Salute 28 maggio 2018

Medicina di urgenza, Petrino (Eusem): «Aggressioni e sovraffollamento non solo in Italia, criticità europee»

«Il sistema di gestione della medicina di emergenza-urgenza inglese è il più avanzato d’Europa. L’Italia, negli ultimi anni, ha fatto passi da leone. In Spagna e Germania non è stato ancora attivato un percorso di specializzazione specifico». Roberta Petrino, presidente Eusem, l’European Society Emergency Medicine, fotografa l’Europa

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Un viaggio immaginario tra i pronto soccorso di tutta Europa non richiederebbe un grosso sforzo di fantasia. Tra una visita e l’altra ci troveremmo di fronte ad una realtà molto simile a quella italiana, per pregi e difetti: «Luoghi aperti 24 ore su 24. Personale sanitario adeguatamente formato che deve non solo accogliere chiunque possa avere bisogno di cure, ma anche gestire situazioni di sovraffollamento ed episodi di aggressioni». È questa la descrizione di Roberta Petrino,  presidente dell’Eusem, l’European Society Emergency Medicine, un racconto che fa emergere luci ed ombre della medicina di emergenza-urgenza di tutta l’Europa.

LEGGI ANCHE: SIMEU, XI CONGRESSO NAZIONALE. LE SFIDE DEL FUTURO, LA PRESIDENTE RUGGIERI: «FERMARE AGGRESSIONI E AUMENTARE POSTI NELLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE»

Cominciamo dalle ombre. Cos’è che trasforma il pronto soccorso in un luogo di lavoro a rischio? Per la presidente dell’Eusem è «il disagio la causa scatenante dell’aggressività. Chiunque – ha aggiunto – può accedere al Pronto soccorso, senza controllo. Anche coloro che, vivendo problematiche di tipo sociale, possono essere più inclini alle aggressioni, sia verbali che fisiche». Per Roberta Petrino «più forte è questo disagio, maggiore sarà il pericolo. E il disagio sociale – ha sottolineato –  esiste in Italia, come nel resto d’Europa».

Un problema che può essere risolto attraverso la formazione: «è necessario – ha detto la presidente dell’European Society Emergency Medicine – preparare tutto il personale sanitario, affinché sia in grado di identificare precocemente eventuali segnali di pericolo. La nostra Società Europea ha incaricato una Commissione di identificare dei percorsi comuni e stilare delle linee guida da condividere tra tutti i medici europei, affinché possano essere in grado di prevenire, ed eventualmente gestire, le aggressioni».

La formazione comune promossa dall’European Society Emergency Medicine mira anche ad uniformare le competenze sanitarie del personale dei Pronto Soccorso di tutta Europa. «Uno degli scopi principali della Società Europea – ha specificato Roberta Petrino – è proprio quello di creare una formazione standardizzata che permetta un libero scambio tra gli specialisti europei».

E in Europa c’è chi ha da insegnare e chi da imparare. «In Inghilterra – ha detto la presidente dell’Eusem – la medicina di emergenza ha compiuto i suoi 50 anni (circa 30 in più dell’Italia, ndr). L’organizzazione dei Pronto soccorso è molto avanzata, tanto che sono stati proprio gli inglesi a fare un po’ scuola al resto degli europei. L’Italia, la Francia, il Belgio e alcuni Paesi dell’est, come la Romania, pur avendo una medicina di emergenza-urgenza “più giovane”, hanno fatto passi da leone. In altri paesi, anche molto grandi, come la Spagna e la Germania,  nonostante gli sforzi delle società scientifiche, ancora non è stato attivato un percorso di specializzazione specifico».

L’European Society Emergency Medicine promuove un lavoro di squadra tra tutti i Paesi europei non solo per uno scambio di competenze scientifiche. Il confronto tra le varie Nazioni può migliorare anche alcune carenze dell’organizzazione strutturale, quelle che, in determinati periodi dell’anno, portano i pronto soccorso ad una situazione di collasso. «Il sovraffollamento – ha detto Roberta Petrino – non è un problema solo italiano, esiste in tutta Europa. In alcuni momenti critici dell’anno, in particolare quello invernale, quando si ha la riacutizzazione di patologie croniche legate anche all’epidemia influenzale, ovunque in Europa si ripresenta il problema del sovraffollamento. Anche in Inghilterra – fiore all’occhiello  in materia di medicina di emergenza-urgenza – hanno dovuto convertire alcuni letti del reparto di Chirurgia e bloccare degli interventi programmati per accogliere pazienti con problemi di riacutizzazione di patologie croniche, arrivati al Pronto Soccorso».

E se il problema esiste ovunque, è insieme che bisogna trovare una soluzione. «Le diverse esperienze, anche quando sono negative – ha commentato Petrino – possono essere un tesoro da condividere, per trovare delle soluzioni che siano definitive e non utili ad un intervento di emergenza. Il sovraffollamento – ha concluso la presidente dell’Eusem – non è un evento straordinario. Capita tutti gli anni».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...