Salute 23 gennaio 2018

Lombardia, Federfarma incontra Gori: «Potenziare ruolo sanitario e sociale farmacie»

In vista delle regionali, il candidato del centrosinistra si rivolge ai farmacisti lombardi: «Siete soggetto idoneo a erogare anche nuovi servizi di valenza sociale che devono rientrare a pieno titolo nella rete del sistema sanitario». La presidente Racca: «Momento di confronto importante»

Le farmacie al centro della campagna elettorale per le regionali. Ieri il candidato del centrosinistra Giorgio Gori ha incontrato i delegati delle farmacie lombarde, un incontro che è stato definito da Federfarma «un riconoscimento delle farmacie quale presidio indispensabile del territorio». Le farmacie, da sempre il presidio più immediato alla domanda di salute dei cittadini, sono per Gori una priorità. «Ritengo – ha affermato il sindaco di Bergamo – che la naturale capacità professionale di essere vicino ai bisogni della popolazione, soprattutto la più fragile, rendano le farmacie un soggetto idoneo a erogare anche nuovi servizi di valenza sociale che devono rientrare a pieno titolo nella rete del sistema sanitario».

L’incontro è stato valutato positivamente anche da Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia, che ha parlato di «un momento di confronto importante, per parlare di programmi specifici nel nostro settore. Le farmacie si aspettano che sempre più in futuro si tenga conto del nostro ruolo di primo presidio sul territorio del Servizio sanitario regionale». Federfarma ha auspicato un potenziamento del ruolo sanitario e sociale della farmacia del territorio sia nelle zone urbane che nelle zone rurali della Lombardia, e che vi siano maggiori investimenti per incrementare una ‘farmacia dei servizi’ più vicina ai bisogni dei cittadini.

Ieri intanto Gori ha inaugurato il suo comitato elettorale a Milano e ha confermato che proseguirà il suo tour elettorale nella Regione, che dal giorno del lancio della candidatura, il 18 novembre, ha toccato 53 tappe. Sono 400 i comitati già attivi a sostegno della sua candidatura e 4mila i volontari impegnati sul territorio.

Articoli correlati
DiaDay, ecco i dati della prima edizione: 19mila casi di diabete, ma il 3% non lo sapeva
SINTESI DEI DATI DEL DIADAY 2017, PRIMA CAMPAGNA NAZIONALE DI SCREENING GRATUITO DEL DIABETE IN FARMACIA Nell’ambito della campagna DiaDay realizzata in 5.671 farmacie italiane sono stati monitorati gratuitamente 160.313 individui in soli 11 giorni. Si tratta di un chiaro esempio di come la farmacia possa essere un soggetto di primaria importanza nell’attuazione di screening […]
Screening diabete in farmacia, torna il DiaDay: Pagliacci (Sunifar): «Lo scorso anno individuati oltre 4mila malati ignari»
Presto al via la seconda edizione della campagna nazionale dell’analisi gratuita nelle farmacie di tutta Italia: «Scoprire per tempo il diabete, o accertarne la predisposizione, aiuta il paziente a curarsi prima e meglio e al Ssn di risparmiare risorse»
Epidemia di polmonite in Lombardia, oltre 150 al Pronto Soccorso. ATS Brescia: «Occhio a docce e vasche»
Tra i comuni più colpiti Montichiari, Calvisano e Carpenedolo. L’assessore alla Sanità Gallera: «Fino ad ora 52 campionamenti, stiamo lavorando per capire origine»
Il paradosso di Vanzago: 1600 bambini e nessun pediatra. Il sindaco: «Cure a rischio per chi non può spostarsi»
Gli abitanti del Comune dell’hinterland milanese dovranno presto andare altrove per curare i loro figli. Problemi anche per il medico di famiglia. Il primo cittadino Sangiovanni: «Chiedo al Ministro di rinegoziare il contratto con i pediatri e i medici di base, serve flessibilità in deroga alle norme attuali»
Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»
Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila