fatebenefratelli, ma estenderemo il progetto a tutte le ASST milanesi»

di Federica Bosco
Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa

Due telefonate al giorno per verificare temperatura e saturazione del sangue per i malati di Covid-19 dimessi dal Fatebenefratelli e dal Sacco. È partito da pochi giorni il nuovo “Centro Operativo dimessi”, un servizio di assistenza 24 ore su 24 reso possibile grazie all’iniziativa dell’Università Statale di Milano e del professor Gian Vincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, che ha coinvolto in una prima fase sperimentale il più grande presidio ospedaliero di Milano per poi estendere il progetto a tutte le ASST della città.

«Siamo partiti lunedì per valutare come funziona – ci spiega il professor Zuccotti raggiunto telefonicamente in ospedale – ma l’impegno è di arrivare quanto prima ad offrire questa opportunità a tutti i presidi sanitari. Siamo partiti da una realtà per rodare la macchina, capire quali sono i problemi e poi farla rendere al massimo. Abbiamo poco tempo, dobbiamo accelerare subito».

LEGGI ANCHE: L’EX DIRETTORE SANITARIO DELL’ASL DI BERGAMO SPIEGA PERCHÉ IL VIRUS E’ DILAGATO IN LOMBARDIA: «COMMESSI DUE ERRORI»

Il servizio, operativo da domenica scorsa presso l’Ospedale Buzzi, segue di 24 ore un risultato significativo: per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, il trend dei contagiati sembra essere in calo. La Lombardia, dopo il giro di vite dei giorni scorsi con limitazioni e restrizioni ancora più pesanti, nelle ultime ore ha registrato infatti una crescita ridotta di ricoveri e soprattutto un numero crescente di pazienti dimessi. Due dati che, se incrociati e sommati alla nuova centrale operativa del Buzzi per pazienti dimessi, offrono una lettura incoraggiante, in particolare per medici ed operatori sanitari ormai allo stremo delle forze. «Questo servizio permetterà di dimettere prima chi sta meglio – ammette Zuccotti – perché le strutture ospedaliere sono al collasso. In questo modo chi ha bisogno ancora di assistenza e di verifica dei parametri fondamentali sarà seguito fino alla completa guarigione. È utile anche per medici ed operatori sanitari contagiati che in questo modo potranno avere un supporto prezioso».

«Abbiamo preso in carico – aggiunge Zuccotti – 50 operatori sanitari positivi al Covid-19 che riceveranno, come tutti i dimessi dai Pronto soccorso, dai reparti e dalla medicina del lavoro due telefonate al giorno nei quattordici di isolamento obbligatorio. L’obiettivo è seguire i pazienti, capire se tutto procede bene e accompagnarli fino al tampone finale». Un database realizzato attraverso i nominativi raccolti via e-mail, permetterà ad una squadra di otto professionisti, cinque specializzandi e tre tutor senior, che lavoreranno presso una centrale operativa allestita in una palazzina in grado di garantire privacy e sicurezza per gli operatori, di tenere sotto controllo i parametri vitali dei pazienti dimessi. Ad ognuno verrà consegnato un kit con un termometro e un saturimetro. «Le chiamate di controllo permetteranno di verificare la temperatura corporea, la saturazione e la frequenza respiratoria, parametri vitali essenziali per capire se le persone potranno restare a casa o dovranno rientrare in ospedale, in caso di peggioramento della sintomatologia o di alterazione dei parametri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Estensione Green Pass, depressione, fine vita e commissione d’inchiesta su origine Sars-CoV-2 nella settimana in Parlamento
Attesa per l’esame in commissione Affari costituzionali del Senato del decreto legge che estende il Green Pass ai luoghi di lavoro. A Montecitorio in discussione due mozioni: una per la cura delle cerebrolesioni e una per potenziare gli strumenti per la diagnosi e la cura della depressione
di Francesco Torre
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (18 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?