Salute 31 Marzo 2014 15:40

Medicina digitale: sempre più vicino il Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0

Sarà il database sanitario di tutti i cittadini, ma bisogna superare ancora le differenze regionali e sperare in maggiori investimenti

Medicina digitale: sempre più vicino il Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0

Affrontare problematiche nuove con mezzi obsoleti è inutile e dannoso soprattutto sui temi riguardanti la sanità. Oltre a mettere a rischio la salute dei pazienti, l’uso di metodologie non aggiornate porta a dispendi di tempo e risorse essenziali per la tenuta dei servizi sanitari. Per questo motivo risulta sempre più importante aprire il lavoro dei professionisti della medicina alle nuove tecnologie e, al contempo, migliorare i mezzi già a disposizione.


Il Fascicolo Sanitario Elettronico, ad esempio, è, in tal senso, uno strumento molto importante
ma che, per funzionare al meglio, necessita di alcune modifiche in ottica 2.0. La settimana scorsa la Società Italiana di Telemedicina (Sit), in collaborazione con Lavse-Cnr, ha presentato uno studio intitolato “Verso il Fascicolo Sanitario Elettronico: elementi di riflessione”, in cui lo strumento viene analizzato nelle sue potenzialità e nelle possibili evoluzioni.

Il Fse permette di incrociare tutti i dati sanitari relativi ad ogni singolo paziente e fa parte di quegli strumenti moderni che, se usati nel migliore dei modi, possono risultare vitali nella gestione della situazione clinica dei soggetti. Il vantaggio in termini di tempo e risorse risparmiate è evidente e la salute del paziente ne risente in positivo.

In questi ultimi anni il Fascicolo ha però sofferto di non pochi problemi: secondo una ricerca condotta dall’Università di Urbino, nel 2013 soltanto un numero molto esiguo di Regioni si era dotato in maniera corposa del Fascicolo Sanitario Elettronico per mancanza di informazione e comunicazione in relazione alle linee guida ministeriali e differenze strategiche, tecnologiche, territoriali e di investimenti. Problemi risolvibili con un modello realmente condiviso per superare le complessità e le differenze regionali, cominciando a considerare il cittadino non solo come un consumatore di informazioni sulla salute e dando alla tutela della privacy personale la giusta importanza.

Mai la sanità internazionale si è trovata in una situazione di tale cambiamento strutturale: la telemedicina fa ogni giorno passi da gigante ed è senza dubbio il futuro dell’assistenza sanitaria. Smartphone e tablet ospitano un numero sempre maggiore di applicazioni che danno un aiuto agli utenti fino a pochi anni fa neanche immaginabile e il web rappresenta una fonte di informazioni praticamente illimitata. Il percorso è ormai tracciato, ora bisogna stare al passo.

Articoli correlati
Dalla riforma dell’AIFA all’innovazione in sanità, le sfide dell’Healthcare
Si è svolto oggi a Roma il convegno promosso dalla Fondazione Mesit, «La sfida Healthcare. Innovazione e attrattività del settore per la competitività in Europa»
Assistenza sanitaria, ricerca scientifica e innovazione: nasce la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-medico
La Fondazione, costituita per essere ancora più vicina al progresso medico-scientifico a favore della salute delle persone, opererà in stretta sinergia con l’Università Campus Bio-Medico di Roma nel perseguimento degli obiettivi e nel rispetto dei valori che ne ispirano da sempre l’azione: la Scienza per l’Uomo
Malattie cardiovascolari, Gensini: «Metà dei pazienti abbandona la terapia dopo sei mesi»
«La mancata aderenza alle terapie determina una scarsa protezione per i pazienti e un miliardo di euro di spreco per il SSN. Il progetto Value Based Healthcare Ecosystem nasce per supportare i pazienti cardiovascolari cronici»
Torino avrà il più grande parco della salute post Covid
Luigi Genesio Icardi (assessore alla sanità Regione Piemonte): «È la più grande opera di edilizia sanitaria degli ultimi anni. Sarà un polo di ricerca, didattica e cura. I lavori si concluderanno nel 2027»
di Federica Bosco
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...