Salute 11 Marzo 2024 23:56

Messo a punto un mix di probiotici efficaci contro ansia, stress e depressione

Un mix di probiotici potrebbe avere un effetto terapeutico nel trattamento di disturbi come ansia e depressione. A scoprirlo è uno studio condotto dal gruppo di ricerca Gut-Brain Microbioma dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbc) di Roma, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Microbiome

Messo a punto un mix di probiotici efficaci contro ansia, stress e depressione

Un mix di probiotici potrebbe avere un effetto terapeutico nel trattamento di disturbi come ansia e depressione. A scoprirlo è uno studio condotto dal gruppo di ricerca Gut-Brain Microbioma dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbc) di Roma, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Microbiome. I ricercatori hanno aggiunto un nuovo tassello alla comprensione delle interazioni tra flora batterica intestinale e cervello, il cosiddetto gut- microbioma-brain axis, ambito di ricerca particolarmente importante per lo studio di processi infiammatori sistemici con conseguenti ripercussioni sul sistema nervoso centrale.

I probiotici come terapia alternativa o di supporto agli psicofarmaci

Lo studio ha rilevato gli effetti positivi di un mix di otto differenti ceppi batterici fisiologici normalmente presenti nella flora intestinale. Il crescente aumento di patologie legate a malessere psicologico, accentuato anche dalla pandemia di Covid-19, ha favorito un’ampia discussione in ambito scientifico in merito all’introduzione di terapie alternative e/o di supporto agli psicofarmaci, utilizzati solitamente per contrastare questi disturbi e portare a una stabilizzazione dell’umore. Questi medicinali, infatti, sono caratterizzati da diversi effetti collaterali, oltre al fatto che la loro prolungata assunzione può dare origine ad assuefazione e ridurne l’efficacia. “Lo studio era focalizzato su un mix di probiotici già esistente in commercio per contrastare i processi infiammatori; la novità è stata il fatto di testare queste sostanze per il trattamento di sintomi di ansia e depressione provocati da stress post-natale in un modello murino”, spiega Stefano Farioli Vecchioli del Cnr-Ibbc, uno degli autori della ricerca.

Il mix di probiotici testato diminuisce i processi neuro-infiammatori cronici

“I risultati ottenuti dal nostro gruppo dimostrano chiaramente come il trattamento per due settimane di topi adulti con il mix di probiotici, microrganismi caratterizzati da numerose proprietà benefiche, sia in grado di attenuare fortemente – sottolinea Farioli Vecchioli – la disbiosi intestinale – cioè l’alterazione nella composizione e nella funzione del microbiota, l’insieme di microrganismi che vivono all’interno dell’intestino – e di fornire una potente azione ansiolitica e antidepressiva. Proprio la disbiosi intestinale, causata da differenti fattori endogeni e/o esogeni, nel corso della vita genera infiammazione cronica e amplifica le modificazioni dell’umore, come ansia e sindromi depressive. Infine, il nostro studio ha dimostrato che il mix di probiotici provoca una diminuzione dei processi neuro-infiammatori cronici e un miglioramento dei meccanismi di neuroplasticità, sotto forma di aumento della produzione di nuovi neuroni nell’ippocampo”.

Gli psicobiotici possono rappresentare un’innovativa strategia terapeutica

Lo studio identifica, dunque, per un futuro uso nell’uomo, un nuovo ipotetico psicobiotico, ossia una sostanza che svolge un’azione benefica a livello intestinale agendo però, tramite l’asse intestino-cervello, anche sul Sistema Nervoso Centrale. “Studi clinici su pazienti con disturbi dell’umore dovranno confermare nell’uomo l’efficacia ansiolitica e anti-depressiva di questo mix di probiotici osservata nel modello murino”, sottolinea il ricercatore. “Tuttavia, riteniamo che la nostra ricerca supporti fortemente l’ipotesi che, in generale, gli psicobiotici possano rappresentare un’innovativa strategia terapeutica, in grado di coadiuvare e/o modulare i trattamenti farmacologici convenzionali”, conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...