Salute 22 Dicembre 2017

«Lo sport è quasi come una medicina». Parola della campionessa olimpica Margherita Granbassi

Lo sport fa bene alla salute e al Servizio Sanitario Nazionale. La collaborazione del Coni con il Ministero della Salute per incentivare l’attività fisica di tutti

Non siamo nati per stare fermi. È l’incipit della campagna di comunicazione ideata dal Ministero della Salute, dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Coni per sensibilizzare la popolazione a far sport e attività fisica, a qualunque età. L’incremento dell’attività contribuisce infatti a prevenire e a tenere sotto controllo diverse malattie, a far dimagrire le persone in sovrappeso e a mantenere il peso forma, a vivere meglio e più a lungo, senza dimenticare il benessere psico-fisico, visto che l’attività fisica apporta benefici anche dal punto di vista psicologico e sociale.

La campagna ha visto la partecipazione di grandi campioni olimpici delle discipline più disparate, dal ginnasta Juri Chechi al judoka Fabio Basile, passando per le schermitrici Elisa Di Francisca e Margherita Granbassi che, intervenuta alla conferenza stampa di presentazione della campagna di sensibilizzazione, si è fermata a parlare ai microfoni di Sanità Informazione.

«Sapevamo già che lo sport fosse fondamentale per prevenire malattie di ogni tipo e fosse utile strumento per l’integrazione sociale, ma è ovvio che una conferma dal mondo scientifico ci incentiva ancora di più a perseguire questa strada. E riferendoci allo sport non stiamo parlando soltanto di vincere delle medaglie, ma dello sport di base per tutti, per i ragazzini, per le persone adulte e gli anziani. Bisogna cercare di fare molto più movimento e cercare di incentivare le persone a farlo».

Ma qual è la quantità di attività raccomandata? Secondo le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, tra i 5 e i 17 anni è consigliabile praticare almeno un’ora di esercizio fisico moderato al giorno (come giocare all’aperto) e come minimo 3 sedute la settimana di attività aerobica (correre o andare in bicicletta). Nell’adulto l’attività fisica deve essere praticata per almeno 150 minuti a settimana con intensità moderata (camminata veloce, lavori domestici). Le stesse indicazioni valgono per gli over 65, che tuttavia dovrebbero aggiungere anche la pratica di esercizio per l’equilibrio almeno 3 volte a settimana in modo da prevenire le cadute.

«Abbiamo visto – prosegue la Granbassi – quanto lo sport sia importante anche per la spesa pubblica, per cui io sono felice di poter dare la mia testimonianza». Dall’elaborazione di alcuni dati del Ministero risulta infatti che un aumento dell’attività fisica determinerebbe un minor costo per il Servizio Sanitario Nazionale pari a 2.331.669.947 euro in termini di prestazioni specialistiche e diagnostiche ambulatoriali, trattamenti ospedalieri e terapie farmacologiche.

«Io ho smesso da qualche anno lo sport agonistico – racconta Margherita Granbassi – e adesso sto vivendo due situazioni: quella di madre, che mi vede promuovere e incentivare il movimento di mia figlia, che per fortuna mi dà retta quindi non è uno stress per me ma un piacere per entrambe; al contempo io sto continuando a far movimento, non più per vincere una medaglia, ma proprio per sentirmi meglio. E vedo che funziona veramente, è quasi come una medicina».

 

Articoli correlati
Nel mondo un suicidio ogni 40 secondi. I dati OMS
«Nonostante i progressi compiuti in questi anni, ogni 40 secondi una persona si suicida». Alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus lancia l’allarme. Sono solo 38 infatti i Paesi al mondo che hanno dato vita a delle strategie di prevenzione. «Di più […]
Morbillo, OMS: «Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania non sono più ‘free’». Rischiano anche gli USA
Nel primo semestre 2019, nella regione europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, registrati più casi di tutto il 2018: 90mila contagi e 37 decessi. E scendono in campo anche i social media
Calcio, gli infortuni sono scritti nella genetica. Giordano (Sbarro Institute): «Allenamenti personalizzati per limitarli»
Il direttore del centro di ricerca di Philadelphia: «Abbiamo dato vita al primo test diagnostico e preventivo sullo sviluppo degli infortuni dei calciatori e osservato che la comparsa dell’infortunio viene indicata da anomalie di cinque geni». Lo studio è stato condotto con il Napoli, ma è pronto a sbarcare Oltreoceano
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...