Salute 18 Aprile 2018 15:09

Malattie rare, lo spot spietato contro l’indifferenza sul gene PCDH19

Filippo Giardina veste i panni di un medico arrogante e irriverente, che sottolinea alla mamma di una bambina affetta da un disturbo molto raro determinato dal gene PCDH19, come sia inutile investire nella ricerca per una malattia che colpisce poche centinaia di pazienti al mondo. Il messaggio satirico: «Se la malattia è rara…»

Bacche di ginepro, sale dell’Himalaya e quattro noci. Funzionerà per guarire da una malattia rara con un nome da Guerre Stellari? Certo che no. D’altro canto, perchè investire sulla ricerca per una malattia che colpisce poche centinaia di pazienti al mondo? È il satirico e auto-ironico spot per il 5×100 della Onlus Insieme per la Ricerca PCDH19, un gene che codifica per la proteina “protocaderina 19″ che, se malformata, determina la comparsa di crisi epilettiche, in genere associate a deficit cognitivi di entità variabile, a disturbi comportamentali o relazionali, a tratti autistici.

Se una malattia è rara…

La Onlus “Insieme per la Ricerca Pcdh19” si occupa di una malattia rara che causa, principalmente alle bambine, epilessia farmacoresistente, ritardo mentale, disturbi comportamentali e autismo.Mi hanno chiesto di ideare una campagna per la raccolta del 5 x 1000 e ho accettato con molto piacere.Questo è lo spot, si saranno pentiti?

Pubblicato da Filippo Giardina su Lunedì 16 aprile 2018

L’autore dello spot è Filippo Giardina, che veste i panni di un medico arrogante e irriverente, cui si rivolge la mamma di una bambina affetta dalla malattia rara, nella speranza di un nuovo studio che possa aiutare la sua piccola. Quando le viene proposta la cura poco ‘ortodossa’, è convinta di aver trovato la soluzione. Ma ogni sua aspettativa si infrange nella risata scrosciante e sprezzante del medico. Che conclude: «Se la malattia è rara, sti c…». L’aver scelto una campagna diversa dalle altre, lontana dal pietismo e dalla commiserazione, servirà a far arrivare il messaggio?

LEGGI ANCHE: MALATI RARI: «PIÙ COMPLICITÀ E COLLABORAZIONE TRA SPECIALISTI». L’INTERVISTA AD ANDREA BARTULI (BAMBINO GESÙ) 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Autismo e adolescenza. Il punto di vista della Sima
Il 2 aprile, come ogni anno dalla risoluzione 62/139 del 18 dicembre 2007 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo (World Autism Awareness Day), nata con la finalità di implementare la ricerca, lo studio, la diagnosi precoce, i servizi e il rispetto dei diritti per le persone autistiche. […]
“Dipingiamo il territorio di blu”, l’autismo al centro del webinar dell’Ordine TSRM e PSTRP di Roma
Il 2 aprile, Giornata Mondiale della consapevolezza dell’autismo, si svolge a partire dalle 16.30 l’evento dell’Ordine di Roma dedicato alle persone con disturbi dello spettro autistico
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori
Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive
di Federica Bosco
Riconoscimento invalidità per malattie croniche e rare, Formato (Anppi): «Di fronte alla commissione una sola volta»
Legge 104 per malati rari e cronici: perché tornare più volte davanti alla commissione per la richiesta di invalidità? Con Formato (presidente Anppi) discutiamo della richiesta di procedere una tantum per tutte le patologie "senza una vera guarigione"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...