Salute 27 Novembre 2023 13:31

Mieloma multiplo, ecco la terapia di combinazione che aumenta la sopravvivenza libera da malattia

Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione (PFS) e ha dimostrato che belantamab mafodotin, quando combinato con bortezomib più desametasone (BorDex), ha prolungato significativamente il tempo alla progressione della malattia o alla morte rispetto a daratumumab più BorDex, lo standard di cura attuale per la recidiva/ mieloma multiplo refrattario

Mieloma multiplo, ecco la terapia di combinazione che aumenta la sopravvivenza libera da malattia

GSK ha annunciato oggi i risultati principali positivi di un’analisi di efficacia ad interim pianificata dello studio di fase III testa a testa DREAMM-7 che valuta belantamab mafodotin come trattamento di seconda linea per il mieloma multiplo recidivante o refrattario. Lo studio ha raggiunto il suo endpoint primario di sopravvivenza libera da progressione (PFS) e ha dimostrato che belantamab mafodotin, quando combinato con bortezomib più desametasone (BorDex), ha prolungato significativamente il tempo alla progressione della malattia o alla morte rispetto a daratumumab più BorDex, lo standard di cura attuale per la recidiva/ mieloma multiplo refrattario. Al momento di questa analisi è stato osservato anche un trend di sopravvivenza globale (OS) clinicamente significativo con valore p nominale < 0,0005, e lo studio continua a monitorare l’OS.

“I pazienti affetti da mieloma multiplo – dichiara Hesham Abdullah, Vicepresidente senior, Global Head Oncology, R&D, GSK – necessitano, dopo la prima recidiva, di opzioni terapeutiche efficaci, facilmente accessibili e con nuovi meccanismi d’azione. Siamo particolarmente incoraggiati dal potenziale di belantamab mafodotin in combinazione con BorDex nel far fronte ad elevate esigenze insoddisfatte nel mieloma multiplo recidivante/refrattario, dato il confronto testa a testa con il regime di cura standard basato su daratumumab”.

La sicurezza e la tollerabilità del regime d belantamab mafodotin sono coerenti con il profilo di sicurezza noto dei singoli agenti. I risultati dell’analisi provvisoria saranno presentati in un prossimo incontro scientifico e condivisi con le autorità sanitarie. Il programma di sviluppo clinico DREAMM (DRiving Excellence in Approaches to Multiple Myeloma) continua a valutare il potenziale di belantamab mafodotin nelle prime linee di trattamento e in combinazione con nuove terapie e trattamenti standard di cura. Ciò include lo studio testa a testa di fase III DREAMM-8 in corso che valuta belantamab mafodotin in combinazione con pomalidomide e desametasone rispetto a bortezomib in combinazione con pomalidomide e desametasone. I dati DREAMM-8 sono attesi nella seconda metà del 2024.

Lo studio clinico di fase III DREAMM-7 è uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato che valuta l’efficacia e la sicurezza di belantamab mafodotin in combinazione con bortezomib e desametasone (BorDex) rispetto a una combinazione di daratumumab e BorDex in pazienti con malattia multipla recidivante/refrattaria mieloma multiplo precedentemente trattati con almeno una linea di terapia per il mieloma multiplo, con progressione della malattia documentata durante o dopo la terapia più recente. Un totale di 494 partecipanti sono stati randomizzati con un rapporto 1:1 per ricevere belantamab mafodotin in combinazione con BorDex o una combinazione di daratumumab e BorDex. I partecipanti erano stati precedentemente trattati con almeno una linea di terapia per il mieloma multiplo con progressione della malattia documentata durante o dopo la terapia più recente. Belantamab mafodotin è stato somministrato alla dose di 2,5 mg/kg per via endovenosa ogni tre settimane. L’endpoint primario è la sopravvivenza libera da progressione secondo un comitato di revisione indipendente. Gli endpoint secondari chiave comprendono la sopravvivenza globale, la durata della risposta e il tasso minimo di negatività residua della malattia valutato mediante sequenziamento di prossima generazione.

Articoli correlati
Mieloma multiplo, dai pazienti un “manifesto dei bisogni”: 11 priorità e possibili soluzioni
I pazienti con mieloma multiplo non vogliono la luna, ma soluzioni fattibili a bisogni reali. E' quanto emerge dal progetto eM2power, nato in collaborazione con tre fra le principali associazioni di pazienti: Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mieloma Onlus (AIL), La Lampada di Aladino ETS e Fondazione Renata Quattropani Onlus, affiancate da un board scientifico multidisciplinare diretto da Alessandro Corso, ematologo e direttore della U.O.C di Ematologia all’Ospedale di Legnano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...