Salute 18 Giugno 2019

Maturità 2019, attenzione alla disidratazione: chi beve poco è meno concentrato e più affaticato

L’esperto: «Per dimostrarlo, alcuni ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica studenti correttamente idratati ed altri disidratati. Le immagini ottenute hanno mostrato una massa cerebrale ridotta in coloro che non avevano bevuto abbastanza»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Se qualcuno ha paragonato l’esame di maturità ad una maratona non ha affatto sbagliato. Proprio come il maratoneta, anche lo studente deve prestare la massima attenzione al suo livello di idratazione. «Come l’atleta avrà una resa muscolare inferiore se beve poco o in quantità inadeguate, anche i maturandi che non provvederanno ad ingerire la giusta quantità di acqua avranno una performance scolastica più scadente».

È Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation, ad avvertire  i quasi 470 mila giovani che tra poche ore si troveranno ad affrontare uno dei momenti più emozionanti della propria vita: l’esame di maturità.  Un momento temuto da tanti, un importante traguardo spesso accompagnato da elevati ritmi di studio e picchi di stress ed ansia che influenzano in maniera negativa lo stile di vita. Riposo, sana alimentazione e corretta idratazione dovrebbero invece rimanere alla base della routine giornaliera.

«Studi scientifici – continua Zanasi – hanno dimostrato che la disidratazione causa scarsa concentrazione, affaticamento mentale e una diminuzione della prestazione. In altre parole, chi beve poco rende meno. Per dimostrarlo, alcuni ricercatori hanno sottoposto a risonanza magnetica studenti correttamente idratati ed altri disidratati. Le immagini ottenute hanno mostrato una massa cerebrale ridotta in coloro che non avevano bevuto la quantità di acqua necessaria. In una giornata sarebbe opportuno bere almeno un litro e mezzo di acqua – dice lo specialista – quantità che andrebbe aumentata se fa particolarmente caldo o se si tende a sudare».

Basta una condizione di moderata disidratazione, con una perdita di circa il 2% del peso corporeo, per andare incontro a segnali come mal di testa e stanchezza, cui si possono associare riduzione della concentrazione, dell’attenzione e di esecuzione anche di compiti semplici. Prestare attenzione alla propria idratazione è dunque d’obbligo non solo nei giorni in cui si affrontano le prove di maturità, ma anche  durante tutto il periodo di studio.

Se tra tutti gli studenti è già ben nota la “pausa caffè”, sarebbe buona abitudine che tra i maturandi si diffondesse anche la “pausa-acqua”: «Alzarsi dalla sedia e fare un break per bere un bicchiere di acqua è fondamentale per migliorare le prestazioni del nostro cervello. Se a tutto ciò  – aggiunge Zanasi – abbiniamo anche momenti di relax il risultato sarebbe ancora più vantaggioso».

Ma chi è troppo concentrato sullo studio potrebbe non rendersi conto di essere disidrato: «Il primo campanello d’allarme  è sicuramente la sete, ma non dovremmo mai arrivare ad avere questa percezione – avverte l’esperto – . Per evitarlo, gli studenti potrebbero preparare già dal mattino, sulla loro scrivania se sono a casa o nello zaino se sono a scuola, tre bottiglie da mezzo litro da sorseggiare durante l’arco della giornata».

Per migliorare ulteriormente i risultati è possibile contribuire all’idratazione del nostro organismo attraverso l’alimentazione. È  sbagliato lasciarsi andare al digiuno da “stomaco chiuso”, ma anche mangiare velocemente per tornare più in fretta possibile sui libri. No alle nottate di studio e a non concedersi qualche pausa per riposare anche durante la giornata. «Cibi come frutta e verdura non solo saziano ma dissetano – commenta l’esperto – offrendo un apporto ulteriore di liquidi. Pensiamo ad esempio ai benefici derivanti da un cocomero costituito per il 95 % da acqua». E allora ecco l’ultimo consiglio del dottor Zanasi per i maturandi 2019: «Prima di uscire, oltre all’acqua, ricordatevi di portare con voi un frutto: lo spuntino ideale da consumare durante il vostro esame». Provare per credere.

Articoli correlati
Riniti non allergiche, la rivoluzione dell’oscillazione cinetica. Macchi (Ospedale Varese): «Il colpevole è il Sistema nervoso periferico, primi risultati molto positivi»
Alberto Macchi sta sperimentando in Italia questa nuova terapia. Attraverso il device K.O.S. prodotto dall’azienda svedese Chordate Medical AB si inserisce nella narice un catetere collegato a un dispositivo: «Sui primi 15 pazienti si è avuta remissione dei sintomi a due mesi nell’80% dei casi. Ho controlli a due mesi su questi pazienti con dei risultati eccezionali nel senso che i pazienti non hanno più utilizzato spray, decongestionanti, steroidei nasali»
L’acqua aiuta a dimagrire: a parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più
L’esperta: «Bere durante i pasti non è dannoso, anzi. Aiuta a saziarci prima e quindi ad abbuffarci di meno. L’assunzione di fibre, l’abitudine a mangiare lentamente e l’incremento della massa magra sono gli altri ingredienti del successo»
di Isabella Faggiano
Farmaci generici, è allarme sostenibilità per le imprese: i costi superano i ricavi
L'aggiornamento sul comparto produttivo dei farmaci generici, presentato a Roma dalla Società di studi economici Nomisma, conferma lo stato di salute e crescita del settore. Lo studio, tuttavia, impone anche una riflessione sull'evidente criticità rappresentata dall'eccessiva pressione sui prezzi degli equivalenti che non compensa più costi e ricavi
“Vivere con l’emicrania”, Rapporto Censis: ne soffrono 2 italiani su 10. E i pazienti chiedono migliore formazione dei medici
Vaccaro (Area Welfare Censis): «La metà di chi ne soffre utilizza farmaci analgesici o antiemicranici e non terapie specifiche. l’82,3% dei pazienti ricorre a farmaci soggetti a prescrizione, mentre il 31,8% utilizza medicinali da banco»
di Isabella Faggiano
Calo vocazioni, Paolo De Paolis (Presidente Sic) ai giovani: «Tornate ad amare il mestiere più bello del mondo»
«Nonostante il momento difficile per la nostra professione, sapere che c’è un giovane brillante che ha espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta - ammette compiaciuto il professor De Paolis, presidente della Società italiana chirurgia - . I giovani respirano il malcontento dei chirurghi che sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...