Salute 22 Aprile 2019 11:50

Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus

«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione

«La mia più grande passione è correre la maratona. Arrivare alla fine di una maratona per me è vincere i miei limiti. Rappresenta un po’ la metafora della vita: quando devi correre per 42 chilometri, sai con certezza che ad un certo punto sentirai la stanchezza ed il dolore e, a quel punto, dovrai proseguire con la mente e con il cuore per arrivare al traguardo».

Anna Pedrazzini, Responsabile a Tirana dell’area selezione della sede di Consulcesi, network legale da sempre al fianco dei medici, ha accolto con entusiasmo la decisione della sua azienda di partecipare alla maratona di Roma, valutandola come una grande opportunità per lei e per tutti i dipendenti.

 

«Quest’anno, grazie alla mia azienda, ho avuto la possibilità di correre la maratona di Roma, per me è stata un’occasione grandissima per poter sentire l’adrenalina che solo la maratona mi dà. È stata un successo: l’ho terminata in 3:19:00, classificandomi ottava» ha svelato ai nostri microfoni.

LEGGI ANCHE: MARATONA DI ROMA 2019. CONSULCESI ONLUS: GARA DI SOLIDARIETÀ PER SOSTENERE L’UNITÀ MOBILE “SALUTE E INCLUSIONE”

Una vera “gara di solidarietà” tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, per vincere la sfida contro l’indifferenza verso chi vive ai margini. Consulcesi Onlus, infatti, ha partecipato alla Maratona di Roma 2019 per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”, un’equipe formata da un medico e due mediatori interculturali che offre sostegno e assistenza sanitaria alle persone più deboli e svantaggiate.

La salute per tutti è il vero traguardo da raggiungere: pari opportunità di accesso alle cure e un Sistema sanitario realmente equo, universalistico e solidale. L’obiettivo del progetto è sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di migliorare il livello di salute e benessere psico-fisico nelle periferie delle grandi città; per questo, è partita un’apposita raccolta fondi sempre attiva sulla Rete del Dono: finora, sono stati raccolti 16mila euro.

«La cosa straordinaria per me – ha spiegato Anna – è stata poter contribuire, con la maglia della Consulcesi, ad un progetto importante che è stato pensato per poter aiutare chi è più debole ed emarginato e ha diritto, come noi tutti, alla salute e al benessere psicofisico».

Consulcesi Onlus è da sempre vicina anche alle comunità colpite da guerre e catastrofi naturali: finanzia progetti in Senegal, Congo ed Eritrea. L’impegno della Onlus proseguirà nei prossimi mesi con una maratona a Lugano ed il progetto “Uganda come a casa”, finalizzato alla costruzione di scuole con una duplice funzione formativa e sociale. Un contributo all’azione portato avanti, da anni, dall’infermiera Rose Busingye e dal professor Andrea Nembrini con il sostegno di AVSI, una Ong molto attiva sul fronte della cooperazione e in ambito socio-educativo.

Articoli correlati
Le scarpe da corsa con il tacco alto possono aumentare il rischio di lesioni
Bisogna fare molta attenzione all'altezza delle scarpe da corsa che si scelgono. Quelle con il tacco più alto, molto in voga tra i giovani, possono aumentare il rischio di lesioni modificando il modo in cui i piedi toccano il suolo. Lo ha scoperto un piccolo studio dell'Università di Harvard
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...