Formazione 2 Maggio 2017 17:58

Malattie croniche: medici di famiglia prescrivano farmaci innovativi. L’appello di AIFA e FIMMG

Dialogo diretto fra medici di famiglia e Agenzia Italiana del farmaco. Silvestro Scotti (FIMMG): «Coinvolgendo i medici di base si risolvono liste d’attesa e costi». Simona Montilla (AIFA): «Accordo in corso, aggiornamento a breve»

Intesa AIFA e FIMMG sui piani terapeutici destinati ai malati cronici. Questa la nuova alleanza che mira a determinare una svolta nella vita dei pazienti afflitti da patologie irreversibili. Infatti l’Agenzia Italiana del Farmaco ha avviato un tavolo di medicina generale alla presenza della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale, per snellire le procedure di prescrizione dei farmaci innovativi. Fino ad oggi la predisposizione della terapia e la prescrizione delle cure è stato compito esclusivamente dello specialista. L’iter risulta spesso impegnativo per il paziente che deve non solo prenotare una visita specialistica, pagando una media di 50 euro di superticket, ma anche attendere tempi lunghi per essere visitato.

«Un sistema poco calato nella realtà» commenta il Segretario nazionale FIMMG Silvestro Scotti, intervenuto in occasione della presentazione del XV Rapporto sulle Politiche della Cronicità. «La medicina generale deve aumentare la capacità di offerta al cittadino cronico – ribadisce Scotti – solo così si possono  risolvere i problemi dei ticket insieme al dilemma delle liste d’attesa. Per fare un esempio: sono anni che la FIMMG struttura una scuola di ecografia generalista visto e considerato che l’ecografia è tra le prestazioni più richieste con maggiore lista d’attesa. Se noi avessimo sul territorio dei medici generici, che possono effettuare delle ecografie con un primo approccio diagnostico, probabilmente si abbrevierebbero i tempi di attesa per il cittadino, in questo modo, il paziente avrebbe la percezione di un territorio che gli è più vicino, più efficace e più efficiente».

«È stata pubblicata una determina con la quale abbiamo istituito un gruppo di lavoro con la medicina generale ed altre associazioni di categorie – commenta Simona Montilla, dirigente Farmacista delle professionalità sanitarie di AIFA -. L’obiettivo è quello di lavorare sui piani terapeutici, cercare di sviluppare su una piattaforma web-base una semplificazione tanto della compilazione dei piani terapeutici e della successiva raccolta dati, quanto della possibilità per i pazienti di poter accedere più facilmente alle prescrizioni di farmaci. Il tavolo sta lavorando – conclude – la prossima riunione sarà a maggio, la fase di lavoro e sviluppo è in corso».

Dunque un ruolo più di primo piano per i medici di medicina generale, inevitabile che ad assumere un ruolo chiave sia la formazione che in questa ottica rappresenta lo strumento di aggiornamento e preparazione del medico che si troverebbe a implementare le sue funzioni. «Il soggetto cronico rimane un paziente- sottolinea Scotti – un paziente ordinario, infatti il malato raro è raro per la sua malattia ma è ordinario per tutto il resto: ha la necessità e il diritto di avere un medico di famiglia informato anche rispetto ai farmaci che normalmente quel medico non tratta. Quindi è doverosa una formazione soprattutto rispetto ai farmaci, anche perché per poter definire l’utilizzo di un altro farmaco, ho bisogno di avere contezza sull’interazione, ho bisogno di avere contezza su quello che possa essere modificato o meno, altrimenti il sistema specialistico è d’obbligo. Questo Paese non può permettere una sostenibilità in cui ogni paziente ha di fatto uno specialista di famiglia, né la specialistica né l’ospedalità può prendere in carico in maniera ordinaria questi malati, non c’è ospedale che reggerebbe, non c’è nessuna area specialistica che sopporterebbe una pressione che si potrebbe invece risolvere sul territorio nello studio del medico di famiglia. Con AIFA stiamo discutendo proprio di questo».

Articoli correlati
Covid-19, da AIFA via libera a vaccino Moderna per 12-17enni
L’Agenzia: «I dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza anche per i soggetti compresi in questa fascia di età»
Vaccini Covid, non grave l’88% delle reazioni avverse. Il sesto rapporto di farmacovigilanza Aifa
Il tasso di segnalazione di eventi gravi è pari a 18 ogni 100.000 dosi somministrate. Il 69% delle segnalazioni è relativo a Pfizer, il 25% ad AstraZeneca
Malattie croniche e pandemia, per 1 paziente su 3 terapie a rischio. L’indagine degli Psicologi Lazio
Durante la pandemia da Covid circa un terzo dei pazienti con malattie croniche ha faticato a comunicare con il proprio medico curante. Quasi uno su dieci ha addirittura smesso di contattarlo, mettendo seriamente a rischio la propria aderenza alle terapie. A rivelarlo è un’indagine realizzata dall’Osservatorio di Psicologia in cronicità in collaborazione con la Regione […]
Formazione mmg, ancora fermo il bando 2021-2024. Carenza di medici nelle grandi città
La denuncia del segretario Fimmg Silvestro Scotti: «Anche alcuni quartieri di Napoli sono scoperti. Ma le regioni continuano a rinviare il bando. Così rischiano di andare in sofferenza i soggetti fragili delle periferie». Anche nell’hinterland milanese mancano medici di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva