Salute 11 Aprile 2023 08:53

Melanoma, una visita dermatologica può salvare la vita. Forchetta (APaIM): «Prevenzione parta dalle scuole»

Ogni anno 15mila casi di melanoma che dieci anni fa veniva considerato una patologia rara. Monica Forchetta, presidente di APaIM, Associazione Pazienti Italia Melanoma, dopo aver superato la malattia ha deciso di mettere la sua esperienza al servizio degli altri: «Fondamentale abbattere le liste di attesa»

Melanoma, una visita dermatologica può salvare la vita. Forchetta (APaIM): «Prevenzione parta dalle scuole»

«Quando mi hanno diagnosticato il melanoma, dieci anni fa, questo tumore era considerato una malattia rara e una diagnosi era quasi una sentenza. Oggi per fortuna non è più così ma dobbiamo moltiplicare gli sforzi per diffondere la cultura della prevenzione». Monica Forchetta è la presidente dell’Associazione APaIM, Associazione Pazienti Italia Melanoma: ha deciso di convogliare nell’associazione la sua esperienza e aiutare tutte quelle persone che vengono travolte dalla diagnosi di melanoma.

«Ho fatto parte di una terapia sperimentale, ma ero sola perché all’epoca di melanoma si parlava pochissimo. Avevo un melanoma al quarto stadio con metastasi ai linfonodi. Ma la terapia ha avuto successo e oggi sono qui a raccontarlo» spiega a Sanità Informazione.

Le priorità di APaIM per il melanoma

Una delle priorità di APaIM è l’abbattimento delle liste di attesa, dato che uno dei prerequisiti della lotta al melanoma è la prevenzione. «Informazione e prevenzione sono le armi più importanti. Come dico sempre, una visita dermatologica può salvare la vita» spiega Forchetta.

APaIM, che riunisce oltre 3mila pazienti, punta molto sull’informazione. Tanto che la stessa presidente conduce un programma in diretta Facebook dal titolo emblematico “Non sto più nella pelle” proprio per promuovere la cultura della prevenzione e per conoscere tutti gli aspetti della malattia. E spesso svolge giornate di sensibilizzazione con la collaborazione di alcuni specialisti, come il professor Paolo Ascierto della Fondazione Pascale di Napoli.

«Le istituzioni devono aiutarci ad entrare nelle scuole, la prevenzione deve partire dai più giovani. Vogliamo che al melanoma venga dato lo stesso spazio che si dà alle altre neoplasie anche perché ogni anno sono 15mila le nuove diagnosi, un numero consistente» ricorda Forchetta.

«Oggi il paziente di melanoma è sempre più informato»

«Io nella sfortuna sono stata fortunata ma con una visita dermatologica mi sarei evitata dieci anni di terapie. Per questo oggi voglio mettere a disposizione degli altri la mia esperienza» spiega ancora la presidente APaIM che consiglia ai pazienti «di usare i social. Se un dolore o una paura viene condivisa il peso è minore».

APaIM ha anche un gruppo Facebook chiuso dove le persone possono richiedere consigli agli esperti. E si occupa anche dell’impatto psicologico su pazienti, familiari e caregiver con il supporto di uno psico-oncologo.

«Oggi il paziente con melanoma è un paziente informato, che quando va a colloquio con il clinico sa di cosa si parla: è uno degli aspetti su cui lavoriamo di più» conclude Forchetta.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sarah Ferguson annuncia di avere un melanoma. L’oncologo Ascierto: “Outing è spot positivo per la prevenzione”
Sarah Ferguson, 64 anni, ex moglie del principe Andrea e madre della principessa Beatrice e della principessa Eugenia, ha ricevuto la diagnosi di un melanoma, scoperto mentre era in cura per un tumore al seno. E' stato il Sun a dare la notizia del melanoma, ma la notizia è rimbalzata sui media anche per rilanciare l'importanza della prevenzione
Melanoma: con immunoterapia pre-intervento 50% dei pazienti non ha bisogno di cure post
Da “ultima spiaggia” a terapia di prima scelta. Nel giro di pochissimi anni l’immunoterapia ha fatto un enorme salto di qualità tanto che oggi i clinici chiedono di estendere il ricorso ai cosiddetti inibitori dei checkpoint immunitari anche per la terapia neoadiuvante, cioè al trattamento prima dell’intervento chirurgico
Salute, Lilt Firenze: «Ecco le 5 regole per una sana abbronzatura»
La dermatologa Tripo: «Evitare l’esposizione prolungata al sole e, soprattutto, nelle ore più calde tre le 11 e le 16»
«Quel neo può essere un melanoma, per favore fatti controllare». Tifosa salva la vita all’assistente dei Canucks
Durante una partita di NHL, una futura dottoressa nota un neo sospetto sul collo di Brian Hamilton, uno degli assistenti dei Vancouver Canucks e lo avverte dagli spalti. Era un melanoma. Per lei una borsa di studio di Medicina dalle due squadre
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...