Salute 3 Gennaio 2022 11:09

La storia di Nadia, l’influencer siciliana che abbatte (in moto) le barriere della disabilità

«Fin dall’adolescenza mi sono scontrata con i miei limiti, poi ho deciso di superarli. Oggi il mio intento è aiutare anche gli altri a farlo»

La storia di Nadia, l’influencer siciliana che abbatte (in moto) le barriere della disabilità

“Chi nasce disabile in un piccolo centro del sud Italia, nasce disabile due volte”. Ad affermarlo è Nadia Lauricella, ventottenne influencer siciliana di Racalmuto, provincia di Agrigento, in campo contro l’abilismo (la discriminazione attuata nei confronti delle persone con disabilità), con all’attivo oltre 50 mila followers su Instagram e 763 mila su Tik Tok.

Nadia, focomelica dalla nascita a causa di una malformazione che per la quale non ha sviluppato gli arti superiori e solo parzialmente gli arti inferiori (che usa per compiere la maggior parte delle attività quotidiane come scrivere, mangiare, truccarsi) si è scontrata con il pregiudizio e gli stereotipi, ma non si è data per vinta. La sua “rinascita” è la dimostrazione che da una volontà di ferro (come suggerisce il suo nickname Ironadia) e dalla consapevolezza di non essere inferiore a nessuno nasce la possibilità di andare oltre i propri limiti, di poter mostrare ciò che si è al di là della propria disabilità, e che accettarsi ed amarsi è la chiave per superare tutti gli ostacoli, aprendo una breccia nella coltre di tabù che ancora aleggia intorno al tema della disabilità.

I social? Lo strumento per intercettare e sensibilizzare il più possibile, per attuare quella “piccola grande rivoluzione culturale” e diventare portavoce della diversità come unicità. Il sogno realizzato? Poter praticare motocross grazie alla mototerapia, e diventare vicepresidente dell’associazione che porta questa disciplina sul territorio nazionale. Ecco la sua storia ai nostri microfoni.

Nadia, nella tua vita qual è stata la fase più difficile da affrontare?

«Sicuramente l’adolescenza: purtroppo chi nasce disabile in un piccolo paese della Sicilia, come me, nasce disabile due volte. Perché purtroppo esiste una mentalità che tende ad addossare pregiudizi e stereotipi, e quindi la disabilità, essendo la prima cosa che balza all’occhio, era come un’etichetta. Nonostante io abbia sempre avuto molte amicizie, nel periodo dell’adolescenza i miei coetanei vivevano le prime cotte e storielle, ma io non ero oggetto di quelle attenzioni. In quella fase mi sono percepita come “diversa”. Cosa che invece non era mai accaduta durante l’infanzia, da bambina ero molto integrata, le miei compagne di classe facevano a gara per sedersi accanto a me. Tra l’altro, non avevo nessuno che mi spingesse ad esplorare le mie capacità, ero solo circondata da persone che non facevano altro che ricordarmi i miei limiti. Tutto era un “no”, “non puoi riuscirci”, “non fa per te”. E tutti quei no si erano radicati in me, sono no a cui ho creduto fino ai miei 24 anni».

Poi cosa è successo?

«Poi ho deciso finalmente di fare qualcosa per me, di abbracciare la mia condizione e di accettarla chiedendomi “cosa posso fare per migliorare”? Intanto ho deciso di rifare la protesi alla gamba, perché avevo un obiettivo, comune a tutte le donne: indossare i tacchi. Ho iniziato quindi anche un percorso ortopedico riabilitativo, con la consapevolezza della mia unicità ho imparato ad amarmi, anche esteticamente. Ad oggi, con la maturità dei miei 28 anni, ho accettato di non essere un peso per le persone che mi aiutano in alcune attività quotidiane, come invece temevo di essere un tempo».

Quanto ti hanno aiutata i social nel veicolare il messaggio di cui sei portavoce?

«Moltissimo, sicuramente, non appena ho iniziato ad usarli bene, con consapevolezza del messaggio che volevo lanciare. Volevo liberarmi delle etichette che mi hanno condizionato per anni e che non mi appartenevano. Avevo proprio voglia di mostrare chi è Nadia. Dietro ogni persona c’è un mondo che va conosciuto e che merita di essere conosciuto. Quindi con molta semplicità ho iniziato a raccontare la mia routine, la mia vita, le mie esperienze, anche il mio percorso riabilitativo. In parallelo con l’interesse dimostrato dai miei follower, sta cambiando il modo di approcciarsi alla disabilità nel territorio in cui vivo, le persone non si rivolgono più a me con toni pietistici o infantili. Molti mi scrivono: “la tua disabilità è evidente, ma la tua personalità e il viverti nella quotidianità anche attraverso i social ce ne fa dimenticare. Non vediamo più la disabilità, vediamo te”».

Sei una ragazza con molti interessi e passioni, una fra tutte il motociclismo, come sembra di capire dalle tue pagine social…

«Mi sono appassionata al mondo del motocross vedendo i video di Vanni Oddera, ex campione mondiale di freestyle e ideatore della mototerapia, che ha creato un modo per avvicinare la disabilità ai motori. In moto riesco a provare emozioni uniche, io non posso correre ma la moto corre al posto mio facendomi vivere quell’attimo di adrenalina e gioia allo stato puro. In moto la disabilità non esiste, esisti solo tu, lei, e colui che ti porta, con il quale inevitabilmente si crea un rapporto indissolubile. Oggi grazie alla mototerapia ho anche una mia associazione, la Motorlife di cui sono vicepresidente, grazie alla quale riusciamo a portare la mototerapia in tutto il Sud Italia. Riusciamo ad avvicinare tantissimi bambini e ragazzi con disabilità ai quali, così come succedeva a me, sono sempre stati mostrati solo i limiti dati dalla loro condizione e non le possibilità, e ai quali invece oggi riusciamo a dire con cognizione di causa che sì, volere è potere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
Università: migliora l’accesso agli studenti con disabilità
Diffuso il nuovo report dell'Anvur su accesso alle università da parte degli studenti disabili. Registrati importanti miglioramenti
di Redazione
«C’è molta strada da fare sulla percezione della disabilità», Comellini (Anvur)
Anvur invita a migliorare la percezione della disabilità nelle università e nella società in generale
di Redazione
Abetone Cutigliano 2022: il “Pinocchio sugli sci” apre alla disabilità ed allo sport accessibile
All’interno delle iniziative di Abetone Cutigliano città Toscana dello Sport 2022, l’amministrazione comunale, insieme alla Regione Toscana e all’Osservatorio Malattie Rare, ha organizzato una intera giornata dedicata alla disabilità con la promozione del convegno “Abetonabile: città dello sport, città per tutti”. Durante il convegno, moderato da Francesco Macchia, Vicepresidente di OMaR, molti gli interventi di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi