Mondo 4 Gennaio 2018 18:38

Stai male? Ti si legge in faccia! Lo studio inglese per individuare i malati con un solo sguardo

Riconoscere un malato con uno sguardo? Pallore, viso gonfio, palpebre abbassate e stanchezza. Lo studio pubblicato su ‘Proceedings of the Royal Society B’

Stai male? Ti si legge in faccia! Lo studio inglese per individuare i malati con un solo sguardo
Pallore, viso gonfio, palpebre abbassate e stanchezza. Potrà forse sembrare ovvio che in presenza di questi segnali non ci si senta proprio in forma, eppure per la prima volta uno studio, pubblicato recentemente su ‘Proceedings of the Royal Society B’ e condiviso su Science, ha dimostrato scientificamente come, solamente guardando una persona in faccia, si possa intuire il suo stato di salute. Sono stati infatti studiati i lineamenti dei malati e le reazioni di chi li guarda, ottenendo dei risultati forse non del tutto scontati.

Per raggiungerli, i ricercatori hanno collaborato con sedici volontari. Ad alcuni di loro è stata iniettata una soluzione senza alcun effetto sulla salute, mentre ad altri un batterio che li ha fatti ammalare, portando il loro sistema immunitario a reagire come se ci fosse un’infezione. Dopo alcune ore i volontari, malati e non, sono stati fotografati e le loro immagini sono state mostrate a 62 persone che le hanno valutate, senza ovviamente sapere quali avessero ricevuto il batterio e quali il placebo. Dovendo rispondere se il soggetto fosse sano o malato in meno di 5 secondi, sono stati in grado di identificare l’81% delle persone malate.

Per capire quali fossero gli elementi principali che avessero aiutato la maggior parte delle 62 persone coinvolte a dare la risposta corretta, è stato chiesto ad altre 60 persone di valutare quanto rilevasse ogni elemento (pelle e labbra più pallide, palpebre e angoli della bocca abbassati, gonfiore del volto, rossore degli occhi e stanchezza) per presumere la presenza della malattia. È risultato che il pallore e l’abbassamento delle palpebre siano i principali indicatori della malattia.

Quindi, è il consiglio di Science, se tra i buoni propositi per l’anno nuovo c’è quello di non ammalarsi, state alla larga da colleghi e amici con sguardi pallidi e stanchi.

Immagine di Audrey Henderson tratta da Science

 

Articoli correlati
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali