Salute 2 agosto 2016

Migranti, le priorità dell’OMS, Bustreo: «Formazione personale e pianificazione sanitaria»

Intervista al vice-direttore generale per la salute della famiglia, delle donne e dei bambini dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Flavia Bustreo. «Italia modello virtuoso nella gestione dei dati, ma servono profili specializzati per l’accoglienza»

La formazione dei medici ed una accurata pianificazione sanitaria. Sono questi gli strumenti che secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) bisogna mettere in campo per fronteggiare le emergenze sanitarie poste dagli ingenti flussi migratori che, soprattutto nei mesi estivi, raggiungono le nostre coste. Donne e minori fra i soggetti che soffrono maggiormente le conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. Lo racconta ai microfoni di Sanità Informazione Flavia Bustreo, Vice Direttore Generale per la Salute della Famiglia, delle Donne e dei Bambini dell’OMS.

Il sistema di accoglienza italiano non riesce a far fronte ai 90mila arrivi avvenuti da gennaio 2016 ad oggi. Sempre più migranti vengono assegnati ad insediamenti informali in cui vigono condizioni umanitarie critiche e l’accesso alle cure mediche è spesso inadeguato. In che modo rispondere a questa sfide, soprattutto quando i migranti sono affetti da patologie specifiche?

«La raccolta di dati esatti è particolarmente importante. In molti Paesi non esiste una statistica relativa alla salute di popolazioni provenienti da altri Paesi e ciò comporta la realizzazione di politiche sanitarie cieche. Queste non possono prescindere dalla conoscenza delle condizioni, delle patologie, delle coperture vaccinali e degli ambiti di esposizione. Fa piacere vedere che l’Italia ha questa sensibilità relativamente alla raccolta di dati e allo studio della prevalenza di determinate patologie, con il fine di creare risposte con politiche mirate. È molto importante, oltre alla raccolta di dati, la presenza di profili professionali specializzati in grado di accogliere il migrante, di tradurre non soltanto la lingua ma anche il vissuto delle persone che arrivano. Nel frattempo, la presenza di volontari e il loro supporto sono ammirevoli e spero prosegua».

Tra i fini statutari dell’Oms figura il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del livello più alto possibile di salute, inteso come completo benessere fisico, mentale e sociale. Quali sono obiettivi, strategie e priorità dell’agenzia per affrontare le emergenze nel 2016?

«Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto importante sottolineare che il diritto alla salute è un diritto di tutti, che diversi Paesi e governi si impegnano a rispettare. È molto importante che esso venga preso in considerazione anche con riferimento ai migranti, un aspetto ben presente in quella che noi chiamiamo la strategia globale della salute per le donne, i bambini e gli adolescenti. Si collocano in questa strategia, gli obiettivi di sopravvivenza soprattutto in relazione alle morti materne e infantili che, ci preme precisare, ammontano rispettivamente a 300.000 e 6 milioni. Gli ultimi dati rivelano che più del 50% di queste morti avviene nei cosiddetti Paesi fragili, colpiti dalle conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. L’anno scorso, ad esempio, il Paese con il tasso di mortalità più elevato al mondo è stato la Sierra Leone, proprio perché colpito severamente dall’epidemia di Ebola. La nostra strategia si concentra in particolar modo su questi Paesi e sulle relative popolazioni, le quali intraprendono percorsi migratori verso Paesi più accoglienti come l’Italia».

Articoli correlati
Australia, il parlamento vota a favore dell’assistenza sanitaria ai migranti. Governo sconfitto
Il Parlamento australiano ha approvato una legge che facilita l’assistenza sanitaria ai migranti dei centri di Nauru e Manus, in Papua Nuova Guinea, in barba a un emendamento del governo di parere opposto. Il voto della Camera bassa è stato accolto come storico: è la prima volta da 80 anni che l’esecutivo viene sconfitto su […]
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Allattamento materno, vitale per la salute dei bambini. Grillo: «È importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di sostegno»
Numeri ancora bassi: 41% lo pratica, auspicabile arrivare al 50%. Ministro Grillo: «Allattare al seno è importante ma deve essere fatto all’interno di un percorso di consapevolezza e sostegno»
di Lucia Oggianu
Migranti, tutela della salute e formazione: cinque azioni per gestire il fenomeno
Francesco Aureli, Presidente “Onlus Sanità Di Frontiera – Salute Senza Confini”: «Dopo le ultime tragedie nel Mediterraneo è il momento dell’azione concreta»
Migranti, Foad Aodi (AMSI): «Con il rapporto Oms sul “falso mito” che gli immigrati portano malattie, è finita la pacchia degli spot da bar»
Grande soddisfazione viene espressa dall’Associazione Medici di Origine straniera in Italia (AMSI) e dalla Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) insieme a tutte le associazioni aderenti al movimento Internazionale Uniti per Unire, dopo il recente rapporto curato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha sancito la totale inconsistenza delle teorie che affermano che «gli immigrati portano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...