Salute 2 Maggio 2017

Addio ticket e super-ticket ma codice verde a pagamento? Urbani (Min. Salute): «La sfida è parità di accesso alle cure»

«Contributi obbligati che rappresentano vere e proprie tasse sulla salute» la denuncia di Tonino Aceti,Coordinatore Nazionale del tribunale per i Diritti del malato di Cittadinanzattiva e Responsabile CnAMC. Andrea Urbani, Direttore Generale della Programmazione Sanitaria Ministero della Salute: «Abolizione? Se ne sta discutendo»

Ridurre le diseguaglianze del sistema sanitario pubblico. Come? Un passo in questa direzione potrebbe essere l’abolizione dei ticket e dei superticket. Questa l’ipotesi del Ministero della Salute che, in coordinamento con il Governo Gentiloni, sta valutando l’abolizione dei contributi obbligatori su visite specialistiche ed esami con l’introduzione del pagamento dei codici verdi in pronto soccorso. Infatti il Ministero, di raccordo con molte associazioni di pazienti, ritiene che, nonostante le esenzioni sulla base di reddito e tipologia di invalidità, i ticket e i superticket rappresentino un deterrente per effettuare visite diagnostiche e di prevenzione.

«La vera sfida è consentire a tutti pari accesso al sistema di cura a prescindere dalla situazione socio-economiche» commenta Andrea Urbani, Direttore Generale della Programmazione Sanitaria per il Ministero della Salute a margine della presentazione del XV Rapporto sulle Politiche della Cronicità. «In questa ottica è stato organizzato un primo tavolo fra Ministero e assessori regionali. Ci riaggiorneremo tra qualche giorno. Ogni Regione ha messo a disposizione i propri tecnici per costituire dei sottogruppi di lavoro che inizieranno ad ipotizzare delle soluzioni. Siamo adesso nella fase di studio delle diverse realtà regionali. È di tutta evidenza che l’attuale sistema di compartecipazione, al di là del gettito che porta, ha un sistema di organizzazione che probabilmente anziché comprimere aumenta le disuguaglianze dei cittadini. Allora la rivisitazione del sistema di compartecipazione, va letta in questa chiave più che nella logica di risparmio su ticket o aumento del ticket per far fronte alle spese. Il sistema va reso più equo, più omogeneo».

Sull’abolizione del superticket, ovvero il contributo di dieci euro che si paga su visite specialistiche ed esami in aggiunta al ticket, si esprime anche Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale del tribunale per i Diritti del malato di Cittadinanzattiva e Responsabile CnAMC (Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici).

«Noi chiediamo l’abrogazione del super ticket sulla ricetta che, in origine, era una misura temporanea introdotta nel 2011 e diventata poi definitiva, che rappresenta una vera e propria tassa sulla salute. Questo super ticket – prosegue Aceti – ha provocato uno squilibrio nel Servizio Sanitario Nazionale: intanto per alcune prestazioni, quelle a più basso costo, il combinato disposto del super ticket con i tempi d’attesa fa sì che il ricorso al privato sia la via concorrenziale rispetto al pubblico. Questo è uno squilibrio che va rimosso perché il servizio sanitario pubblico dovrebbe essere sempre la prima scelta per i cittadini».

Tuttavia, continua Aceti «È evidente che se si fa un ragionamento sui ticket bisogna anche rilanciare concretamente un’azione di contrasto all’evasione fiscale, altrimenti chi paga i ticket sono sempre ‘i soliti noti’ che pagano due volte, per se stessi e per chi non paga. Intanto c’è una parte di risorse pubbliche che entra nel Servizio Sanitario Nazionale tramite l’intramoenia, quelle risorse potrebbero andare a coprire il mancato gettito che deriverà dall’abrogazione del superticket. I nuovi Lea introducono alcune prestazioni nuove per i cittadini ma introducono anche nuovi ticket. Ecco: quei ticket siano finalizzati a coprire le mancate entrate del cosiddetto superticket. Poi la cosa più importante: eliminando il super ticket, buona parte delle prestazioni che sinora sono svolte nel privato, rientrerebbero nel pubblico. Questo vuol dire integrare tante risorse nel Servizio Sanitario».

Articoli correlati
Medicina del territorio, Urbani (Ministero Salute): «Individuare strutture di riferimento per la bassa e media complessità»
L'audizione in Commissione Sanità dei dirigenti del Ministero Andrea Urbani, Rossana Ugenti e Giuseppe Viggiano sul potenziamento e la riqualificazione della medicina territoriale
Covid-19, Rezza (Ministero Salute): «Quarantena e lockdown ristretti strumenti essenziali»
Dal Festival della Scienza Medica il direttore della prevenzione del Ministero della Salute ripercorre le fasi della pandemia in Italia, e aggiunge: «L’economia la deprime il coronavirus, non il lockdown»
di Tommaso Caldarelli
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Fnopi: «Nuovi Lea, che fine ha fatto il “decreto Tariffe”?»
Aceti, presidente Fnopi, contro i tre anni di ritardo sul decreto tariffe: «Non fa che accrescere le disuguaglianza tra regioni»
Recovery Fund, Speranza al Senato: «Casa sia primo luogo di cura. Tra priorità rafforzamento IRCCS e ospedali green»
Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha illustrato al Senato le linee generali del piano per la sanità: c’è tempo fino ai primi di gennaio. «Coinvolgeremo anche sindacati, Ordini professionali e imprese nella stesura» ha sottolineato. Il rafforzamento della sanità territoriale al centro: «Investimenti su hospice, ospedali di comunità e RSA»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...