Salute 27 ottobre 2015

«Medici e istituzioni siano uniti e no alle sanzioni. Lottiamo per riaffermare l’importanza dei vaccini»

Intervista a Giampietro Chiamenti, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP)

Immagine articolo

Senso di responsabilità, e non le sanzioni, sono la risposta alla questione vaccini». Una questione che ha già fatto vittime, l’ultima delle quali una bambina di un mese morta di pertosse a Bologna.


Una questione che rischia di far tornare malattie mortali, che credevamo debellate da almeno un secolo. Una questione, soprattutto, che non può lasciare – e non ha lasciato – indifferenti le istituzioni politiche e sanitarie. Il calo drammatico di vaccinazioni si inserisce in un momento storico in cui la cattiva informazione sul tema sembra attecchire più saldamente del buon senso. E se lo spauracchio di effetti collaterali peggiori del male che si vuole evitare, viene avallato da parte della classe medica, la faccenda assume contorni drammatici. Qualcuno ha invocato misure drastiche, dalle sanzioni nei confronti dei medici che sconsigliano le vaccinazioni, all’allontanamento dalle scuole dei bambini non immunizzati. Misure smentite dal ministro Lorenzin durante il question time in Parlamento su un nuovo piano nazionale del governo, attualmente all’esame della commissione salute in Conferenza delle Regioni, che punti a una maggior consapevolezza delle famiglie italiane sul tema, per combattere leggende e falsi miti che nel 2015 continuano a circolare. «Riappropriamoci della cultura scientifica» è il monito del ministro. Ed è il messaggio condiviso anche da Giampietro Chiamenti, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP), intervistato da Sanità informazione.

«La situazione è delicata e richiede grande attenzione – attacca Chiamenti – . Il Paese si sta disaffezionando alla pratica vaccinale, sotto la spinta di movimenti che sfruttano qualsiasi elemento per insinuare il sospetto che i vaccini siano dannosi, pericolosi o poco utili. Dobbiamo mobilitarci, tutti insieme, per ribadire l’importanza della prevenzione, e ricordare che le malattie non sono scomparse, ma grazie alle vaccinazioni possono essere tenute sotto controllo. E’ fondamentale – continua Chiamenti – lavorare per mantenere il livello dei tassi di copertura tale da mettere la popolazione al riparo dalla nuove epidemie». Tassi che l’Istituto superiore di sanità ha diffuso, e che risultano inferiori agli obiettivi minimi previsti. In particolare le vaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B sono scesi al di sotto del 95% mentre quelle contro il morbillo, la parotite e la rosolia sono calate all’86%. Ma Chiamenti si unisce alla levata di scudi contro le sanzioni ipotizzate per contrastare il fenomeno: «Non è con le sanzioni che si risolve il problema, ma con un maggiore senso di responsabilità da parte di tutti. Il nostro impegno  – conclude il presidente dei Pediatri – sarà far sì che tutti i colleghi siano consapevoli dell’importanza di sostenere lo strumento vaccinale».

Articoli correlati
Vaccini, il Board Calendario per la Vita: «Bene sospensione emendamento su obbligo»
FIMMG, FIMP, SIP e SITI: «Atto che rappresenta una dimostrazione di attenzione alla salute pubblica»
Vaccini, al via il programma delle aperture straordinarie degli ambulatori a Catania
Al via il programma di aperture straordinarie degli ambulatori vaccinazioni dell’Asp di Catania. Al fine di incrementare le coperture vaccinali della popolazione del territorio provinciale e di dare continuità alle azioni di contenimento dell’epidemia di morbillo che ha interessato la Regione Siciliana, l’Asp di Catania, per il tramite del Dipartimento di Prevenzione (diretto dal dott. […]
Vaccini, Burioni sullo slittamento dell’obbligo: «Da Senato pagina infame». E mamma no vax lo minaccia
Il virologo avverte il Ministro Grillo: «Al primo morto di morbillo sarà giustamente sbranata dall’opinione pubblica». Poi commenta gli insulti sui social: «Squadrismo»
Fimmg-Fimp incontrano il Ministro Grillo. Scotti-Biasci: «Investire su credibilità offerta territoriale»
«Tecnologia e personale nei nostri studi, servono investimenti», chiedono i due dirigenti. Tra le tematiche affrontate vaccinazioni, cronicità, appropriatezza delle cure
Pediatria, accordo Asl Roma 1 – Bambino Gesù: percorsi di cura integrati per i piccoli pazienti
Percorsi di cura e assistenza sanitaria integrata per i bambini e gli adolescenti di Roma residenti nel territorio della ASL Roma 1. È il risultato di un accordo siglato tra la ASL Roma 1 e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. A sottoscrivere l’intesa il Direttore Generale della ASL Roma 1, Angelo Tanese, e il presidente dell’Ospedale Pediatrico […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila