Salute 29 Novembre 2019

La sfida green in sanità: Nuova Villa Claudia diventa eco-sostenibile, è la prima in Italia

La struttura privata, immersa nel verde del Parco di Veio a Roma, ha raccolto l’appello lanciato nel 2015 durante la Conferenza Internazionale sul clima di Parigi con la Health Climate Challenge

Sostenibile, responsabile e inclusiva. Sono le parole d’ordine di Nuova Villa Claudia, la prima casa di cura in Italia a convertirsi totalmente all’ecosostenibilità. La struttura privata, immersa nel verde del Parco di Veio a Roma, ha deciso di raccogliere l’appello lanciato nel 2015 durante la Conferenza Internazionale sul clima di Parigi con la Health Climate Challenge, che ha mobilitato le istituzioni sanitarie di tutto il mondo a svolgere un ruolo leader nell’affrontare il cambiamento climatico anche ripensando agli investimenti in Sanità: dalla costruzione di nuovi presidi alla ristrutturazione di quelli esistenti, in armonia con il territorio, l’ambiente e la Salute collettiva.

“Abbiamo scelto di pensare green” è il nome del progetto che Nuova Villa Claudia ha adottato per ripensare in chiave ambientale, tutti i suoi processi. «E’ un lavoro a lungo termine, saranno 5 anni di progetto fino ad arrivare ad una riduzione importante dell’impatto ambientale della struttura» spiega a Sanità Informazione, Laura Melis, Direttore Generale Nuova Villa Claudia. «Certo, non saremo mai green al cento per cento, perché si può immaginare di quanta energia abbiamo bisogno anche solo per far partire una risonanza magnetica. Però ci stiamo lavorando. Cercheremo di approvvigionarci attraverso il geotermico, si tratta di energie alternative importanti».

Si partirà dalla filiera degli acquisti. «Tutti i fornitori – spiega la direttrice della struttura privata – saranno chiamati a certificare l’ecosostenibilità dei loro prodotti. Dal prodotto per le pulizie, all’acquisto del materiale». Un primo passo tutt’altro che semplice. «Sembra poco ma è una cosa complicatissima perché in Italia il concetto green è ancora molto lontano. C’è una sostenibilità economica poco conveniente per un’azienda. Il green oggi in Italia costa. Facevamo l’esempio sciocco della carta riciclata. Una risma costa in media il doppio di una non riciclata. Bisogna fare grandi approvvigionamenti per abbattere i costi».

LEGGI: CAMBIAMENTI CLIMATICI E SMOG, D’AMATO: «ALLARME POLLINI ALLERGENICI, IN AUMENTO ASMA E MUCOSITI»

Il faticoso percorso di riconversione ambientale, al momento è vissuto in solitaria. «Al momento non abbiamo incentivi, ma stiamo puntando a vedere a livello europeo come possiamo prenderli». Durante la conferenza stampa di presentazione del progetto, l’assessore alla Sanità, Alessio D’Amato ha annunciato la volontà della Regione Lazio di creare incentivi per sostenere chi si convertirà al green. «Quello che chiederei in questo momento è di velocizzare e prevederlo anche per piccoli importi. Noi siamo una grande azienda che può ridurre le spese ordinando tanto, ma se noi vogliamo far passare il concetto di green anche nelle piccole aziende, bisogna che questi incentivi si ramifichino».

Da qui l’idea di una “Centrale d’acquisti green”. «Ci sono altre piccole aziende che non hanno la possibilità di comprare in grandi quantità e quindi si ritrovano con prezzi duplicati. Attraverso questa centrale d’acquisti come aziende possiamo unirci per comprare solo green ma tutti insieme, così chi deve comprare ad esempio venti risme di carta e non duecento può approvvigionarsi senza costi maggiorati»

«L’importante – puntualizza Melis – è che le istituzioni comprendano che se vuoi fare green, se vuoi che le imprese e le persone investano nell’eco-sostenibile devi fare in modo aiutarle a sostenere la spesa che almeno deve essere pari a quello che spendono per il non-green, in modo tale che chi non può permettersi di pagare di più posso scegliere con la testa e il cuore, non con il portafoglio».

Articoli correlati
Un miliardo e mezzo per la sanità pubblica ecologica. Al via il progetto finanziato dal Recovery Fund
Il progetto verrà presentato a metà settembre ed è stato affidato dai Ministri Speranza e Costa e dal Viceministro Sileri al professor Antonio Giordano (Sbarro Institute di Philadelphia e Università di Siena)
«Prima di prendere qualsiasi decisione, si valuti l’impatto sulla salute dei cittadini». Intervista a Roberta Siliquini
Su Elsevier Public Health, una lettera aperta sull’Health Impact Assessment a firma di un team di studiosi piemontesi, tra cui l'ex presidente del Consiglio Superiore di Sanità. Fra i casi presentati, Tav e Ilva
di Tommaso Caldarelli
Covid-19: nasce Rescop, task force internazionale dei “guardiani dell’ambiente e della salute”
Scienziati e ricercatori hanno risposto positivamente all'appello della Sima e verificheranno la presenza del coronavirus sul particolato atmosferico delle città più colpite
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Dal “British Medical Journal” l’appello per una nuova visione della medicina
Sono pediatri, epidemiologi e scienziati di fama gli autori dell’appello internazionale pubblicato lo scorso 7 novembre sulle pagine del “British Medical Journal” rivolto a medici e scienziati di tutto il mondo per invertire la rotta nella direzione della prevenzione primaria: smettere di “fare la conta” dei malati e fornire ai decisori, in tempo reale, le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...