Salute 7 Marzo 2024 11:50

Le bevande zuccherate possono aumentare il rischio di fibrillazione atriale

Il consumo di bevande zuccherate sembra associato a un rischio maggiore di sperimentare fibrillazione atriale, una condizione caratterizzata dal ritmo cardiaco irregolare. Lo rivela uno studio condotto dagli scienziati dello Shanghai Ninth People’s Hospital e della Shanghai Jiao Tong University, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Circulation: Arrhythmia and Electrofisiology

Le bevande zuccherate possono aumentare il rischio di fibrillazione atriale

Il consumo di bevande zuccherate sembra associato a un rischio maggiore di sperimentare fibrillazione atriale, una condizione caratterizzata dal ritmo cardiaco irregolare. Lo rivela uno studio condotto dagli scienziati dello Shanghai Ninth People’s Hospital e della Shanghai Jiao Tong University, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Circulation: Arrhythmia and Electrofisiology. I ricercatori, guidati dallo scienziato Ningjian Wang, hanno utilizzato le informazioni della Biobanca britannica per valutare la correlazione tra il ritmo cardiaco e l’assunzione di bevande zuccherate. Sono stati presi in considerazione i dati di 201.856 partecipanti, di età compresa tra i 37 e  i73 anni, seguiti per una media di quasi 10 anni. I volontari si sono sottoposti a esami genetici e questionari per riportare le loro abitudini alimentari.

Entro il 2030 oltre 12 milioni soffriranno di fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale  si verifica quando il cuore batte in modo irregolare, e può aumentare di circa cinque volte il rischio di ictus. Secondo le statistiche dell’American Heart Association, entro il 2030 oltre 12 milioni di persone soffriranno di questa condizione. Il lavoro, essendo di natura osservazionale, non poteva confermare una relazione di causalità tra il consumo di bevande zuccherate e la fibrillazione. “Nonostante ciò – commenta Wang – sappiamo dalla letteratura scientifica che questi prodotti possono provocare obesità e diabete di tipo 2, per cui consigliamo di ridurre il più possibile il consumo di bevande zuccherate e di prestare attenzione ai prodotti zuccherati artificialmente a basso contenuto calorico”.

Due litri di bevande zuccherate a settimana aumentano del 20% il rischio di fibrillazione atriale

Stando a quanto emerge dall’indagine, l’assunzione di almeno due litri di bevande zuccherate a settimana è correlato a un aumento del 20 per cento del rischio di sperimentare fibrillazione atriale, mentre un consumo di un litro a settimana di succo di frutta puro sembrava associato a un rischio inferiore dell’8 per cento di incorrere in un ritmo cardiaco irregolare. “Questi risultati – afferma Wang – evidenziano la necessità di sviluppare nuove strategie di prevenzione per migliorare la salute del cuore delle varie fasce di popolazione”.

Si sconsiglia di proporre bevande zuccherate ai più piccoli

I ricercatori hanno anche valutato la predisposizione genetica alla fibrillazione atriale come fattore determinante. In realtà, l’analisi ha rilevato un rischio elevato in caso di consumo di due litri a settimana, indipendentemente dalla predisposizione genetica. “Sebbene i meccanismi alla base di questa correlazione non siano ancora chiari – conclude Wang – ipotizziamo che le bevande zuccherate possano influenzare la resistenza all’insulina. E’ importante ricordare che è assolutamente sconsigliato proporre le bevande zuccherate ipocalorico ai più piccoli. Saranno necessari ulteriori approfondimenti, ma nel frattempo, consigliamo a tutti di dissetarsi con l’acqua”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...