Salute 22 Aprile 2019

Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus

«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione

«La mia più grande passione è correre la maratona. Arrivare alla fine di una maratona per me è vincere i miei limiti. Rappresenta un po’ la metafora della vita: quando devi correre per 42 chilometri, sai con certezza che ad un certo punto sentirai la stanchezza ed il dolore e, a quel punto, dovrai proseguire con la mente e con il cuore per arrivare al traguardo».

Anna Pedrazzini, Responsabile a Tirana dell’area selezione della sede di Consulcesi, network legale da sempre al fianco dei medici, ha accolto con entusiasmo la decisione della sua azienda di partecipare alla maratona di Roma, valutandola come una grande opportunità per lei e per tutti i dipendenti.

 

«Quest’anno, grazie alla mia azienda, ho avuto la possibilità di correre la maratona di Roma, per me è stata un’occasione grandissima per poter sentire l’adrenalina che solo la maratona mi dà. È stata un successo: l’ho terminata in 3:19:00, classificandomi ottava» ha svelato ai nostri microfoni.

LEGGI ANCHE: MARATONA DI ROMA 2019. CONSULCESI ONLUS: GARA DI SOLIDARIETÀ PER SOSTENERE L’UNITÀ MOBILE “SALUTE E INCLUSIONE”

Una vera “gara di solidarietà” tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, per vincere la sfida contro l’indifferenza verso chi vive ai margini. Consulcesi Onlus, infatti, ha partecipato alla Maratona di Roma 2019 per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”, un’equipe formata da un medico e due mediatori interculturali che offre sostegno e assistenza sanitaria alle persone più deboli e svantaggiate.

La salute per tutti è il vero traguardo da raggiungere: pari opportunità di accesso alle cure e un Sistema sanitario realmente equo, universalistico e solidale. L’obiettivo del progetto è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di migliorare il livello di salute e benessere psico-fisico nelle periferie delle grandi città; per questo, è partita un’apposita raccolta fondi sempre attiva sulla Rete del Dono: finora, sono stati raccolti 16mila euro.

«La cosa straordinaria per me – ha spiegato Anna – è stata poter contribuire, con la maglia della Consulcesi, ad un progetto importante che è stato pensato per poter aiutare chi è più debole ed emarginato e ha diritto, come noi tutti, alla salute e al benessere psicofisico».

Consulcesi Onlus è da sempre vicina anche alle comunità colpite da guerre e catastrofi naturali: finanzia progetti in Senegal, Congo ed Eritrea. L’impegno della Onlus proseguirà nei prossimi mesi con una maratona a Lugano ed il progetto “Uganda come a casa”, finalizzato alla costruzione di scuole con una duplice funzione formativa e sociale. Un contributo all’azione portato avanti, da anni, dall’infermiera Rose Busingye e dal professor Andrea Nembrini con il sostegno di AVSI, una Ong molto attiva sul fronte della cooperazione e in ambito socio-educativo.

Articoli correlati
Burnout e malattie cardiache, dalla scienza nuove possibilità di risarcimento
Italia tra i Paesi europei con operatori sanitari più stressati: la sindrome colpisce il 90% in corsia. Consulcesi attiva sportello gratuito per la prima valutazione medico-legale e consulenza legale: all’esame tutti i fattori di rischio, come riconoscere i sintomi e come tutelarsi
Cellulare e tumore, per i giudici il nesso c’è. L’otorino: «Sicuramente causa cambiamenti fisiologici»
Accolto dalla Corte d'Appello di Torino il ricorso di un lavoratore che ha utilizzato il telefono aziendale per anni e ha sviluppato poi una forma tumorale. L’Inail dovrà corrispondere un vitalizio, ma la scienza sul tema continua ad essere divisa. Il dottor Attanasio: «È vero che non ci sono evidenze scientifiche ma non si può escludere che un’esposizione continua a radiofrequenze non faccia danni»
E-cig e sigarette: sono più di 700mila gli italiani che le fumano insieme. E i rischi per i polmoni triplicano
Secondo uno studio della University of California l’abitudine, sempre più in voga, di alternare le due modalità di fumo è una pratica da abbandonare
Chirurgia estetica, la denuncia di Sicpre: «Basta abusivismo categoria, danni al 30% dei pazienti»
In Italia nel settore privato chiunque sia anche solo laureato in Medicina può eseguire interventi di chirurgia plastica, anche senza specializzazione. D’Andrea: «Casi in aumento. Prima di sottoporsi ad un intervento necessario controllare se il professionista è adeguatamente formato o se millanta»
Allarme aggressioni, la preoccupazione dei camici bianchi al Telefono Rosso. Consulcesi: «Dobbiamo arrivare alla scorta?»
Consulenza legale gratuita per chi denuncia aggressioni, soluzione resta l’Arbitrato della Salute. Appello al ministro Speranza: «Insieme a Ddl anti-violenza anche quello sull’Arbitrato della Salute. Disposti a mettere a disposizione la nostra task force e ad un confronto coinvolgendo istituzioni sanitarie e associazioni pazienti». La petizione #bastaodiomedicopaziente su Change.org supera le 20mila firme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...