Salute 27 dicembre 2018

Malattie croniche e terapia domiciliare, Rossella Parini (pediatra metabolico): «Italia Paese ‘a pezzi’ che va ricompattato»

Nella gestione di queste patologie grandi disparità tra le regioni. La consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma: «Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia»

Immagine articolo

Un’Italia a macchia di leopardo quella dell’assistenza sanitaria alle malattie croniche, soprattutto quando si tratta di patologie rare. È risoluta nell’affermarlo Rossella Parini, specialista in Pediatria e in Genetica Medica, consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma presso l’Ospedale San Gerardo di Monza. Si fanno riforme, proposte di legge e nuovi regolamenti ma la ricaduta sul cittadino sembrerebbe ancora inefficace, in particolare il paziente paga la disparità territoriale per cui «ogni Regione gestisce l’assistenza in maniera diversa dall’altra», commenta la dottoressa.

Una soluzione a questa frammentazione regionale potrebbe essere «l’assistenza domiciliare – prosegue -. Ma anche in questa possibilità di cura, il nostro Paese si esprime in maniera diversa a seconda delle zone, ed è un dato di fatto che alcuni cittadini possono godere della terapia domiciliare e ad altri invece ne viene negato l’accesso».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

Il cittadino non si sente al centro della cura, soprattutto quando si tratta di terapie croniche. In tal senso parla chiaro l’ultimo Rapporto di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità che oltre a denunciare la mancanza di assistenza psicologica per malati cronici e rari insieme a lunghe liste d’attesa ingestibili, sottolinea la carenza di soddisfazione dell’utenza rispetto all’assistenza domiciliare: infatti il numero di ore di cura erogate a domicilio risulta insufficiente per il 61,9% della popolazione.

L’obiettivo comune di tutti gli attori del sistema dovrebbe dunque essere quello di «modificare il trattamento cercando di aprire le porte a quello domiciliare», che porterebbe oggettivamente molti vantaggi tra i quali uno sgravio economico sul sistema sanitario.

LEGGI ANCHE: HOME THERAPY PER MALATI RARI, ASSOCIAZIONI E ISTITUZIONI INSIEME. BINETTI: «DA VISIONE OSPEDALO-CENTRICA A TERRITORIALE»

«Noi tutti che ci occupiamo di malattie rare in Italia – racconta la dottoressa -, siamo molto in contatto con le associazioni territoriali, facciamo parte dei comitati scientifici e spingiamo in questo senso perché si compatti questa frammentazione che distingue cittadini di serie A da cittadini di serie B».

Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana «è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia – conclude la dottoressa -, questo è quello che dobbiamo riuscire ad attuare in maniera omogenea in tutte le Regioni».

Articoli correlati
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Malattie rare, la storia di Moira: «Per 20 anni mi sono sentita una X File, poi la diagnosi di CIDP»
STORIE RARE | «I primi sintomi sono comparsi a 18 anni: avevo difficoltà a parlare. Poi ho perso l’uso delle gambe e delle braccia, ma per fortuna grazie alle immunoglobuline ho recuperato l’autonomia. Ora le diagnosi sono più veloci». Così Moira Bressan, tra i protagonisti della campagna #lenostrestorie. Ilaria Ciancaleoni Bartoli (OMAR): «Le storie dei malati rari sono utili a pazienti e medici»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
Neuropatie disimmuni acquisite, Marra (CIDP): «Chiediamo di portare la cura nell’ospedale più vicino al paziente»
Se diagnosticate precocemente, queste malattie rare che colpiscono il sistema nervoso periferico possono essere affrontate con una terapia efficace per nove pazienti su dieci: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Cittadinanzattiva: «Bene “Arbitrato della salute” ma lavorare su prevenzione rischi e corretta comunicazione»
Così si è espressa l'organizzazione in merito alla proposta di Consulcesi volta a trovare una soluzione alle troppe controversie in ambito sanitario. La vicesegretaria Moccia: «Necessario lavorare per ridurre la conflittualità»
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...