Salute 28 aprile 2015

Ma è vero che i vaccini fanno male e in ospedale ti fanno ammalare?

Un super convegno per tagliare le gambe ai falsi miti della sanità. Tabù e luoghi comuni smantellati grazie ai pareri degli esperti. Riflettori accesi sulle reali emergenze, senza tralasciare le eccellenze

Immagine articolo

In ospedale entri sano ed esci malato”. “Donare il sangue fa male alla salute”. “I vaccini possono portare alla disabilità o alla morte”.

Sono solo alcune delle dicerie che aleggiano intorno al mondo della sanità, e sono queste a “nuocere gravemente alla salute”. Dicerie demolite, una ad una, durante il convegno, intitolato appunto “La sanità in Italia: falsi miti e vere eccellenze” organizzato dal Ministero della Salute e tenutosi a Roma lo scorso 22 aprile, nel Complesso Monumentale di S. Spirito in Sassia. Protagonisti dell’evento, oltre al ministro Beatrice Lorenzin e alle istituzioni, i maggiori esperti sul campo e personaggi del mondo dello spettacolo e dell’informazione.

Non solo lo “stop alle bufale” ha animato la giornata, ma anche la volontà di sottolineare le eccellenze della sanità pubblica e di promuovere una rinnovata cultura scientifica in Italia, con il supporto indispensabile dei canali d’informazione: a loro l’onere di veicolare messaggi corretti e coerenti. Un punto importante è stato tracciato sull’approccio adeguato per risolvere le principali emergenze socio sanitarie del nostro Paese: nell’agenda del Ministero è protagonista indiscussa la formazione per gli operatori sanitari, un canale da implementare attraverso il potenziamento dell’Educazione Continua in Medicina.

Falsi miti e luoghi comuni – dagli immigrati che portano malattie agli sprechi del sistema sanitario – alimentati dalla disinformazione, escono a pezzi dal confronto, perché non facciano più breccia nell’opinione pubblica danneggiando la comunità. L’invito, insomma, è riflettere con cognizione di causa sui reali problemi del nostro Ssn: uno fra tutti il divario, ancora troppo ampio, tra i sistemi sanitari regionali del Nord e quelli del Sud Italia. Sul punto, la priorità del Ministero è che le Regioni in piano di rientro riescano a raggiungere una parità di bilancio, così da poter garantire, non solo sulla carta, i Livelli essenziali di assistenza.

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila