Salute 1 Agosto 2019

“Liberiamoci dalla violenza”: primo centro pubblico in Italia per uomini autori di maltrattamenti. Ecco come funziona

Nato a Modena nel 2011 segue il modello norvegese: «I norvegesi – spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta del Centro – sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Ogni settimana, in Italia, in media, tre donne sono vittime di femminicidio. Madri che avrebbero potuto continuare a prendersi cura dei propri figli, giovani che avrebbero potuto realizzare i propri sogni, se solo qualcuno le avesse allontanate in tempo dal proprio assassino.

Ed è proprio per “curare” gli uomini violenti, per guidarli verso il cambiamento prima che diventino dei killer che è nato “Liberiamoci dalla Violenza”  (Ldv), il primo esempio in Italia di struttura pubblica dedicata al trattamento di uomini autori di maltrattamenti. Gestito direttamente dall’U.O Consultori Familiari in integrazione con il servizio di Psicologia dell’azienda Usl di Modena è ad accesso gratuito (ha sede presso il Consultorio Familiare di viale Don Minzoni 121 a Modena, riceve su appuntamento ed è contattabile sia al numero telefonico 366-5711079 che alla mail ldv@ausl.mo.it).

«È  stato inaugurato il 2 dicembre del 2011 – racconta  Monica Dotti, coordinatrice del Centro Ldv – e ad una settimana dall’apertura è stato accolto il primo uomo. In tre mesi l’affluenza è aumentata, soprattutto grazie alle donne che, trovando i nostri volantini, incitavano i propri partner al cambiamento».

Ma è l’uomo a dover contattare personalmente il Centro:  «Nella prima fase di accoglienza – spiega Alessandro De Rosa, psicologo e psicoterapeuta di Ldv –  è necessario valutare la motivazione: l’uomo, per poter intraprendere questo cammino al nostro fianco, deve innanzitutto riconoscere di avere dei comportamenti violenti».

Il percorso che ci si troverà ad affrontare segue il modello norvegese: «I norvegesi -aggiunge De Rosa – sono stati i primi, già 25 anni fa, a mettere a punto una psicoterapia ad hoc per uomini violenti. Solo di recente l’Europa ha provveduto ad emanare delle linee guida specifiche».

Tutti i professionisti che lavorano all’interno del Centro hanno seguito un percorso di formazione: «Gli esperti norvegesi – dice De Rosa – si occupano in prima persona della nostra preparazione e, durante il corso dell’anno, supervisionano il nostro lavoro e provvedono al nostro aggiornamento professionale».

Dall’inaugurazione ad oggi, il Centro ha lavorato costantemente a pieno regime, accogliendo circa 300 uomini: «Attualmente  –  sottolinea De Rosa –  ce ne sono 4 in attesa del colloquio di accoglienza».

Chiunque intraprenda il suo percorso di cambiamento, superata la prima fase, quella dell’acquisizione della consapevolezza, seguirà sedute di psicoterapia individuali e/o di gruppo per una durata, in media, di 12-18 mesi. «Attraverso questo percorso – aggiunge lo psicoterapeuta – aiutiamo gli uomini ad eliminare ogni comportamento violento in tutte le sue forma, non solo fisica. Insieme ripercorriamo gli anni passati, fino all’infanzia, per individuare eventuali traumi o retaggi culturali possibili cause di comportamenti maltrattanti».

Le sedute di psicoterapia si svolgono una o due volte alla settimana: «Nel frattempo – specifica lo psicologo  – questi uomini svolgono una vita normale: di solito sono inclini alla violenza solo in famiglia e risultano molto ben integrati sia nella vita sociale che in quella lavorativa».

Il modello norvegese prevede il contatto con la partner attuale o ex, ma non la sua presa in carico.  «Terminato il percorso di psicoterapia –  dice De Rosa – sono previsti degli incontri di follow up a distanza di 6,12 e 24 mesi. Contemporaneamente, si ascolterà anche la compagna per verificare l’effettivo cambiamento ed il suo mantenimento».

Risultato? «Constatiamo l’interruzione delle violenza nella maggior parte dei casi –  risponde lo psicologo -, la dimostrazione che per aiutare chi subisce i maltrattamenti -conclude – bisogna tendere una mano anche a chi è l’artefice di questa stessa violenza».

Articoli correlati
Coronavirus, rivelata la “doppia faccia” del testosterone che aumenta i rischi negli uomini
Edoardo Guastamacchia, presidente di AME: «A livelli normali l'ormone aumenta rischio infezione, a livelli bassi incrementa il rischio complicanze e morte»
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»