Salute 2 agosto 2016

Migranti, le priorità dell’OMS, Bustreo: «Formazione personale e pianificazione sanitaria»

Intervista al vice-direttore generale per la salute della famiglia, delle donne e dei bambini dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Flavia Bustreo. «Italia modello virtuoso nella gestione dei dati, ma servono profili specializzati per l’accoglienza»

La formazione dei medici ed una accurata pianificazione sanitaria. Sono questi gli strumenti che secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) bisogna mettere in campo per fronteggiare le emergenze sanitarie poste dagli ingenti flussi migratori che, soprattutto nei mesi estivi, raggiungono le nostre coste. Donne e minori fra i soggetti che soffrono maggiormente le conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. Lo racconta ai microfoni di Sanità Informazione Flavia Bustreo, Vice Direttore Generale per la Salute della Famiglia, delle Donne e dei Bambini dell’OMS.

Il sistema di accoglienza italiano non riesce a far fronte ai 90mila arrivi avvenuti da gennaio 2016 ad oggi. Sempre più migranti vengono assegnati ad insediamenti informali in cui vigono condizioni umanitarie critiche e l’accesso alle cure mediche è spesso inadeguato. In che modo rispondere a questa sfide, soprattutto quando i migranti sono affetti da patologie specifiche?

«La raccolta di dati esatti è particolarmente importante. In molti Paesi non esiste una statistica relativa alla salute di popolazioni provenienti da altri Paesi e ciò comporta la realizzazione di politiche sanitarie cieche. Queste non possono prescindere dalla conoscenza delle condizioni, delle patologie, delle coperture vaccinali e degli ambiti di esposizione. Fa piacere vedere che l’Italia ha questa sensibilità relativamente alla raccolta di dati e allo studio della prevalenza di determinate patologie, con il fine di creare risposte con politiche mirate. È molto importante, oltre alla raccolta di dati, la presenza di profili professionali specializzati in grado di accogliere il migrante, di tradurre non soltanto la lingua ma anche il vissuto delle persone che arrivano. Nel frattempo, la presenza di volontari e il loro supporto sono ammirevoli e spero prosegua».

Tra i fini statutari dell’Oms figura il raggiungimento da parte di tutte le popolazioni del livello più alto possibile di salute, inteso come completo benessere fisico, mentale e sociale. Quali sono obiettivi, strategie e priorità dell’agenzia per affrontare le emergenze nel 2016?

«Per l’Organizzazione Mondiale della Sanità è molto importante sottolineare che il diritto alla salute è un diritto di tutti, che diversi Paesi e governi si impegnano a rispettare. È molto importante che esso venga preso in considerazione anche con riferimento ai migranti, un aspetto ben presente in quella che noi chiamiamo la strategia globale della salute per le donne, i bambini e gli adolescenti. Si collocano in questa strategia, gli obiettivi di sopravvivenza soprattutto in relazione alle morti materne e infantili che, ci preme precisare, ammontano rispettivamente a 300.000 e 6 milioni. Gli ultimi dati rivelano che più del 50% di queste morti avviene nei cosiddetti Paesi fragili, colpiti dalle conseguenze di conflitti, calamità naturali ed epidemie. L’anno scorso, ad esempio, il Paese con il tasso di mortalità più elevato al mondo è stato la Sierra Leone, proprio perché colpito severamente dall’epidemia di Ebola. La nostra strategia si concentra in particolar modo su questi Paesi e sulle relative popolazioni, le quali intraprendono percorsi migratori verso Paesi più accoglienti come l’Italia».

Articoli correlati
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
Morbillo, nel 2017 110mila morti nel mondo. L’OMS: «Senza aumento coperture vaccinali perderemo decenni di progressi»
L’aumento dei casi preoccupa le agenzie sanitarie: «Non sono dati sorprendenti, ma il frutto della combinazione della diffusione di notizie false sui vaccini in Europa, del collasso della sanità in Venezuela e di sacche di povertà e bassa immunizzazione in Africa. Sono necessarie misure urgenti»
Tabagismo: una malattia contagiosa e mortale. Al via il congresso nazionale Sitab
L’epidemia da tabacco continua inesorabilmente a mietere vittime in Italia (80mila/anno), in Europa (600mila/anno) e nel mondo (>7 milioni/anno), senza contare l’incremento della cronicità che penalizza fortemente l’economia nazionale e mondiale. I decessi da fumo di tabacco avvengono soprattutto per tumori, malattie cardiovascolari e pneumologiche, con la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO) in forte aumento, […]
Il 93% dei bambini respira aria tossica. I dati OMS
Ogni giorno, sulla Terra, 1,8 miliardi di bambini e ragazzi al di sotto dei 15 anni respira aria talmente inquinata da mettere seriamente a rischio la loro salute ed il loro sviluppo. Parliamo del 93% del totale. Una percentuale che raggiunge il 98%, se si considerano solo i bambini di meno di 5 anni che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...