Salute 10 Dicembre 2018

Malattie rare, Binetti: «Piano nazionale fermo al 2016, governo intervenga. In molte regioni screening neonatale allargato non viene applicato»

La presidente dell’intergruppo parlamentare sulle malattie rare chiede all’esecutivo di fare di più in materia: «Slogan prossima giornata internazionale sarà “social care”, servono interventi per migliorare qualità della vita dei pazienti»

Immagine articolo

«Senza il nuovo Piano nazionale per le malattie rare tutte le misure previste rischiano di rimanere senza un coordinamento che ne assicuri la visione d’insieme». La senatrice Paola Binetti, Udc, presidente dell’intergruppo parlamentare sulle malattie rare, valuta con favore le ultime misure in materia introdotte in legge finanziaria, a partire dall’allargamento dello screening neonatale, ma chiede con forza l’approvazione di un nuovo piano nazionale, essendo il vecchio scaduto nell’ormai lontano 2016: «Salteremo il triennio 2016-2019, non si fa così. Non è che i piani sanitari sono a corrente alternata», spiega a Sanità Informazione. Poi chiede che si faccia più attenzione alla qualità della vita dei pazienti: «Le malattie rare – spiega Binetti – più di qualunque altra malattia hanno bisogno di una dimensione sociale negli interventi che si faccia carico di tutta quella linea non strettamente farmacologica ma che definisce la qualità di vita del paziente e molte volte è parte integrante di quello che è un processo di cura. Di tutto questo per esempio nei Lea non c’è parola».

Senatrice, lei recentemente ha detto che il governo è indifferente a questa tematica. Perché?

«Il governo non è indifferente sul piano delle affermazioni, è indifferente sul piano dei fatti. Lo dico facendo riferimento a tre cose molto concrete: siamo in attesa del piano nazionale delle malattie rare che è scaduto nel 2016. Salteremo il triennio 2016-2019, non si fa così. Non è che i piani sanitari sono a corrente alternata. La seconda riserva è che c’è un disegno di legge sullo screening neonatale allargato che abbiamo approvato all’unanimità nella legislatura precedente. Ciò che è emerso è che lo screening allargato ha una legge, ha un impatto positivo sull’opinione pubblica ma non è applicato in moltissime regioni. Questo dimostra come una cosa è approvare una norma, l’altro vigilare perché la norma diventi realtà. Terzo punto, ma non ultimo, la giornata internazionale delle malattie rare che si svolgerà quest’anno come sempre il 28 febbraio 2019: lo slogan della giornata sarà ‘social care’. Cioè le malattie rare più di qualunque altra malattia hanno bisogno di una dimensione sociale negli interventi che si faccia carico di tutta quella linea non strettamente farmacologica ma che definisce la qualità di vita del paziente e molte volte è parte integrante di quello che è un processo di cura. Di tutto questo per esempio nei Lea non c’è parola. Noi solleveremo questo problema in occasione della prossima giornata. Questo è il campanello d’allarme che vogliamo far risuonare con questo governo che in teoria è totalmente d’accordo ma noi vorremmo la pratica».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE, UTILE NON SOLO AL MEDICO MA ANCHE AL PAZIENTE. DE SANTIS (ISS): «SOLO CON CONOSCENZA POSSIBILE UN CONFRONTO PROFICUO»

Il fondo sanitario sarà incrementato di un miliardo, che è quello previsto dal precedente governo, i sindacati ritengono insufficiente questo stanziamento. Voi cosa dite?

«Un miliardo, quando lo vai a dividere tra le regioni, ma soprattutto quando lo vai a suddividere tra gli obiettivi, è veramente poco. Intanto perché c’è il rinnovo del contratto dei medici: c’è stato lo sciopero dei medici, uno sciopero che ha avuto un grande successo, a cui hanno aderito la stragrande maggioranza dei medici e del personale sanitario. Il rinnovo del contratto mangerà una parte importante di questa quota. Poi c’è un altro aspetto che non è di meno conto che è quello di rendere le strutture adeguate a quelle che sono i nuovi bisogni di salute. Faccio un esempio semplice se volete. Bisogna spostare l’attenzione dall’ospedale al territorio, ma tra l’ospedale e il territorio c’è una struttura intermedia importantissima che è la medicina specialistica ambulatoriale. Se voi andate in qualunque posto negli ambulatori, anche dei migliori ospedali, quello che voi trovate è una serie di condizioni che non garantiscono in molti momenti la dignità e trovate soprattutto quel problema drammatico che sono le lunghissime code di attesa, i tempi di attesa per una visita specialistica. Se si vuole intervenire su tutti questi punti un miliardo è poco più che nulla».

Articoli correlati
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Sindrome di Sjögren, Maria Teresa Bellucci (FdI): «Presenteremo proposta di legge per inserirla nell’elenco malattie rare»
Una proposta di legge per inserire nell’elenco delle malattie rare anche la sindrome di Sjögren. Ad annunciarla, nel corso del convegno “La Sindrome di Sjögren – Tra difficoltà quotidiane e proposte di legge” organizzato da Fratelli d’Italia, A.N.I.Ma.S.S. ONLUS e Accademia Togliani in Senato, l’onorevole di Fratelli d’Italia, Maria Teresa Bellucci, Capogruppo della Commissione Affari […]
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...