Salute 12 Dicembre 2019

Manovra, mille borse di specializzazione in più. Novità per precari della sanità e fondo apparecchiature

La Commissione Bilancio ha approvato l’estensione del termine (dal 30 giugno 2019 al 31 dicembre 2019) in cui maturare i requisiti per la stabilizzazione. I fondi per le apparecchiature saranno estesi anche ai pediatri di liberi di scelta oltre agli MMG. Due milioni per il registro tumori

Immagine articolo

Novità in sanità dall’approvazione degli ultimi emendamenti alla manovra 2020 in Commissione Bilancio a Palazzo Madama. Tra i temi trattati il registro tumori, le norme per la stabilizzazione dei precari in sanità e l’ampliamento dei beneficiari per il fondo per le apparecchiature sanitarie.

BORSE DI SPECIALIZZAZIONE

Saranno mille le borse di specializzazione in più per il prossimo anno. Nonostante l’impegno del Vice Ministro Pierpaolo Sileri e di numerosi parlamentari della maggioranza, almeno in questo primo passaggio al Senato non si è riusciti a raggiungere la cifra di duemila borse di specializzazione in più richiesta dalle associazioni di categoria.

REGISTRO TUMORI

Due milioni di euro sono destinati per la rete nazionale dei registri dei tumori: nel dettaglio di tratta di 1 mln nel 2020 e 500mila per il 2021 e il 2022. La Legge 29 del 2019 ha creato lo strumento per creare una rete per correlare i dati di incidenza tumorale ai territori e avere così una vera e propria mappa della correlazione tra chi si ammala e dove.

STABILIZZAZIONE PRECARI DELLA SANITA’

Un’altra proposta di modifica che ha avuto luce verde amplia la platea dei precari della sanità da stabilizzare: il requisito consiste in tre anni di servizio da maturare fino a tutto l’anno in corso. L’emendamento estende i requisiti previsti dai commi 1 e 2 dell’articolo 20 della Legge Madia sul superamento del precariato nelle pubbliche amministrazioni a chi lavora nel Servizio sanitario nazionale. Nello specifico, l’emendamento proponeva di estendere quanto previsto dalla Legge Madia, dunque la possibilità per le amministrazioni di assumere a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2022, ma limitando al 30 giugno 2019 la possibilità per i precari di aver ottenuto quanto serve per essere stabilizzati è limitante.

«Approvati gli emendamenti con cui diventano concreti gli impegni per rafforzare il Servizio Sanitario Nazionale. Apriamo la possibilità ad una platea molto rilevante di precari della sanità, a medici, infermieri, personale sanitario e amministrativo, di essere stabilizzati allargando al 31 dicembre 2019 i termini per maturare i requisiti necessari. È approvato anche lo scorrimento delle graduatorie a favore degli idonei. Finalmente ci sono più risorse, tetti meno rigidi e regole nuove per assumere personale in Sanità» sottolinea su Facebook il Ministro della Salute Roberto Speranza.

«Quello che abbiamo ottenuto noi è di posticipare il termine entro cui questi lavoratori devono aver maturato almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni, a fine dicembre 2019» spiega Maria Domenica Castellone, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato.

LEGGI ANCHE: DL FISCALE, EMENDAMENTO ALZA TETTO DI SPESA PER IL PERSONALE FINO AL 15%. SPERANZA: «ORA PIÙ FACILE ASSUMERE IN SSN»

FONDO APPARECCHIATURE SANITARIE

Il fondo stanziato in legge di bilancio per le apparecchiature sanitarie dedicate ai medici di medicina generale sarà indirizzato anche ai pediatri di libera scelta, privilegiando gli ambiti relativi a fragilità e cronicità. «Prevediamo inoltre – sottolinea ancora Maria Domenica Castellone – il potenziamento degli strumenti di telemedicina e dotiamo i medici di un software gestionale clinico unico per conferire i dati nei flussi informativi sanitari. È un passo avanti importantissimo per potenziare la medicina territoriale e l’assistenza sanitaria a tutti i cittadini».

Articoli correlati
Specializzazioni, Anaao Giovani: «Sulle graduatorie bloccate pronti ad azioni legali»
La denuncia di Anaao Giovani e Associazione Liberi Specializzandi: «Insoddisfacente l'incontro al Mur e ministro era assente. Tuteleremo 24 mila colleghi»
Borse di specializzazione, medici delusi dal Dl Rilancio. Le reazioni della categoria e le proposte di Lega e M5S
Secondo gli specializzandi, mille borse in più dal 2022 non risolvono il problema dell'imbuto formativo. Anaao Giovani è pronta a tornare in piazza, mentre Cinque Stelle e Lega propongono una riforma strutturale della specializzazione medica
Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale
Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Spalle al palazzo e via il camice, la protesta degli specializzandi a Montecitorio: «Troppe poche borse, si rischia un esercito di camici grigi»
Sit-in di un centinaio di giovani medici davanti la Camera dei deputati a cui hanno aderito 11 sigle. Di Silverio (Anaao): «Pronto ad incatenarmi se non si risolve l’imbuto formativo». Solidarietà e vicinanza dai parlamentari di tutti i partiti, in piazza anche gli ex ministri Lorenzin e Grillo
Nella bozza del decreto “Rilancio” 3,250 miliardi alla Sanità, 3.800 nuovi contratti di specializzazione e un premio di 1000 euro
Nella versione non ancora definitiva del nuovo decreto, stato di emergenza prorogato fino a gennaio 2021 e abolizione dell'Iva su tutti i prodotti necessari alla lotta al virus, dalle mascherine ai camici, fino a dicembre 2020
di Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...