Salute 29 Ottobre 2018

Home Therapy per malati rari, associazioni e istituzioni insieme. Binetti: «Da visione ospedalo-centrica a territoriale»

In un Paese a macchia di leopardo in cui alcune Regioni hanno in attivo terapie domiciliari e altre no, la voce delle associazioni: «Centralizzare l’assistenza per garantire cure domiciliari a tutti coloro che ne hanno bisogno»

Immagine articolo

«Un bambino che deve sottoporsi ad un’infusione in ospedale è spaventato, mentre se quella terapia la può fare a casa mentre gioca diventa tutto più facile». È la testimonianza di Flavio Bertoglio, presidente della Consulta Nazionale Malattie Rare e dell’Associazione Italiana Mucopolisaccaridosi e Malattie Affini Onlus (AIMPS) che da due mesi ha perso il figlio diciannovenne affetto da MPS II, o sindrome di Hunter, dopo aver combattuto una lunga battaglia per ottenere il diritto alla cura domiciliare. L’AIMPS insieme all’Associazione di Gaucher, all’Aiaf (Associazione italiana Anderson – Fabry Onlus), e all’Aig (Associazione italiana glicogenosi Onlus) ha organizzato un confronto con le istituzioni per fare il punto sullo stato dei lavori dell’Home Therapy per le malattie rare in Italia e firmare un patto d’alleanza per procedere unitamente verso un piano comune che vada a compattare l’eterogeneità regionale nell’assistenza.

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, OMAR COMPIE OTTO ANNI. LA DIRETTRICE BARTOLI: «IL FUTURO È RICERCA CLINICA E SCREENING NEONATALE»

«Nel nostro Paese questa è una battaglia che, soprattutto i pazienti e le famiglie, stanno portando avanti da anni», apre il dibattito Paola Binetti, Presidente dell’Intergruppo parlamentare per le malattie rare che mette l’accento sulla necessità di passare «da una visione ospedalo-centrica ad una visione territoriale che possa portare il paziente a curarsi fra le mura di casa. Garantirgli questo – prosegue la senatrice – significa garantirgli legami solidi, costanti, continui, significa consentirgli di vivere nelle migliori condizioni possibili per impiegare il suo tempo in maniera creativa, con spirito d’iniziativa e stabilità di contesti. Tutto questo sembrerebbe la cosa più naturale, ma purtroppo è difficile da realizzare e solo procedendo in una prospettiva di collaborazione forte in cui metto anche l’importante lavoro che da anni svolge l’Intergruppo parlamentare delle malattie rare, insieme al mondo della comunicazione, si possono ottenere dei risultati».

«Sarebbe auspicabile che almeno i malati più gravi non dovessero spostarsi tutte le settimane», fa notare Gianfranco Stefanelli, presidente AIG-Glicogenosi. «Voglio sottolineare che in Italia solo un paziente con malattia di Pompe (ndr. Malattia rara geneticamente ereditata) fa terapia domiciliare. Io ho parlato con i genitori di questo bimbo residente in Lombardia, e mi hanno detto che il piccolo da quando si cura a casa sta molto meglio e ha tempo di dedicarsi all’istruzione che prima era diventata marginale».

Altro problema fondamentale che è emerso rispetto alla necessità di trasportare le terapie a livello domiciliare è la situazione italiana a macchia di leopardo. «In alcune regioni si può fare, in altre ancora non se ne parla neanche», sottolinea Fernanda Torquati, presidente AIG-Gaucher che aggiunge «vorrei vedere le malattie rare trattate a livello nazionale, centrale, non dovrebbero essere gestite territorialmente perché trattandosi di malattie poco diffuse c’è una disparità di trattamento dovuta anche all’inesperienza di alcuni territori. La terapia domiciliare deve essere disponibile su tutto il territorio nazionale, non esistono pazienti di serie A e pazienti di serie B».

LEGGI ANCHE: MALATTIE RARE, TOMMASINA IORNO (UNIAMO): «LAVORARE SULLA DISOMOGENEITA’ TERRITORIALE NELL’ACCESSO AI SERVIZI SOCIO-SANITARI»

«Nelle regioni in cui la possibilità della cura domiciliare non viene concessa, i pazienti Fabry (ndr. malattia da deposito lisosomiale multisistemica, progressiva, ereditaria) si trovano in difficoltà a gestire le terapie perché non sempre nel loro caso la malattia gli viene riconosciuta come invalidità», spiega Stefania Tobaldini – Presidente AIAF. «Basta pensare che tanti pazienti non raccontano sul posto di lavoro di avere questa patologia e, non potendo curarsi a casa, sfruttano la pausa pranzo per scapicollarsi in ospedale e non chiedere troppi permessi. Uscire dall’ufficio, fare la terapia e tornare nel più veloce tempo possibile, li mette in serio rischio perché correndo in macchina possono incappare in incidenti o momenti di distrazione. Bisognerebbe riuscire a trovare una quadra da un confronto tra pazienti, famiglie associazioni e istituzioni e iniziare a lavorare di comune accordo».

Articoli correlati
Malattie rare, per la sclerosi tuberosa la chiave è la diagnosi precoce. Fondamentale una corretta formazione di ginecologi e pediatri
Moavero (neuropsichiatra infantile): «Un intervento precoce, anche prima dell’inizio di sintomi evidenti, può portare un miglioramento notevole nell’outcome a lungo termine». Così la dottoressa a Sanità Informazione
di Lucia Oggianu
Sindrome di Sjögren, Maria Teresa Bellucci (FdI): «Presenteremo proposta di legge per inserirla nell’elenco malattie rare»
Una proposta di legge per inserire nell’elenco delle malattie rare anche la sindrome di Sjögren. Ad annunciarla, nel corso del convegno “La Sindrome di Sjögren – Tra difficoltà quotidiane e proposte di legge” organizzato da Fratelli d’Italia, A.N.I.Ma.S.S. ONLUS e Accademia Togliani in Senato, l’onorevole di Fratelli d’Italia, Maria Teresa Bellucci, Capogruppo della Commissione Affari […]
Ecco la super-squadra al femminile che combatte la distrofia di Duchenne: focus sui pediatri per accelerare diagnosi
PTC Therapeutics Italia ha assunto neolaureate che incontreranno i pediatri di famiglia per condividere i campanelli d'allarme delle malattie neuromuscolari
Malattie Rare, il genetista Dalla Piccola: «Con tecniche genomiche diagnosi rapide nel 60% dei casi. In Piano nazionale armonizzare presa in carico dei pazienti»
Il luminare di fama mondiale, Direttore scientifico dell’Ospedale Bambino Gesù, parla delle nuove frontiere nel contrasto alle malattie rare: «C’è veramente una rivoluzione in atto e se è vero che ancora oggi dobbiamo lamentare che solo il 5% dei malati rari ha una cura (ma il 70% ha un trattamento di variabile efficacia) possiamo prevedere che l’evoluzione più significativa nei prossimi anni sarà proprio verso lo sviluppo di nuovi protocolli di terapia che cambieranno la storia di molti di questi pazienti». Il 20 marzo si riunisce il Tavolo di lavoro per l’elaborazione del Piano nazionale
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Nasce l’Osservatorio Terapie Avanzate: stop alle fake news sulle tecnologie biomediche
Alcuni pensano ancora che l’editing genomico e CRISPR servano a clonare bambini e scimmiette per soddisfare le megalomanie umane, ma la verità è che nei laboratori di tutto il mondo si lavora senza sosta per fornire risposte concrete ai pazienti, in prima battuta quelli con malattie rare. Genome editing, terapia genica, terapia cellulare, immunoterapia (e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone