Salute 27 Dicembre 2018

Malattie croniche e terapia domiciliare, Rossella Parini (pediatra metabolico): «Italia Paese ‘a pezzi’ che va ricompattato»

Nella gestione di queste patologie grandi disparità tra le regioni. La consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma: «Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia»

Immagine articolo

Un’Italia a macchia di leopardo quella dell’assistenza sanitaria alle malattie croniche, soprattutto quando si tratta di patologie rare. È risoluta nell’affermarlo Rossella Parini, specialista in Pediatria e in Genetica Medica, consulente per la Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma presso l’Ospedale San Gerardo di Monza. Si fanno riforme, proposte di legge e nuovi regolamenti ma la ricaduta sul cittadino sembrerebbe ancora inefficace, in particolare il paziente paga la disparità territoriale per cui «ogni Regione gestisce l’assistenza in maniera diversa dall’altra», commenta la dottoressa.

Una soluzione a questa frammentazione regionale potrebbe essere «l’assistenza domiciliare – prosegue -. Ma anche in questa possibilità di cura, il nostro Paese si esprime in maniera diversa a seconda delle zone, ed è un dato di fatto che alcuni cittadini possono godere della terapia domiciliare e ad altri invece ne viene negato l’accesso».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

Il cittadino non si sente al centro della cura, soprattutto quando si tratta di terapie croniche. In tal senso parla chiaro l’ultimo Rapporto di Cittadinanzattiva sulle politiche della cronicità che oltre a denunciare la mancanza di assistenza psicologica per malati cronici e rari insieme a lunghe liste d’attesa ingestibili, sottolinea la carenza di soddisfazione dell’utenza rispetto all’assistenza domiciliare: infatti il numero di ore di cura erogate a domicilio risulta insufficiente per il 61,9% della popolazione.

L’obiettivo comune di tutti gli attori del sistema dovrebbe dunque essere quello di «modificare il trattamento cercando di aprire le porte a quello domiciliare», che porterebbe oggettivamente molti vantaggi tra i quali uno sgravio economico sul sistema sanitario.

LEGGI ANCHE: HOME THERAPY PER MALATI RARI, ASSOCIAZIONI E ISTITUZIONI INSIEME. BINETTI: «DA VISIONE OSPEDALO-CENTRICA A TERRITORIALE»

«Noi tutti che ci occupiamo di malattie rare in Italia – racconta la dottoressa -, siamo molto in contatto con le associazioni territoriali, facciamo parte dei comitati scientifici e spingiamo in questo senso perché si compatti questa frammentazione che distingue cittadini di serie A da cittadini di serie B».

Poter gestire le cure in casa, soprattutto quando si tratta di trattamenti da effettuare costantemente, anche per più volte durante la settimana «è un salto di qualità per un paziente cronico e per la sua famiglia – conclude la dottoressa -, questo è quello che dobbiamo riuscire ad attuare in maniera omogenea in tutte le Regioni».

Articoli correlati
Cittadinanzattiva e Federfarma, al via nuovo Rapporto Annuale sulla Farmacia
Dopo il primo anno dedicato ai servizi nelle aree interne del Paese, nel 2019 è stato individuato come tema portante il ruolo delle Farmacie nella implementazione del Piano Nazionale della Cronicità per ciò che attiene alla Prevenzione e al supporto all'Aderenza terapeutica
Patto per la Salute, Gaudioso (Cittadinanzattiva): «Servono risorse certe con risultati misurati». Sulla formazione: «Coinvolgere i pazienti»
Il Segretario dell’associazione dei pazienti ha partecipato all’ultima riunione degli Stati generali della professione medica: «Ci saranno nei prossimi anni straordinari dilemmi etici ad esempio legati al costo delle cure, forse sempre più alti, la possibilità per il medico di affrontare questi dilemmi etici attrezzato è centrale e decisiva». Poi sottolinea: «Noi non ci rassegniamo ad avere cittadini di serie A e di serie B, professionisti di serie A e di serie B»
Poca prevenzione e molte diseguaglianze, Cittadinanzattiva lancia l’allarme sulla cura delle malattie croniche
Il Piano nazionale cronicità non ha inciso sulle differenze tra territori. Sebbene questo sia stato ormai formalmente recepito da 15 Regioni, risulta, nella maggior parte dei territori, profondamente disatteso
MonitoRare: presentato il V Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia
Presentata oggi alla stampa nella Sala Caduti di Nassirya del Senato, su iniziativa della Senatrice Paola Binetti, Presidente del Gruppo Interparlamentare delle Malattie Rare, la V edizione del Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia realizzato dalla Federazione Italiana Malattie Rare UNIAMO F.I.M.R. Onlus con il contributo non condizionato di Assobiotec, l’Associazione […]
Malattie rare, il 28 giugno è la giornata mondiale dedicata alla Fenilchetonuria
Si svolgerà il 28 giugno la giornata mondiale dedicata alla fenilchetonuria (PKU), malattia metabolica che in Italia, considerate tutte le varianti, colpisce 1 bambino ogni 2.581 nati. Interessa circa 50.000 persone nel mondo e rappresenta la malattia rara metabolica più diffusa nel nostro Paese. Se fino a 20 anni fa la PKU era una causa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone