Salute 31 marzo 2014

Medicina digitale: sempre più vicino il Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0

Sarà il database sanitario di tutti i cittadini, ma bisogna superare ancora le differenze regionali e sperare in maggiori investimenti

Immagine articolo

Affrontare problematiche nuove con mezzi obsoleti è inutile e dannoso soprattutto sui temi riguardanti la sanità. Oltre a mettere a rischio la salute dei pazienti, l’uso di metodologie non aggiornate porta a dispendi di tempo e risorse essenziali per la tenuta dei servizi sanitari. Per questo motivo risulta sempre più importante aprire il lavoro dei professionisti della medicina alle nuove tecnologie e, al contempo, migliorare i mezzi già a disposizione.


Il Fascicolo Sanitario Elettronico, ad esempio, è, in tal senso, uno strumento molto importante
ma che, per funzionare al meglio, necessita di alcune modifiche in ottica 2.0. La settimana scorsa la Società Italiana di Telemedicina (Sit), in collaborazione con Lavse-Cnr, ha presentato uno studio intitolato “Verso il Fascicolo Sanitario Elettronico: elementi di riflessione”, in cui lo strumento viene analizzato nelle sue potenzialità e nelle possibili evoluzioni.

Il Fse permette di incrociare tutti i dati sanitari relativi ad ogni singolo paziente e fa parte di quegli strumenti moderni che, se usati nel migliore dei modi, possono risultare vitali nella gestione della situazione clinica dei soggetti. Il vantaggio in termini di tempo e risorse risparmiate è evidente e la salute del paziente ne risente in positivo.

In questi ultimi anni il Fascicolo ha però sofferto di non pochi problemi: secondo una ricerca condotta dall’Università di Urbino, nel 2013 soltanto un numero molto esiguo di Regioni si era dotato in maniera corposa del Fascicolo Sanitario Elettronico per mancanza di informazione e comunicazione in relazione alle linee guida ministeriali e differenze strategiche, tecnologiche, territoriali e di investimenti. Problemi risolvibili con un modello realmente condiviso per superare le complessità e le differenze regionali, cominciando a considerare il cittadino non solo come un consumatore di informazioni sulla salute e dando alla tutela della privacy personale la giusta importanza.

Mai la sanità internazionale si è trovata in una situazione di tale cambiamento strutturale: la telemedicina fa ogni giorno passi da gigante ed è senza dubbio il futuro dell’assistenza sanitaria. Smartphone e tablet ospitano un numero sempre maggiore di applicazioni che danno un aiuto agli utenti fino a pochi anni fa neanche immaginabile e il web rappresenta una fonte di informazioni praticamente illimitata. Il percorso è ormai tracciato, ora bisogna stare al passo.

Articoli correlati
Oncologia, al via a Bari la nona Edizione di Oncology for Primary Care
Fumo, alimentazione e stili di vita al centro della Nona Edizione di Oncology for Primary Care. Il convegno sulle cure primarie e le innovazioni terapeutiche del paziente oncologico, promosso da Eugenio Maiorano e da Nicola Marzano, torna a Bari venerdì 23 e sabato 24 novembre. Più dell’80% dei malati di cancro manifesta i sintomi per […]
Fiaso, l’orgoglio dei manager della sanità: «Abbiamo salvato il SSN». Ripa di Meana: «Ora fondo per innovazione e sblocco assunzioni»
A Roma il ventennale della Federazione Italiana Aziende sanitarie e ospedaliere che ha riunito i dirigenti di 170 aziende sanitarie. Il Presidente: «Abbiamo reso il sistema capace di produrre a costi sostenibili qualità. Chiediamo siano sbloccati i contratti»
Legge di Bilancio, Zingaretti la boccia: «Spread alto brucia risorse anche per la sanità. Nel Lazio tagliamo sprechi e facciamo innovazione»
Il governatore è intervenuto all’inaugurazione del Centro Studi Clinici Fase 1 dell’IFO Regina Elena a Roma. «Siamo preoccupati - ha sottolineato - dopo discussioni infinite ancora non è chiaro quale sarà la manovra economica del governo». Poi torna sull’accordo stipulato con Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte e Veneto sul prezzo dei farmaci: «Ci farà risparmiare in tutto 31 milioni di euro e riguarderà un’area di 17 milioni di cittadini»
Malattia di Crohn, in arrivo una nuova terapia. L’incontro a Milano
La malattia di Crohn è una patologia infiammatoria cronica dell’intestino che colpisce 1,3 milioni di persone nel mondo, di cui circa 60.000 in Italia, soprattutto tra i 20 e i 30 anni. I sintomi, dolori addominali, perdita di peso e diarrea, fatica, anoressia o febbre, si possono manifestare in maniera imprevedibile e per questo spesso […]
Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»
«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...