Salute 4 Agosto 2015 16:14

Medici e pazienti “pazzi” per le App: il Ministero della Salute studia un Regolamento

Istituito tavolo ministeriale ad hoc per gestire un fenomeno dilagante e dai numeri impressionanti

Medici e pazienti “pazzi” per le App: il Ministero della Salute studia un Regolamento

E‘ un settore in forte espansione quello della “Mobile Health”. Proprio per questo va regolamentato. È quello che pensa anche il ministro alla Salute, Beatrice Lorenzin, che ha appena istituito un tavolo ministeriale ad hoc che si pone l’obiettivo di «un adeguamento normativo delle App mediche con riguardo al loro monitoraggio, produzione, distribuzione ed utilizzo nell’ambito della salute».


Si studierà un sistema per regolamentare la pratica della medicina supportata da dispositivi mobili attraverso applicazioni specifiche progettate per finalità mediche. «Il fenomeno – si legge in una nota del Ministero – sta assumendo una dimensione sempre più rilevante in relazione all’ampia e crescente diffusione di tali applicazioni, che sono di facile accesso e di costo contenuto mentre, nel contempo, sussiste una necessità di regolamentazione della materia e una ridotta conoscenza della popolazione nel corretto utilizzo di tali risorse».

Appare dunque difficile rallentare la corsa di internet e nuove tecnologie: secondo una ricerca della GfK-Eurisko sulla Digital Doctor Communication, aumentano (e di molto) le percentuali dei medici che posseggono uno smartphone o un tablet rispetto agli anni passati e aumenta la ricerca di nuovi spazi d’interazione sul web e nuove modalità di fruizione delle informazioni, principalmente attraverso le App, già usate nella loro professione dal 25% dei medici.

Tra gli aspetti più curati c’è la comunicazione medico-paziente, elemento che caratterizza App MyDott, una delle applicazioni per smartphone e tablet relative all’ambito medico che sta riscuotendo più successo negli ultimi mesi: «La nostra App – spiega Andrea Tortorella, Amministratore Delegato di Consulcesi Group, la realtà medica internazionale che ha sviluppato il progetto – è presente sui principali Store ed è gratuita per i pazienti, mentre i medici potranno provarla gratuitamente in versione demo ed ottenere la versione personalizzata entrando nel nostro Consulcesi Club. L’idea che sta alla base della App – continua Tortorella – ci è stata suggerita dagli oltre 1500 medici che hanno risposto ad un nostro sondaggio sul tema ed è quella di dare ai professionisti uno strumento a costo zero per aumentare il numero dei pazienti. Uno strumento che rappresenta, dunque, un elemento fondamentale per implementare l’attività lavorativa del medico. Per questo motivo abbiamo attivato una promozione (valida fino a venerdì 7 agosto) per migliaia di camici bianchi che potranno entrare nel Club gratuitamente e provare, senza alcun impegno, tutti i servizi del Club, tra cui MyDott».

Secondo la ricerca effettuata da Consulcesi, il 91% dei medici è convinto che porre una maggior attenzione nella comunicazione con i pazienti o potenziali tali possa aumentare qualità e quantità dell’attività professionale. Il 72% degli intervistati giudica importanti o fondamentali gli strumenti di comunicazione di nuova generazione come social network, sito internet, App o la semplice presenza sul web. Significativo, in questo senso, è il dato relativo alla quantità di camici bianchi che usa un sito internet per promuovere la propria attività: lo fa il 48%. Il 16% adopera prevalentemente i social network, il 14% le App (un dato basso dovuto, principalmente, all’alto costo di realizzazione di una App personalizzata) mentre solo un medico su cinque (il 22%) si affida ancora alla pubblicità classica. «La nostra App – conclude Tortorella – è nata dunque per consentire ai medici di aggiornare i pazienti su novità e promozioni, condividere la sua professione e semplificare le richieste di appuntamento e ricette».

Articoli correlati
Internet, genitori vs figli. OkDigitale, l’app per conquistare la “patente” per la navigazione
Oltre il 10% dei giovani ha visto un proprio video intimo circolare in rete: è uno dei dati più allarmanti emersi da una recente survey dell’Associazione Nazionale Di.Te. Il presidente Lavenia: «Con OkDigitale i genitori riceveranno gli strumenti necessari per insegnare a ai propri figli come avere un rapporto sano con lo smartphone»
Paziente fragile e tecnologie, un Libro Bianco raccoglie le esigenze e le possibili soluzioni ICT
Oltre 14 milioni di persone in Italia convivono con una patologia cronica e di questi 8,4 milioni sono ultra 65enni. La presentazione de libro avverrà il 15 settembre presso l'Aula Convegni ISSR di Via Nomentana 54
Internet: una risorsa o un rischio per i nostri figli?
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Safer Internet Day, allarme smartphone: uso eccessivo possibile causa di DSA
Un progetto di ICS Maugeri rivela che «l’80% delle informazioni possono essere una concausa dei deficit di attenzione e di concentrazione legati a problemi di apprendimento»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 520.120.789 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.260.307 i decessi. Ad oggi, oltre 11,39 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...