Salute 25 Marzo 2020

Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa

Zuccotti (direttore Medicina UniMi): «Cinque specializzandi e tre tutor controllano i dimessi dal Sacco e dal Fatebenefratelli, ma estenderemo il progetto a tutte le ASST milanesi»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Due telefonate al giorno per verificare temperatura e saturazione del sangue per i malati di Covid-19 dimessi dal Fatebenefratelli e dal Sacco. È partito da pochi giorni il nuovo “Centro Operativo dimessi”, un servizio di assistenza 24 ore su 24 reso possibile grazie all’iniziativa dell’Università Statale di Milano e del professor Gian Vincenzo Zuccotti, preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia, che ha coinvolto in una prima fase sperimentale il più grande presidio ospedaliero di Milano per poi estendere il progetto a tutte le ASST della città.

«Siamo partiti lunedì per valutare come funziona – ci spiega il professor Zuccotti raggiunto telefonicamente in ospedale – ma l’impegno è di arrivare quanto prima ad offrire questa opportunità a tutti i presidi sanitari. Siamo partiti da una realtà per rodare la macchina, capire quali sono i problemi e poi farla rendere al massimo. Abbiamo poco tempo, dobbiamo accelerare subito».

LEGGI ANCHE: L’EX DIRETTORE SANITARIO DELL’ASL DI BERGAMO SPIEGA PERCHÉ IL VIRUS E’ DILAGATO IN LOMBARDIA: «COMMESSI DUE ERRORI»

Il servizio, operativo da domenica scorsa presso l’Ospedale Buzzi, segue di 24 ore un risultato significativo: per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, il trend dei contagiati sembra essere in calo. La Lombardia, dopo il giro di vite dei giorni scorsi con limitazioni e restrizioni ancora più pesanti, nelle ultime ore ha registrato infatti una crescita ridotta di ricoveri e soprattutto un numero crescente di pazienti dimessi. Due dati che, se incrociati e sommati alla nuova centrale operativa del Buzzi per pazienti dimessi, offrono una lettura incoraggiante, in particolare per medici ed operatori sanitari ormai allo stremo delle forze. «Questo servizio permetterà di dimettere prima chi sta meglio – ammette Zuccotti – perché le strutture ospedaliere sono al collasso. In questo modo chi ha bisogno ancora di assistenza e di verifica dei parametri fondamentali sarà seguito fino alla completa guarigione. È utile anche per medici ed operatori sanitari contagiati che in questo modo potranno avere un supporto prezioso».

«Abbiamo preso in carico – aggiunge Zuccotti – 50 operatori sanitari positivi al Covid-19 che riceveranno, come tutti i dimessi dai Pronto soccorso, dai reparti e dalla medicina del lavoro due telefonate al giorno nei quattordici di isolamento obbligatorio. L’obiettivo è seguire i pazienti, capire se tutto procede bene e accompagnarli fino al tampone finale». Un database realizzato attraverso i nominativi raccolti via e-mail, permetterà ad una squadra di otto professionisti, cinque specializzandi e tre tutor senior, che lavoreranno presso una centrale operativa allestita in una palazzina in grado di garantire privacy e sicurezza per gli operatori, di tenere sotto controllo i parametri vitali dei pazienti dimessi. Ad ognuno verrà consegnato un kit con un termometro e un saturimetro. «Le chiamate di controllo permetteranno di verificare la temperatura corporea, la saturazione e la frequenza respiratoria, parametri vitali essenziali per capire se le persone potranno restare a casa o dovranno rientrare in ospedale, in caso di peggioramento della sintomatologia o di alterazione dei parametri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Dall’intervista a Sanità Informazione a Mosca, l’ex direttore sanitario dell’Ats di Bergamo è ora consulente alla corte di Putin
Giuseppe Imbalzano: «Mi hanno chiesto come organizzare l’attività e ridurre il rischio. Prossimo appuntamento con i direttori degli ospedali, nel frattempo sto preparando un documento per i cittadini»
di Federica Bosco
Mascherine, foulard ed il principio di precauzione
Come evidenziato dagli organi di informazione, da domenica 5 aprile in Lombardia è in vigore, verso tutti i cittadini che, nel rispetto delle precedenti misure di contenimento (il c.d. “distanziamento sociale”), si spostino per giusta causa, l’obbligo, fino al 13 aprile, di indossare una protezione su naso e bocca – adesso è sufficiente il foulard […]
di Calogero Spada, Specialista TSRM in Neuroradiologia
Dall’indennità di Coronavirus alla limitazione della responsabilità delle strutture: polemica sugli emendamenti al Cura Italia
Dopo i contrasti sulla proposta di limitare la responsabilità civile, penale ed erariale non solo degli operatori ma anche delle strutture sanitarie, Salvini ritira emendamento, ma resta in campo quello del Pd. Duro Filippo Anelli: «La misura è colma». In campo anche proposte per MMG e per remunerazione aggiuntiva dei sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...