Salute 2 maggio 2017

Addio ticket e super-ticket ma codice verde a pagamento? Urbani (Min. Salute): «La sfida è parità di accesso alle cure»

«Contributi obbligati che rappresentano vere e proprie tasse sulla salute» la denuncia di Tonino Aceti,Coordinatore Nazionale del tribunale per i Diritti del malato di Cittadinanzattiva e Responsabile CnAMC. Andrea Urbani, Direttore Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute: «Abolizione? Se ne sta discutendo»

Ridurre le diseguaglianze del sistema sanitario pubblico. Come? Un passo in questa direzione potrebbe essere l’abolizione dei ticket e dei superticket. Questa l’ipotesi del Ministero della Salute che, in coordinamento con il Governo Gentiloni, sta valutando l’abolizione dei contributi obbligatori su visite specialistiche ed esami con l’introduzione del pagamento dei codici verdi in pronto soccorso. Infatti il Ministero, di raccordo con molte associazioni di pazienti, ritiene che, nonostante le esenzioni sulla base di reddito e tipologia di invalidità, i ticket e i superticket rappresentino un deterrente per effettuare visite diagnostiche e di prevenzione.

«La vera sfida è consentire a tutti pari accesso al sistema di cura a prescindere dalla situazione socio-economiche» commenta Andrea Urbani, Direttore Generale della Programmazione Sanitaria per il Ministero della Salute a margine della presentazione del XV Rapporto sulle Politiche della Cronicità. «In questa ottica è stato organizzato un primo tavolo fra Ministero e assessori regionali. Ci riaggiorneremo tra qualche giorno. Ogni Regione ha messo a disposizione i propri tecnici per costituire dei sottogruppi di lavoro che inizieranno ad ipotizzare delle soluzioni. Siamo adesso nella fase di studio delle diverse realtà regionali. È di tutta evidenza che l’attuale sistema di compartecipazione, al di là del gettito che porta, ha un sistema di organizzazione che probabilmente anziché comprimere aumenta le disuguaglianze dei cittadini. Allora la rivisitazione del sistema di compartecipazione, va letta in questa chiave più che nella logica di risparmio su ticket o aumento del ticket per far fronte alle spese. Il sistema va reso più equo, più omogeneo».

Sull’abolizione del superticket, ovvero il contributo di dieci euro che si paga su visite specialistiche ed esami in aggiunta al ticket, si esprime anche Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale del tribunale per i Diritti del malato di Cittadinanzattiva e Responsabile CnAMC (Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici).

«Noi chiediamo l’abrogazione del super ticket sulla ricetta che, in origine, era una misura temporanea introdotta nel 2011 e diventata poi definitiva, che rappresenta una vera e propria tassa sulla salute. Questo super ticket – prosegue Aceti – ha provocato uno squilibrio nel Servizio Sanitario Nazionale: intanto per alcune prestazioni, quelle a più basso costo, il combinato disposto del super ticket con i tempi d’attesa fa sì che il ricorso al privato sia la via concorrenziale rispetto al pubblico. Questo è uno squilibrio che va rimosso perché il servizio sanitario pubblico dovrebbe essere sempre la prima scelta per i cittadini».

Tuttavia, continua Aceti «È evidente che se si fa un ragionamento sui ticket bisogna anche rilanciare concretamente un’azione di contrasto all’evasione fiscale, altrimenti chi paga i ticket sono sempre ‘i soliti noti’ che pagano due volte, per se stessi e per chi non paga. Intanto c’è una parte di risorse pubbliche che entra nel Servizio Sanitario Nazionale tramite l’intramoenia, quelle risorse potrebbero andare a coprire il mancato gettito che deriverà dall’abrogazione del superticket. I nuovi Lea introducono alcune prestazioni nuove per i cittadini ma introducono anche nuovi ticket. Ecco: quei ticket siano finalizzati a coprire le mancate entrate del cosiddetto superticket. Poi la cosa più importante: eliminando il super ticket, buona parte delle prestazioni che sinora sono svolte nel privato, rientrerebbero nel pubblico. Questo vuol dire integrare tante risorse nel Servizio Sanitario».

Articoli correlati
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
Farmaci biosimilari, Ministero: campagne Aifa rivolte a medici e pazienti per loro uso appropriato
Le attuali conoscenze scientifiche – sottolinea il report del Ministero sulla nuova governance del farmaco - sono tali da garantire la sovrapponibilità in termini di efficacia e sicurezza fra i farmaci originatori e i biosimilari
Aids, nel 2017 sono 3443 le nuove diagnosi da infezione HIV. Più colpita la fascia di età 25-29 anni
Il Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e il Registro Nazionale Aids costituiscono due basi di dati dinamiche, permanentemente aggiornate dall’afflusso continuo delle segnalazioni inviate dalle regioni e dai centri segnalatori al Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Il COA pubblica annualmente un fascicolo del Notiziario dell’Istituto Superiore […]
Cittadinanzattiva e SIFO lanciano il progetto di monitoraggio civico delle farmacie ospedaliere
Un’osservazione sul campo delle attività delle farmacie ospedaliere, con il fine di misurare dal punto di vista dei cittadini l’accessibilità e la qualità dei servizi offerti, la loro capacità di garantire i diritti del malato, nonché individuare possibili azioni di miglioramento per una organizzazione più a misura di cittadino, valorizzandone al contempo il ruolo fondamentale […]
Farmacie italiane: molte potenzialità, troppe inespresse. I risultati del “I rapporto annuale”
Il presidente di Federfarma-Sunifar: «Grazie ai grandi sforzi compiuti dai titolari delle farmacie rurali il servizio è omogeneo su tutto il territorio nazionale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...