Salute 14 Giugno 2018

Malattie degenerative, le proprietà del CBD. Russo (ICCI): «Allevia sintomi di epilessia, cancro e Alzheimer»

Uno dei massimi esperti a livello mondiale di cannabis terapeutica spiega ai nostri microfoni quali sono le proprietà di uno dei principali principi attivi e cosa ci si aspetta dalla ricerca

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)

Il cannabidiolo, uno dei più importanti principi attivi della cannabis, rappresenta una «cura efficace contro patologie come epilessia, cancro e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer». Lo afferma ai nostri microfoni Ethan Russo, Direttore dell’ “R&D International Cannabis and Cannabinoids Institute”. Russo è uno dei massimi esperti a livello mondiale di cannabis terapeutica ed è intervenuto, insieme a medici, studiosi e ricercatori di caratura internazionale, nel corso del Balkannabis Expo, una tre giorni che ha avuto luogo ad Atene e che aveva, come tema centrale, quello della ricerca e delle ultime scoperte relative alle proprietà curative degli estratti della canapa. Russo spiega a Sanità Informazione quali sono le proprietà del CBD e quali sono le nuove prospettive della ricerca.

Dottor Russo, cosa può fare il cannabidiolo per combattere patologie come l’epilessia, il cancro e l’Alzheimer?

«Il cannabidiolo è un farmaco molto efficace per tantissime patologie. Ha effetti antiinfiammatori molto forti, quindi riduce le infiammazioni e il dolore, ma protegge anche il cervello da problemi come traumi cranici o ictus. Ci sono inoltre diversi segnali che indicano come il CBD potrebbe proteggere il cervello da malattie degenerative come l’Alzheimer e altre patologie che causano demenza. Il CBD ha inoltre dimostrato un’ottima efficacia nel curare gravi convulsioni. Al momento, negli Stati Uniti siamo in attesa dell’approvazione di un farmaco a base di cannabidiolo che dovrebbe avvenire il prossimo mese».

Quali sono le prospettive della ricerca?

«Un farmaco con cannabidiolo risulta molto versatile. La preparazione che sarà disponibile negli Stati Uniti è stata sviluppata per trattare l’epilessia grave, e che dunque richiede alti dosaggi. Bisogna ancora vedere se potrà servire per curare anche altre patologie, molte delle quali richiedono dosi molto più basse, ma ancora non possiamo saperlo. In termini di potenzialità, come farmaco può curare un numero veramente grande di patologie, soprattutto malattie artritiche, che siano artriti reumatoidi o osteo-artriti. Le potenzialità del cannabidiolo sono fantastiche per limitare la gravità e il progresso di questo genere di malattie».

 

 

Articoli correlati
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Piogge estreme mettono a rischio la salute pubblica. La ricerca dell’Università di Bologna
La frequenza di precipitazioni estreme – eventi che possono causare frane e alluvioni, mettendo a rischio la sicurezza e la salute pubblica – è aumentata a livello globale negli ultimi cinquant’anni di pari passo con l’intensificarsi del riscaldamento globale. A rivelarlo è un nuovo studio pubblicato sulla rivista Water Resources Research e realizzato da studiosi […]
Ricerca, assegnati 95 mln di euro per nuovi progetti. Grillo: «Dobbiamo valorizzare il nostro “made in Italy”»
Attraverso il Bando della Ricerca Finalizzata 2018 sono stati esaminati oltre 1.700 progetti. 5 milioni sono andati a ricercatori under 33
Atrofia spinale, Lauro (Famiglie SMA): «Terapia genica ci fa sperare, lottiamo per portarla in Europa. Ma non dite che è ‘la cura più costosa al mondo’»
Negli USA la Food and Drug Administration ha approvato un farmaco per i bambini sotto i due anni di vita dal costo record: 2,1 milioni di dollari. La Presidente di Famiglie SMA: «È sbagliato mettere l’accento sul costo di una terapia che comunque è rivolta a una piccola porzione di popolazione di una malattia rara, quindi un numero davvero ridotto». A giugno via a un progetto pilota di screening neonatale
di Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...