Salute 30 dicembre 2016

Migranti, record di sbarchi nel 2016: «Da Lampedusa parte un nuovo modello di formazione con Sanità di Frontiera»

L’assistenza sanitaria oltre i confini è l’obiettivo del primo corso di Educazione Continua in Medicina a Lampedusa. Maurizio Lopalco (Direttore Sanitario del CARA di Castelnuovo di Porto): «Per i medici fondamentale aggiornare i protocolli operativi e apportare migliorie». Dario Manfellotto Presidente eletto FADOI: «L’immigrazione ci riguarda tutti, è giusto formare e imparare a gestire l’emergenza». Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere: «L’iniziativa è stata un’ottima occasione per aprire un confronto»

L’anno appena trascorso ha fatto registrare il nuovo record per quanto riguarda il numero degli arrivi di immigrati in Italia. Si è infatti registrato un aumento del 17,28% degli sbarchi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Nel 2016 i migranti accolti sono stati oltre 175.000, a fronte dei 103.792 del 2015 e ai 66.066 nel 2014. Ed è proprio in quest’ottica che assume un ruolo di primaria importanza l’iniziativa che si è svolta a Lampedusa nell’ambito del progetto “Sanità di Frontiera”, realizzato dal Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e promossa dall’Osservatorio Internazionale della Salute grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Il corso di Educazione Continua in Medicina “Salute e migrazione: curare le persone oltre i confini” ha visto la partecipazione dei massimi rappresentati di tutte le realtà coinvolte sui temi della migrazione, con la presenza del medico Pietro Bartolo, Dirigente Medico Responsabile del Presidio Sanitario di Lampedusa. Tra i partecipanti anche Maurizio Lopalco, Direttore Sanitario del Centro di Accoglienza Richiedenti Asilo di Castelnuovo di Porto, che ai nostri microfoni spiega l’obiettivo del corso.

«L’importanza di questa iniziativa è di aver riunito tutte le più importanti realtà nazionali e internazionali che realmente lavorano nel campo dell’immigrazione, quelle che, come dico io, si sporcano le mani tutti i giorni e che affrontano le paure, i dolori, le malattie di questa gente. Se coloro che hanno partecipato al corso, sono usciti dall’aula anche con l’1% di conoscenza in più rispetto a prima, io credo sia stato comunque un grande successo». «Il valore di questo corso – prosegue Lo Palco – è l’immediatezza delle nozioni che, una volta apprese, possono essere subito applicate sul campo. Infatti i partecipanti hanno cominciato immediatamente ad aggiornare i loro protocolli operativi e a valutare quali possono essere le migliorie da apportare».

«Mai come durante il corso Lampedusa è stata luogo simbolo di accoglienza per chi fugge da guerre e da disastri – interviene Ahmad Al Rousan, mediatore culturale per Medici Senza Frontiere nonché docente del corso. Questa iniziativa è stata un’ottima occasione per avere un confronto fra vari attori in Italia che si occupano di salute e che sono coinvolti nel fenomeno immigrazione».

Infine, a raccontare la sua testimonianza anche Dario Manfellotto, Presidente eletto FADOI (Federazione Associazioni Dirigenti Internisti Ospedalieri): «L’immigrazione è un tema che ci riguarda tutti. In primis in Sicilia dove la maggior parte dei migranti sbarca e dove è necessaria una prima accoglienza sociale e sanitaria. In seconda battuta tutto il Paese è coinvolto nel fenomeno, visto che questi uomini e queste donne entrano a fare parte della nostra realtà e necessitano di una seconda accoglienza da parte sia delle istituzioni sanitarie che degli stessi cittadini. Fondamentale in questa chiave è l’intervento delle strutture ospedaliere con i medici internisti, come me, la nostra categoria deve utilizzare l’esperienza necessaria per una presa in carico globale per tutti questi pazienti che presentano una complessità clinica alta. Questo corso a Lampedusa – conclude – deve essere un esempio, un punto di riferimento per continuare a formare medici e operatori».

Articoli correlati
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
ECM, Fnomceo e Ois: salute e migranti, un corso gratuito per tutti i medici
Il corso Fad “Salute e migrazione: curare e prendersi cura” dell’Osservatorio Internazionale per la Salute si caratterizza per la particolare attenzione dedicata alle problematiche psicologiche dei migranti, con l’intento di favorire un approccio multiculturale nell’interazione tra gli operatori sanitari e gli stranieri presenti sul nostro territorio
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
AMSI e COMAI incontrano Emanuela C. Del Re (vice Ministra Affari Esteri)
La Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Claudia Del Re ha ricevuto Foad Aodi, Presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi) e delle Comunità del mondo Arabo in Italia (CO-MAI). Motivo dell’incontro la presentazione di due progetti: “la buona immigrazione” e “la buona sanità internazionale”, frutto di proposte di Amsi […]
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano