Salute 28 Aprile 2015

Ma è vero che i vaccini fanno male e in ospedale ti fanno ammalare?

Un super convegno per tagliare le gambe ai falsi miti della sanità. Tabù e luoghi comuni smantellati grazie ai pareri degli esperti. Riflettori accesi sulle reali emergenze, senza tralasciare le eccellenze

Immagine articolo

In ospedale entri sano ed esci malato”. “Donare il sangue fa male alla salute”. “I vaccini possono portare alla disabilità o alla morte”.

Sono solo alcune delle dicerie che aleggiano intorno al mondo della sanità, e sono queste a “nuocere gravemente alla salute”. Dicerie demolite, una ad una, durante il convegno, intitolato appunto “La sanità in Italia: falsi miti e vere eccellenze” organizzato dal Ministero della Salute e tenutosi a Roma lo scorso 22 aprile, nel Complesso Monumentale di S. Spirito in Sassia. Protagonisti dell’evento, oltre al ministro Beatrice Lorenzin e alle istituzioni, i maggiori esperti sul campo e personaggi del mondo dello spettacolo e dell’informazione.

Non solo lo “stop alle bufale” ha animato la giornata, ma anche la volontà di sottolineare le eccellenze della sanità pubblica e di promuovere una rinnovata cultura scientifica in Italia, con il supporto indispensabile dei canali d’informazione: a loro l’onere di veicolare messaggi corretti e coerenti. Un punto importante è stato tracciato sull’approccio adeguato per risolvere le principali emergenze socio sanitarie del nostro Paese: nell’agenda del Ministero è protagonista indiscussa la formazione per gli operatori sanitari, un canale da implementare attraverso il potenziamento dell’Educazione Continua in Medicina.

Falsi miti e luoghi comuni – dagli immigrati che portano malattie agli sprechi del sistema sanitario – alimentati dalla disinformazione, escono a pezzi dal confronto, perché non facciano più breccia nell’opinione pubblica danneggiando la comunità. L’invito, insomma, è riflettere con cognizione di causa sui reali problemi del nostro Ssn: uno fra tutti il divario, ancora troppo ampio, tra i sistemi sanitari regionali del Nord e quelli del Sud Italia. Sul punto, la priorità del Ministero è che le Regioni in piano di rientro riescano a raggiungere una parità di bilancio, così da poter garantire, non solo sulla carta, i Livelli essenziali di assistenza.

Articoli correlati
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Coronavirus, Scaccabarozzi: «Vaccini già in produzione, ci assumiamo il rischio»
Ecco come è andato il webinar “Nuovi modelli per la Governance delle cure” con Beatrice Lorenzin, Pier Carlo Padoan, Pierluigi Lopalco, Luca Pani, Giorgio Racagni e Paolo Siani
di Tommaso Caldarelli
Appello del Board del Calendario per la Vita: «Mantenere e incrementare coperture vaccinali per bambini e anziani»
«Evitiamo di aggiungere pandemie alla pandemia, aanche ri-organizzando i servizi di vaccinazione e rassicurando la popolazione»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco