Salute 4 Gennaio 2018

Stai male? Ti si legge in faccia! Lo studio inglese per individuare i malati con un solo sguardo

Riconoscere un malato con uno sguardo? Pallore, viso gonfio, palpebre abbassate e stanchezza. Lo studio pubblicato su ‘Proceedings of the Royal Society B’

Immagine articolo
Pallore, viso gonfio, palpebre abbassate e stanchezza. Potrà forse sembrare ovvio che in presenza di questi segnali non ci si senta proprio in forma, eppure per la prima volta uno studio, pubblicato recentemente su ‘Proceedings of the Royal Society B’ e condiviso su Science, ha dimostrato scientificamente come, solamente guardando una persona in faccia, si possa intuire il suo stato di salute. Sono stati infatti studiati i lineamenti dei malati e le reazioni di chi li guarda, ottenendo dei risultati forse non del tutto scontati.

Per raggiungerli, i ricercatori hanno collaborato con sedici volontari. Ad alcuni di loro è stata iniettata una soluzione senza alcun effetto sulla salute, mentre ad altri un batterio che li ha fatti ammalare, portando il loro sistema immunitario a reagire come se ci fosse un’infezione. Dopo alcune ore i volontari, malati e non, sono stati fotografati e le loro immagini sono state mostrate a 62 persone che le hanno valutate, senza ovviamente sapere quali avessero ricevuto il batterio e quali il placebo. Dovendo rispondere se il soggetto fosse sano o malato in meno di 5 secondi, sono stati in grado di identificare l’81% delle persone malate.

Per capire quali fossero gli elementi principali che avessero aiutato la maggior parte delle 62 persone coinvolte a dare la risposta corretta, è stato chiesto ad altre 60 persone di valutare quanto rilevasse ogni elemento (pelle e labbra più pallide, palpebre e angoli della bocca abbassati, gonfiore del volto, rossore degli occhi e stanchezza) per presumere la presenza della malattia. È risultato che il pallore e l’abbassamento delle palpebre siano i principali indicatori della malattia.

Quindi, è il consiglio di Science, se tra i buoni propositi per l’anno nuovo c’è quello di non ammalarsi, state alla larga da colleghi e amici con sguardi pallidi e stanchi.

Immagine di Audrey Henderson tratta da Science

 

Articoli correlati
Coronavirus, decine di migliaia di studi pubblicati: «Così sono infruibili»
Una squadra di ricerca applica algoritmi di machine learning a oltre 30mila pubblicazioni. La scoperta? «Studi genetici, biomolecolari e test di laboratorio sono sottorappresentati»
di Tommaso Caldarelli
Si possono avere Covid e influenza contemporaneamente? Susanna Esposito spiega cosa sappiamo
Secondo la presidente dell'Associazione mondiale per le malattie infettive la compresenza dei due virus è possibile e distinguerli sarà molto difficile durante l'inverno. Dall'America arrivano timori di un maggior rischio di insufficienza respiratoria, ma per Esposito non ci sono abbastanza dati
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
Un naso elettronico sarà in grado di riconoscere il tumore ovarico dal respiro
Lo studio, realizzato dell’Istituto dei Tumori e dell’Università Statale di Milano e condotto dal professor Raspagliesi, rivela: «Nell’espirato sono presenti dei composti organici volatili che sono legati alla presenza della malattia»
di Federica Bosco
Valore dei plasmaderivati nelle malattie rare. Il progetto PRONTI incontra i farmacisti del SSN della Regione Lazio
Nell’ambito del progetto promosso da CSL Behring, impegnata nella produzione di farmaci per le malattie rare, si è tenuto oggi un evento ECM online
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 22 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto